NEWS

Volvo, meno “sete” con il KERS

27 aprile 2013

La tecnologia sperimentale di recupero di energia consentirebbe meno consumi e prestazioni superiori.

Volvo, meno “sete” con il KERS

PIÙ CV, MENO CONSUMI - Dal 2011 Volvo sta sperimentando un sistema di recupero di energia in frenata più efficiente basato sul volano, un dispositivo elettromeccanico capace di immagazzinare una grande quantità di energia in breve tempo e di rilasciarla in modo rapido. Una tecnologia di derivazione aerospaziale che la Volvo ha denominato Flywheel KERS (Kinetic Energy Recovery System) e che dalle prime sperimentazioni consentirebbe vantaggi notevoli. Secondo i dati rilasciati dal marchio svedese, l'adozione del sistema consentirebbe a un'auto a quattro cilindri di avere le stesse prestazioni di una vettura a sei cilindri grazie alla potenza extra di 80 CV generata dal volano, ma consumare fino al 25% in meno di carburante. 

FINO A 60.000 GIRI  - Nelle prove effettuate nel corso del 2012 il volano in fibra di carbonio è stato montato sull'asse posteriore di una Volvo S60 a trazione anteriore, occupando uno spazio di circa 20 cm di diametro e aggiungendo circa 6 kg di peso. In caso di decelerazione o frenata il Flywheel KERS spegne il motore a combustione e fa girare il volano fino a 60.000 giri/minuto generando “corrente” (vedi il video qui sotto). Energia che viene rilasciata in fase di ripartenza fornendo alle ruote posteriori, collegate tramite un'apposita trasmissione a variazione continia (Cvt), 80 CV supplementari che consentono di ridurre di molto i tempi di accelerazione: la S60 sperimentale sarebbe stata in grado di fermare il cronometro sullo “scatto” 0-100 km/h in 5,5” anziché nei 9” della versione di serie. Inoltre, l'energia non utilizzata alla partenza da fermo può essere rilasciata per ricaricare l'impianto elettrico della vettura. 
 
 
EFFICIENTE IN CITTÀ - I benefici della tecnologia sono più evidenti nelle tratte urbane dove gli “stop & go” sono frequenti. Secondo i tecnici Volvo sarebbe nell'attuale test del ciclo urbano europeo sarebbe possibile spegnere il motore a combustione per circa la metà del tempo di guida. Inoltre, il Flywheel KERS è una soluzione relativamente poco costosa e non richiede grandi difficoltà progettuali per essere applicate ai modelli esistenti. Rimane da valutare la dovuta affidabilità e il raggiungimento di livelli di sicurezza adeguati. La Volvo non ha comunicato quando il sistema potrà essere applicato sui modelli di serie, anche se alcune dichiarazioni lasciano presupporre tempi non troppo lunghi.
VIDEO


Aggiungi un commento
Ritratto di Chromeo
27 aprile 2013 - 16:20
Molto interessante, complimenti alla Volvo, ma ho un dubbio, quando si riparte su fondi scivolosi la trazoine posteriore abbinata anche alla maggiore potenza non da problemi di stabilità
Ritratto di Marcopazzo
27 aprile 2013 - 20:55
Penso si possa collegare anche alle ruote anteriori senza particolari problemi. Comunque dato che è gestito da un cambio cvt con frizione controllabile elettronicamente si potrà gestire la dolcezza o aggressività della coppia inviata alle ruote. Anche la porsche aveva ideato un sistema simile con la Gt3 R Hybrid che prevedeva un volano al posto del passeggero, soluzione più lontana dalla produzione in ambito stradale ovviamente...
Ritratto di Chromeo
28 aprile 2013 - 13:57
E' un sistema abbastanza piccolo, ma posizionarlo all'anteriore non credo che crei pochi problemi, altrimenti già l'avrebbero fatto senza coplicarsi la vita, però è vero che col cvt è meno incontrollabile e poi se ci matti anche tutta l'elettronica delle auto moderne l'auto potrà andare bene, comunque se non sbaglio anche la 918 RSR aveva un Kers al posto del sedile del passegero
Ritratto di Marcopazzo
28 aprile 2013 - 14:33
Il fatto della trazione al posteriore credo sia più una questione per ottenere la trazione integrale (per migliorare aderenza e accelerazione) in modo ecologico come fatto dalla peugeot per la 608 rxh che di necessità tecnica. Penso che si riesca ad accoppiare motore termico e volano in parallelo con una frizione e con poco ingombro, simile all' accoppiamento tra motore termico e motore elettrico della honda cr-z per intenderci. Ovviamente questo è il mio pensiero e non sono certo che sia fattibile, altrimenti lavorerei per loro......
Ritratto di Chromeo
28 aprile 2013 - 14:39
Non hai tutti i torti
Ritratto di elioss
27 aprile 2013 - 19:44
4
alla volvo la stanno spingendo verso l'alto in pochi anni... oramai non ha nulla da invidiare alle tedesche, anzi per linea le supera e secondo me anche in tecnologia sia parlando di sicurezza che di motori... ottimo, purtroppo il nome del marchio non è ancora al livello delle tedesche... ma dovessi scegliere fra A4, serie 3 classe C o S60 probabilmente andrei sulla volvo... soprattutto se avessi famiglia.
Ritratto di carmelo.sc
29 aprile 2013 - 10:04
Beh in questo caso si va a gusti, io andrei sulla serie 3,non perché è tedesca, ma perché le BMW mi sono sempre piaciute :)
Ritratto di mecner
29 aprile 2013 - 12:23
Volvo conta di raggiungere in tempi brevi dei risultati. Ottimi, viste le premesse. L'applicabilità del nuovo sistema a vetture di serie è subordinato alla sperimentazione ed affidabilità dell'impianto. Non condivido i 'dubbi' di cui sopra. Volvo .......non scherza