NEWS

Volkswagen ID.3: c’è la realtà aumentata

Pubblicato 21 dicembre 2020

L’elettrica Volkswagen ID.3 è dotata del dispositivo che proietta sul parabrezza informazioni utili a migliorare sicurezza di guida.

Volkswagen ID.3: c’è la realtà aumentata

UN GRANDE SCHERMO - La Volkswagen ID.3, l’elettrica a grandi volumi della casa tedesca, ha introdotto diverse novità tecnologiche. Fa parte di esse l’head-up display, ossia il dispositivo che proietta sul parabrezza dell’auto alcune importanti informazioni, trasformandolo di fatto in un grande schermo che sovrappone gli elementi virtuali a quelli reali presenti sulla strada (guarda il video qui sotto).

REALTÀ AUMENTATA - Rispetto a quelli più comuni, l’head-up display della Volkswagen ID.3 proietta le informazioni su due distinti livelli visivi. Sulla porzione più grande dello “schermo” virtuale, posizionata nel campo visivo del guidatore, vengono proiettati le informazioni provenienti dal navigatore, come le frecce che indicano dove svoltare e aumentano di dimensioni quando si è in procinto di compiere la manovra. Al di sotto del grande “schermo” virtuale troviamo, a distanza ravvicinata, una porzione di display dove vengono riportate informazioni come la velocità di crociera e la segnaletica stradale. L’head-up display riporta anche le informazioni provenienti dai sistemi di assistenza alla guida come ad esempio il cruise control adattativo (il display contrassegna il veicolo che precede con una striscia colorata) e il mantenimento della corsia.

COME FUNZIONA? - Ma come funziona l’head-up display della Volkswagen ID.3? C’è uno schermo Lcd, sul quale si generano le immagini, situato all'interno del cruscotto. Questo riceve i segnali trasmessi dal computer di bordo, il quale, sfruttando le informazioni provenienti da telecamera, sensore laser e sistema di navigazione, calcola il posizionamento dei simboli nell’ambiente circostante. Successivamente il segnale viene trasmesso su due specchi piatti (deflettono i fasci luminosi su un grande specchio concavo) e delle speciali lenti che lo suddividono nelle due differenti porzioni visive, una vicina e l’altra più lontana.
 

VIDEO
Volkswagen ID.3
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
187
110
50
39
89
VOTO MEDIO
3,6
3.562105
475




Aggiungi un commento
Ritratto di Claus90
21 dicembre 2020 - 11:14
Alcune di queste tecnologie non migliorano l'utilità alla guida, anzi sono ausili inutili come gli specchietti retrovisori esterni digitali Audi. La realtà aumentata bisognerà testarla nelle metropoli e con traffico e con i pedoni che passano e con i motorini che sfrecciano.
Ritratto di Giuliopedrali
21 dicembre 2020 - 12:28
Gli specchietti digitali sono veramente inutili secondo me, la tecnologia dovrebbe essere utile, capisco più l'auto che fa un sacco di cose da sola, ma ottenere la stessa identica cosa con un pezzo di vetro invece che con la compicazione di tanti schermini ed elettronica in più, per quello vedo più razionali le super elettriche orientali ed un passo più lungo della gamba quelle Audi ad esempio,
Ritratto di desmo3
21 dicembre 2020 - 13:35
6
caro Giulio, il tuo è veramente un (ennesimo) giudizio superficiale, in quanto i vantaggi dei retrovisori digitali sono da ricercare sicuramente nella maggiore visibilità al buio e in condizioni di maltempo, dove un pezzo di vetro evidenzia dei chiari limiti
Ritratto di Giuliopedrali
21 dicembre 2020 - 17:08
ma due specchi di vetro possono anche lasciarli, poi magari metti qualche telecamera in più per la sicurezza.
Ritratto di Oxygenerator
21 dicembre 2020 - 17:20
@ Claus90 Gli specchietti, sono sostituiti da telecamere, perchè quest’ultime, non si abbagliano, non si annebbiano, non si sporcano col traffico. L’immagine resta nitida, sempre. Anche di notte. Inoltre se poste sul tetto nella porzione posteriore, evitano l’ingombro in larghezza degli specchietti delle auto, che sommati, fanno rismarmiare quindi almeno 15/20 cm . Non è poco. Perchè per lei, ma in realtà siete in tanti, è sempre tutto inutile ??? Tutto ciò, che non era presente negli anni 80 è inutile, tutto ciò che è una miglioria dopo il 2000 è inutile. Io non vi capisco. Cosa fate, l’apologia dell’auto dei Flinstone ?? Siete sempre li a contestare, a dubitare, tutto ciò che non c’è sempre stato. L’automobile, come tutto il resto delle cose e del mondo, evolve. Ciò che non si evolve, muore.
Ritratto di Claus90
21 dicembre 2020 - 17:46
@Oxygenerator sei un disturbatore e vai contro a prescindere agli utenti, prima di scrivere qualcosa mi documento su molte fonti autorevoli dai giornali di auto ai video prova su youtbe, ai canali di appassionati, ai canali di forum di proprietari ecc ecc ecc,e talvolta vari modelli li provo, ti dico che quegli specchietti al100% e ne parlano autorevoli fonti non è che non siano validi, ma sono scomodi in quanto non danno il senso di profondità, e di mura che da un banale specchietto, anche con la telecamera posteriore sono scomodi e no ben supportati punto e basta saluti.
Ritratto di Flynn
21 dicembre 2020 - 17:50
Questione di abitudine e di perfezionamento dei sistemi. Quando ho comprato la mia prima auto con il navigatore (2001) c’erano amici che ridevano....
Ritratto di marcoluga
21 dicembre 2020 - 22:56
2
Ben strani amici. Per ridere occorre avere un tema che fa ridere, e il navigatore... Per me è stata una delle innovazioni più importanti, tra l’altro contribuisce alla sicurezza attiva.
Ritratto di Oxygenerator
21 dicembre 2020 - 22:10
@ Claus90 Questo è un blog. Se non vuole che mi rapporti con lei, molto bene. Non lo farò piû. Io non disturbo, dialogo. Dovrebbe essere diverso. Io ho provato la honda e, che possiede quel sistema. Ed è solo questione di abitudine e di vederci bene. Usiamo da millenni specchietti esterni che con neve, pioggia, buio, ghiaccio, luce troppo forte, non ci fanno vedere più niente e ci fanno guidare al buio. E non diciamo niente. Poi c’è una tecnologia che cancella molte di queste problematiche, ma no, non van bene, perchè bisogna abituarsi ad usarli e alla profondità. Oltretutto le faccio notare che lei ha scritto, in merito alle telecamere dell’audi, “ ausili inutili “, non io. Quindi lei giudica. Io li ho provati. È che di fatto lei e pochi altri in sto blog, siete contro a tutto. Siete quasi sempre negativi sulle novità. Quasiasi esse siano. E non c’è motivo plausibile. Solo voglia di essere contro.
Ritratto di Miti
21 dicembre 2020 - 23:48
1
Visti quei benedetti specchietti digitali della Audi. Belli ovviamente. Tecnologici. Probabilmente hanno delle protezioni anti appannamento ,ghiaccio e varie. C'è solo un solo problema. Prega che un imbe**"cile ritardato non passa sulla strada dandole un calcio come successo con lo specchietto ( elettrico normale) dell'auto di una mia amica. 750 eurini di specchio. Ovviamente prima o poi tutti le faranno digitali di sicuro. L'unica pecca al mio avviso e che il display e troppo in basso ed in più spero che la luce del sole sul display interno non influisce sulla risoluzione. Comunque belli. Di effetto.
Pagine