NEWS

Volkswagen: in futuro più guadagni e nuove suv

05 maggio 2017

La casa tedesca ha basato la strategia di rilancio sull'incremento dei profitti e sulle suv: ne arriveranno sette entro il 2018.

Volkswagen: in futuro più guadagni e nuove suv

PRATICHE PIÙ SVELTE - Il 2016 è stato per la marca Volkswagen un anno di transizione, partito con il riassestamento dopo lo scandalo Dieselgate e finito con l'annuncio del piano industriale fino al 2025 per aumentare la quota di automobili elettriche sul totale di quelle vendute. Un primo bilancio delle operazioni è stato fornito venerdì 5 maggio nel corso della tradizionale assemblea annuale, organizzata a Wolfsburg, in cui l’amministratore delegato Herbert Diess e la dirigenza hanno fatto il punto sulle condizioni della società (video qui sotto). Il manager ha spiegato che l’azienda è impegnata a rivedere alcune procedure interne, con l’ambizione di abbattere gli sprechi e aumentare i profitti: questi obiettivi saranno raggiunti velocizzando l’arrivo sul mercato dei nuovi modelli, sveltendo la produzione negli stabilimenti più utilizzati e migliorando i vari processi costruttivi.

TUTTO SULLE SUV - Nei piani dell’azienda c’è anche un maggior impegno nei confronti delle suv (quelle vendute in tutto il mondo saranno 19 a regime) e il lancio di una nuova vettura nell’impianto di Wolfsburg, che arriverà nel 2018 e non avrà il marchio Volkswagen: stando alle indiscrezioni, il modello potrebbe essere una suv grande della Seat. I risultati delle nuove politiche saranno visibili fra qualche anno, non appena tutte le novità entreranno a regime. Nel frattempo però l’azienda tedesca deve concentrarsi sul presente e cercare di soddisfare gli obiettivi, a partire da quello sui la Volkswagen accusa le maggiori difficoltà: il margine di guadagno. I manager sono convinti che possa aumentare dal 2,5-3,5% del 2017 al 6% del 2025, passando per il 4% del 2020. L’obiettivo è uno fra quelli principali inseriti nel programma Transform 2025+.

RISCATTO IN NORD AMERICA - La Volkswagen intende far crescere le vendite in Cina (arriveranno 9 modelli da qui al 2018) e recuperare il terreno perso in Nord America, dove le conseguenze del Dieselgate hanno avuto un impatto molto serio in termini di reputazione fra gli automobilisti. Per questo motivo l’azienda lancerà due nuovi modelli ogni anno fino al 2020 e confida per quell’anno di azzerare le perdite. La “scaletta” è fitta di novità anche per il resto del mondo, stando agli annunci fatti nel corso della conferenza: fino al 2018 arriveranno sette nuove suv in tutto il mondo, comprese le due attese quest’anno. Nei piani della Volkswagen c’è anche l’impegno a diventare la prima casa al mondo per numero di auto elettriche vendute, che secondo i programmi dovranno essere 1 milione l’anno dal 2025. La casa tedesca non dimentica però il Dieselgate, che finora le è costato oltre 20 miliardi di dollari fra multe e compensazioni: in Europa è stata richiamata la metà delle vetture in regola, mentre la parte restante delle Volkswagen passerà in officina entro fine 2017.





Aggiungi un commento
Ritratto di Ercole1994
5 maggio 2017 - 19:37
Suv, suv dappertutto....non se ne può più! Spero che prima o poi ritorni un decennio fatto solo di piccole sportivette e coupè accessibili.
Ritratto di Alfiere
5 maggio 2017 - 20:28
1
Ci piacerebbe: gli anni 90 sono andati per sempre.
Ritratto di Ercole1994
5 maggio 2017 - 21:48
Ahimè si, avrei voluto vivere la mia attuale età proprio negl'anni 90, decennio stupendo in molte cose, in primis sulle tipologie di auto più in voga tra i giovani.
Ritratto di Fr4ncesco
6 maggio 2017 - 11:53
2
E' anche colpa delle case se c'è disinteresse dei giovani per le auto, perchè continuano a propinare auto poco appetibili dal punto di vista emozionale, con la scusa che questi siano più nerd che in passato e cercano di attrarre le nuove generazioni con gadget elettronici che poco hanno a che fare con le macchine. Un paio di sportivette di cui una accessibile dovrebbero avercele tutte le case. Qualcosa da parte di Nissan, Toyota e GM si è anche mosso ma sono rimasti prototipi purtroppo. Come si ingegnano a fare motori che rientrino nelle normative dei vari paesi possono anche ingegnarsi a fare qualcosa di economico ma divertente allo stesso tempo.
Ritratto di Ercole1994
6 maggio 2017 - 12:11
Non posso che concordare con te Fr4ncesco. Purtroppo siamo in pochissimi a richiedere auto che ci danno più passionalità, che tecnologia. Per questo adoro auto come la GT86, che incarnano perfettamente l'ideale di sportivetta pura, ad un costo abbastanza accessibile.
Ritratto di mika69
8 maggio 2017 - 12:31
Come posso dimenticare la mia Honda CRX del 1992... che tempi...
Ritratto di Rav
6 maggio 2017 - 12:17
3
Qualche nuova sportivetta accessibile a listino piacerebbe anche a me, però è pur vero che cercandone di usate se ne trovano tante e a prezzi interessanti proprio perchè tanti si stanno muovendo su altri segmenti. Senza voler puntare alle ultime Mercedes o BMW, ci si porta a casa delle Peugeot RCZ o delle SLK o Z4 di un paio di generazioni fa al prezzo di una Panda nuova. Auto che sono ancora del tutto attuali. Qualche anno fa ho acquistato una sportiva da godermi l'estate a condizioni buonissime. Personalmente penso che siano comunque auto da usare nel weekend su strade libere perchè la sportiva è bella, ma stare un'ora fermi in coda dentro una MX5 (tanto per dirne una) è prima di tutto frustrante oltre che davvero scomodo. Questo senza voler per forza imporre SUV, categoria che comunque apprezzo.
Ritratto di Fr4ncesco
6 maggio 2017 - 14:13
2
Vero che questi seguenti esistono ancora per alcuni marchi premium, forse per il fascino del blasone, e quindi si possono trovare accessibilmente usate, ma secondo me è un conto diverso da nuova di una buona generalista. Nemmeno qualcosa di troppo sofisticato. Basterebbe anche il telaio di un'utilitaria ma ben ben calibrata, con un motore pimpante, una posizione di guida bassa ed una linea sexy. Senza comunque denigrate tutti i SUV che hanno anche loro un'utilità.
Ritratto di Ercole1994
6 maggio 2017 - 20:10
Certi suv li apprezzo per carità, ma non sono il mio tipo di auto, per questo non riesco a "digerire" completamente questo continuo proliferare di suv/crossover. Magari nel bel decennio, in molti si erano rotti di vedere sempre le stesse auto, ma sono comunque punti di vista, senza ovviamente nessun disprezzo :).
Ritratto di carlo1967
9 maggio 2017 - 09:00
Un mondo senza Suv , sarebbe un mondo migliore.
Pagine