NEWS

Una Lamborghini Miura da concorso

28 giugno 2016

La Miura restaurata dalla Lamborghini PoloStorico si è aggiudicata il concorso di eleganza e stile della Cartier svoltosi a Goodwood.

Una Lamborghini Miura da concorso

RICONOSCIMENTO D’ESORDIO - La Lamborghini ha avviato da poco una sua attività nel settore delle auto storiche del marchio. La divisione creata si chiama Lamborghini PoloStorico e recentemente ha ultimato il suo primo restauro integrale: una Lamborghini Miura (numero di telaio 4846) del 1971. La nuova realtà della marca del Toro ha avuto un debutto lusinghiero al Festival of Speed di Goodwood, dove la giuria del concorso di eleganza “Cartier Style et Luxe” ha proclamato la Miura in questione vincitrice assoluta del premio. 

PER LA FESTA DI COMPLEANNO - L’evento è particolarmente significativo perché quest’anno ricorrono i 50 anni dalla presentazione del modello Miura. L’esemplare premiato a Goodwood è la Miura che fu esposta al salone di Ginevra del 1971 per la presentazione della Miura SV. Dopo 45 anni, grazie al lavoro del PoloStorico della casa di Sant’Agata, la vettura ha ritrovato le condizioni che aveva proprio sotto i padiglioni ginevrini. La vittoria del premio da parte della Miura 4846 fresca di restauro è stata salutata con soddisfazione e orgoglio dall’amministratore delegato della Lamborghini Automobili Stefano Domenicali: «Siamo fieri che la vittoria del Concorso di eleganza Style et Luxe di Cartier sia andata alla prima vettura restaurata dal nostro PoloStorico» - ha commentato Domenicali, che ha proseguito  - «Goodwood Festival of Speed è un evento che celebra la passione per il mondo dell’auto, di ieri e di oggi. Per Lamborghini è motivo di orgoglio prendervi parte”.

PANORAMICA DEL PASSATO - La ricorrenza del cinquantenario della Miura ha fatto sì che la Lamborghini sia stata una delle protagoniste principali del Festival of Speed di Goodwood. Ciò grazie alla presenza di numerose vetture del Toro, tra cui anche una Huracan Spyder su cui Stefano Domenicali e Lord March - padrone di casa a Goodwood - hanno compiuto la salita su cui si svolge la parte dinamica della manifestazione. La casa di Sant’Agata per l’occasione aveva portato in Inghilterra diversi modelli del passato come l’Espada, la Countach, la Jarama, la Silhouette e la Diablo. Tutte uscite dalla “matita” del designer delle Lamborghini classiche Marcello Gandini.

Aggiungi un commento
Ritratto di Claus90
28 giugno 2016 - 16:27
Che bello lo stile italiano è stato ed è sempre apprezzato nel mondo, bellissima la Miura.
Ritratto di Gasswagen
28 giugno 2016 - 16:37
Per favore dite ai teutoni che loro non c'entrano nulla con la Miura e con tutte le altre Lamborghini.del passato. Loro c'entrano come i cavoli (o krauti meglio) a merenda.
Ritratto di Supergivan
29 giugno 2016 - 16:54
:) vero, anzi verissimo! Diciamo che a fascino, le matite italiane sono sempre le migliori! E la Miura per me rimane la n°1 in assoluto!
Ritratto di luigi sanna
28 giugno 2016 - 19:40
5
Opera d'arte su 4 ruote! Probabilmente una delle 5 più belle di sempre!
Ritratto di LamboV12
29 giugno 2016 - 13:58
Sempre bella la Miura, specialmente così verde. Bella anche la Diablo VT alla sua sinistra: dal vero ha il culo più affascinante in assoluto!
Ritratto di supermax63
11 agosto 2016 - 02:15
Nothing compares to Miura una delle più belle macchine mai costruite Nel mio garage dei sogni:Miura, Jaguar E-Type, Mercedes 300 SL Gull Wing, Citroën Traction Avant, Maserati Ghibli, Porsche 911, Aston Martin DB5, Fiat Dino Coupé e Spider, Lancia Stratos, Alfa Romeo Touring Superleggera Disco Volante, Ferrari 250 GTO, 365 GTB4 Daytona, Dino 246 GT