NEWS

Ibride ed elettriche: nel primo trimestre 2015 balzo in Europa

30 aprile 2015

Rispetto all'analogo periodo del 2014, le 144.421 unità rappresentano un passo avanti del 28,8%. In proporzione, meglio le elettriche.

Ibride ed elettriche: nel primo trimestre 2015 balzo in Europa
BENISSIMO LE ELETTRICHE - Veicoli ecologici a propulsione alternativa? Secondo i dati della ACEA, l'associazione dei produttori europei di auto, le immatricolazioni sono in ascesa. Nel primo trimestre del 2015 ammontano a 144.421 nel Vecchio Continente, con un aumento del 28,8% rispetto all'analogo periodo dell'anno precedente. Significativo, pur se in termini assoluti si tratta di numeri ristretti, l'incremento delle elettriche: da 11.304 unità si è passati a 24.630, con un aumento del 117,9%.
 
IBRIDE QUASI PARI CON LE BI-FUEL - Le ibride, per contro, aumentano fino a quota 56.704, totalizzando un +21,4% significativo ma forse non del tutto eclatante, visto che si tratta di una tecnologia verosimilmente più matura (e a oggi più versatile) rispetto a quella delle elettriche. Le bi-fuel a gas naturale, infine, arrivano a quota 63.807 (+16,5%).
 
ITALIA TERZA - Relativamente ai singoli Stati, è il Regno Unito a crescere più di tutti in termini percentuali, con il 64,2% in più, seguito dalla Francia con il 33,9%. Terza è l'Italia con il 18,1% di margine tra il primo trimestre 2014 e il primo trimestre 2015; tra i Paesi extra-UE, è la Norvegia a fare registrare il progresso migliore, con un +32,7% e 10.901 unità nei primi tre mesi dell'anno.
 
  Q1 Q1 %
  2015 2014 Change
AUSTRIA 1.463 915 59,9
BELGIUM 3.446 3.031 13,7
BULGARIA 57 45 26,7
CZECH REPUBLIC 1.374 546 151,6
DENMARK2 614 325 88,9
ESTONIA 100 116 -13,8
FINLAND 878 706 24,4
FRANCE 17.446 13.029 33,9
GERMANY 12.569 11.290 11,3
GREECE 291 135 115,6
HUNGARY 169 142 19,0
IRELAND3 992 642 54,5
ITALY 60.952 51.616 18,1
LATVIA 77 82 -6,1
NETHERLANDS 8.494 7.749 9,6
POLAND 3.179 1.565 103,1
PORTUGAL 1.047 647 61,8
ROMANIA 65 70 -7,1
SLOVAKIA 319 205 55,6
SPAIN 5.003 2.553 96,0
SWEDEN 5.068 4.068 24,6
UNITED KINGDOM 20.818 12.680 64,2
EUROPEAN UNION 144.421 112.157 28,8
EU15 139.081 109.386 27,1
EU (New Members) 5.340 2.771 92,7
NORWAY 10.901 8.214 32,7
SWITZERLAND 2.817 2.117 33,1
EFTA 13.718 10.331 32,8
TOTAL EUROPE (EU+EFTA) 158.139 122.488 29,1
WEST. EUROPE (EU15+EFTA) 152.799 119.717 27,6

 



Aggiungi un commento
Ritratto di Andrea Ford
30 aprile 2015 - 18:56
Da un lato ci sono questi dati che non ammettono repliche,dall'altro la scarsa lungimiranza degli USA dove le vendite delle ibride sono legate essenzialmente all'andamento del prezzo della benzina infatti ora che e' sceso ai minimi storici, le vendite negli USA stanno andando giu',un po' per l'arrivo della pensione ormai prossimo per la Prius III la cui quarta e parecchio avanzata generazione arrivera' il prossimo anno, molto perché gli americani comprano essenzialmente in base al momento senza pensare al dopo, e' sciocco comprare in base a un fattore cosi' suscettibile di cambiare repentinamente come quello del prezzo alla pomp@ un ibrida io la compro a prescindere (perché consumare di piu' e spendere piu' soldi ogni anno per il carburante quando si puo' spendere la meta'), e poi, pur non conoscendo i vantaggi fiscali di cui godono le ibride in America, una cosa e' certa: Spenderò in ogni caso molto meno in manutenzione ordinaria rispetto ad un auto tradizionale.
Ritratto di Renward
4 maggio 2015 - 15:17
2
Andrea vorrei darti ragione ma proprio non ci riesco... Sono proprietario di una Honda Insight (ibrida, ovviamente) da dicembre del 2009 e ci ho fatto 123.000 km. Non posso lamentarmi dell'auto che, da brava Honda, va benissimo ed è molto comoda, ma i tagliandi/manutenzione sono cari al pari di una vettura classica, anzi, a me sono sembrati più frequenti e con un costo eccessivo (ho fatto da poco il tagliando dei 120mila km e mi è costato 1000€). Il fattore consumi è si vantaggioso rispetto ad un benzina classico, ma MOLTO meno di quanto si pensa, perché un'ibrida costa di più all'acquisto (come una diesel), il peso maggiorato per il pacco batterie si mangia una parte del vantaggio del doppio motore, con un consumo finale paragonabile a quello di una buona motorimotorizzazione diesel moderna (che però ha il gasolio che costa meno, anche se poco). Aggiungici la beffa finale: ho pagato la mia auto nuova 18.500€ (ne costava circa 23.870€) con sconti ed ecoincentivi (che ora non esistono più) ed ora che vorrei cambiarla, da quotazione ufficiale di Eurotax, mi ci darebbero 2.480€!!! Potresti obiettare che magari tutto questo discorso è relativo solo al mio modello di auto e magari avresti anche ragione, io non lo so, però ad oggi, se mi chiedessero perché una persona dovrebbe optare per una ibrida io mi sentirei di rispondergli che lo si fa solo per una propria coscienza ecologica e per qualche piccolo vantaggio che alcuni comuni danno alle auto con questa tipologia di motorizzazione.