Volvo

La fondazione risale al 1927 come sussidiaria della fabbrica produttrice di cuscinetti a sfera SKF; per le automobili viene rispolverato il marchio Volvo (il termine deriva dal latino “volvere”, cioé scorrere) che in origine doveva essere utilizzato per una serie di cuscinetti da esportare nel mercato statunitense. Il simbolo Volvo riprende l'antico simbolo chimico dell'acciaio, scelto per richiamare la resistenza dell'acciaio di ottima qualità utilizzato in Svezia per la produzione di auto. La linea diagonale ha una valenza pratica: viene adottata poco dopo per fissare il simbolo al radiatore.
 
La produzione è improntata alla robustezza e alla resistenza alle condizioni climatiche avverse del Nord Europa: tra Volvo più rappresentative, vanno ricordate la OV4 (la prima Volvo), la PV444/544 (le prime a scocca portante, prodotte dal 1947 al 1965, con la famigliare Duett che resiste fino al 1969), la berlina P120 e la coupé P1800 (costruita anche nella versione ES, che oggi definiremmo shooting brake); tra i modelli più particolari, anche la 66, la prima utilitaria derivata dalla Daf 66 dopo l'acquisizione del comparto automobili del marchio olandese. Viene sostituita dalla Serie 300, che rimane a listino per 15 anni. Da ricordare anche la 480, coupé con portellone e gruppi ottici anteriori a scomparsa, costruita dal 1986 al 1995: la sua erede, anni dopo, sarà la C30.
 
Con buona probabilità, la Volvo più rappresentativa di sempre è la 240, costruita in quasi tre milioni di esemplari dal 1974 al 1993. La 245 è la station wagon (la terza cifra rappresenta il numero delle porte: 2, 4 o 5), in particolare, riscuote un successo clamoroso, facendo diventare “di moda” una tipologia di auto considerata “da lavoro”. Viene talmente richiesta sul mercato dell'usato da convincere la Volvo a introdurre una versione dagli allestimenti spartani (Polar) o ricchi (Super Polar) che regala gli ultimi successi commerciali alla 240. Nel 1999 la Volvo è stata acquistata dalla Ford, e dal 2010 è di proprietà della cinese Geely. 

Novità Volvo

Video Volvo

  • Volvo: la realtà aumentata
    Volvo e Varjo hanno sviluppato un visore di realtà aumentata utile per la valutazione di prototipi e tecnologie di sicurezza attiva. Qui per saperne di più.
  • Le Volvo e il sistema operativo Android
    L’accordo tra la Volvo e Google prevede che la prossima generazione del sistema sistema multimediale Sensus sarà basata su Android nativamente. Qui per saperne di più.
  • Volvo S60
    Anche in questo allestimento sportivo, la Volvo S60 è soprattutto sicura e comoda. Il 2.0 a benzina da 310 CV è molto energico, ma il cambio dovrebbe essere più reattivo. Qui per saperne di più.
  • Volvo 360c
    Il futuribile prototipo 360c della Volvo guida da solo e ha interni modulabili, dov’è possibile dormire o lavorare. Qui per saperne di più.
  • Volvo S60
    La Volvo S60 sarà costruita nella nuova fabbrica di Charleston nello stato americano del South Carolina e dice addio ai motori diesel. Qui per saperne di più.
  • Volvo Ambience Concept
    La Ambience Concept della Volvo ha due poltrone posteriori e un sistema di suoni e profumi che ricrea sette ambientazioni interne. Qui per saperne di più.

Primi contatti Volvo

Prove Volvo

dagli archivi

  • Più cavalli per la Volvo XC90 T8

    Con l'elaborazione Polestar la XC90 ibrida guadagna 13 CV e nuovi contenuti in materia di sportiva, come una logica più evoluta per la gestione del cambio.
  • Volvo XC90 T8: potenza tanta, CO2 poca

    L'ibrida al vertice della gamma ha 407 CV e una coppia da ben 640 Nm, ma emissioni di soli 49 g/km. Il prezzo parte da 78.950 euro.
  • Volvo V90: scandinava fuori e dentro

    Torna la station wagon di taglia maxi in casa Volvo: si chiama V90 e rappresenta un'alternativa alle famigliari di lusso tedesche. Prezzi da 45.000 euro circa.