NEWS

Uso delle targhe “Prova”: questione in sospeso

31 maggio 2018

Il ministero dell’Interno invita a sospendere le multe per l’uso improprio delle targhe “Prova”, in attesa delle decisioni del Consiglio di Stato.

Uso delle targhe “Prova”: questione in sospeso

UN COLPO DI RAGIONEVOLEZZA - Per andare incontro alle esigenze del settore auto, il ministero dell’Interno ha deciso di sospendere le procedure sanzionatorie contro chi viene colto in situazione ritenuta irregolare nell’utilizzo della targa “Prova”. L’iniziativa è provvisoria: la sospensione è infatti a scadenza. Quando il Consiglio di Stato avrà emesso il giudizio sulla materia, ci sarà una situazione chiara in cui non dovrebbero esserci dubbi su quando e come è corretto l’utilizzo di tale targa. Notoriamente è uno strumento di lavoro per concessionari, commercianti e autoriparatori, i quali con la targa “P” possono movimentare più veicoli, questo per i collaudi, per far eseguire le prove veicoli ai clienti, eccetera. Il ricorso al Consiglio di Stato per fare chiarezza deriva dal fatto che nel marzo scorso lo stesso ministero dell’Interno era intervenuto sull’argomento sostenendo che le targhe Prova erano utilizzabili soltanto sui veicoli non ancora immatricolati. 

INTERPRETAZIONI E CONTRODEDUZIONI - L’iniziativa era parsa come frutto di un errore o di un abbaglio, in quanto da sempre questo strumento serve per garantire l’operatore (venditore o autoriparatore) dai rischi della circolazione con veicoli di cui non è tenuto a sapere se sono o meno assicurati. Perché le targhe Prova sono legate a una polizza che segue appunto la targa. D’altra parte l’impiego di queste ultime è strettamente vincolato agli usi professionali; il che vuol dire che sul veicolo deve esserci solo una delle persone registrate per la targa “P” che sta usando, e al massimo il cliente della vettura stesa. Quindi, per intenderci, non è ammesso andare in discoteca o cose del genere con un’auto che utilizza la targa Prova. Si vedrà ora cosa dirà il Consiglio di Stato, anche se la legge c’è ed è quella che vale.

Aggiungi un commento
Ritratto di FOXBLACK
31 maggio 2018 - 19:48
Come uno al mio paese che gira con una mustang cabrio anche di domenica con targa prova. ..
Ritratto di Porsche89
31 maggio 2018 - 20:29
Si stanno perdendo in un bicchier d'acqua. Si può usare solo dalle 8.00 alle 20.00 week end esclusi. Poi va da caso a caso si può anche dire ''chiunque faccia un uso improprio della targa prova ha il sequestro del veicolo'' ovvio che se c'è il povero venditore alle 16 di domenica che sta facendo provare la nuova autovettura ai clienti ed è in zona industriale è un conto...se è lo stronzo con la lamborghini a riccione in targa prova è un altro...non ci vuole un genio
Ritratto di Porsche89
31 maggio 2018 - 22:45
Prego? Secondo te è giusto che chi lavora non può usare la targa prova perché qualche strnzo ne abusa? Cagati in mano e prenditi a schiaff se proprio vuoi cag... su qualcosa
Ritratto di Roomy79
31 maggio 2018 - 22:58
1
Vedo che la questione ha preso subito una piega estremamente tecnica, con disquisizioni di alto livello in materia giuridica.
Ritratto di Porsche89
31 maggio 2018 - 23:11
A differenza di certi babbei una spiegazione tecnica l’ho data! Perché tutti devono rimetterci perché pochi strnzi ne abusano? Non è giusto...che inaspriscano le pene per chi ne abusa invece di limitare tutti
Ritratto di vincio80
1 giugno 2018 - 16:49
4
Porsche89 senza offesa dovrebbe parlare chi conosce il mestiere. Da commerciante posso dire che il sabato ho sempre gente che viene a provare l'auto; e aggiungo che, visti i tempi, se me lo chiedono la domenica mi alzo e vado ad accogliere il pubblico quando serve. E se venerdì salgo a Torino a ritirare un'auto spesso scendo fino a Roma guidando nel weekend. E quando ritiro un'auto dall'officina la provo per 1000Km prima di commercializzarla dovrei forse girare in tondo lungo il Grande Raccordo Anulare? La targa prova costa 2000€/anno e non si spendono quei soldi per una cosa inutile. Quindi, visto che il settore è già massacrato da bolli, superbolli, assicurazioni elevate, passaggi di proprietà costosi, accise sulla benzina mi domando: siamo proprio sicuri di voler introdurre ancora limitazioni? Giusto 3gg fa un cliente mi ha preso a parolacce perchè gli ho negato il giro di prova. Aggiungo che l'assicurazione RC della targa prova è strutturata come quelle delle auto private assoggettate a "circolazione ordinaria" ossia la responsabilità civile è garantita fino al limite di occupanti riportato a libretto. Spero di non essere stato sgarbato ma le cose sono nei termini che ho descritto. Spero -lo ripeto- spero che pesino attentamente le scelte, altro che le assurdità che ho letto qui... Buona giornata a tutti. Vincenzo Barra Vigna Clara Garage PS. L'auto sportiva e vistosa la ho anch'io spesso l'ho portata a raduni domenicali ed è valsa come biglietto da visita, mi ha fatto conoscere clienti e chiudere affari. Tutte attività dimostrative compiute in giorni festivi o superfestivi (ad es. il 1° Maggio) collegate al commercio.
Ritratto di Challenger RT
2 giugno 2018 - 04:15
Perfettamente d'accordo con vincio80. Secondo la normativa attualmente in vigore la targa prova può essere utilizzata H24 e tutti i giorni dell'anno da chi è in possesso di regolare autorizzazione (e assicurazione). Gente come Porsche89 fa disinformazione!
Ritratto di Porsche89
2 giugno 2018 - 09:54
No...lavoro in concessionaria so bene come funziona..dico come dovrebbe a mio modesto parere funzionare per evitare un utilizzo scorretto di targhe prova. Forse mi sono espresso male
Ritratto di Roomy79
1 giugno 2018 - 00:12
1
Infatti, posso dire che non hai di certo iniziato tu, ma il cafone di sopra. Mi chiedo cosa si iscrive a fare ai blog certa gente.