PRIMO CONTATTO

Audi A4 Avant: da guidare… e da caricare

La Audi A4 Avant è cresciuta nelle finiture e nella capacità del bagagliaio. Tra le curve sa divertire: il 2.0 da 150 CV non è privo di brio e lo sterzo è preciso. Attenzione, però, ai tanti accessori a pagamento.

14 ottobre 2015
  • Prezzo (al momento del test)

    € 38.460
  • Consumo medio

    26,3 km/l
  • Emissioni di CO2

    99 grammi/km
  • Euro

    6
Audi A4 Avant
Audi A4 Avant 2.0 TDI ultra 150 CV
Riprogettata a fondo
 
È tutta nuova, e si vede. Soprattutto nell’abitacolo. Le linee della carrozzeria, infatti, ricalcano quelle semplici ed eleganti della vecchia Audi A4 Avant, anche con quel pizzico di slancio in più che non guasta in questo genere di auto. Davanti spiccano la grande mascherina a listelli cromati e i fari a led (o a matrice di led, 2.280 euro) che ripropongono, svecchiandolo, il classico frontale della A4; dietro, i fanali orizzontali sono più larghi di quelli del modello precedente e hanno un’unghia che si prolunga nel portellone aggiungendo un tocco di personalità. Slanciata la fiancata, percorsa all’altezza delle maniglie da una sottile nervatura che allegerisce i volumi e regala slancio alla carrozzeria.
 
Finiture di classe
 
È dentro, però, che si vedono i maggiori passi avanti: scendendo da una vecchia Audi A4 Avant, sulla nuova sembra quasi di sedersi in una A6. La plancia ha forme eleganti ed è ben raccordata con la consolle. Ma quello che più colpisce è la qualità dei materiali, che vanno dalle plastiche morbide, alle modanature in alluminio o in legno di quercia opaco, davvero di grande effetto (anche se, nel complesso, l’atmosfera resta sempre un po’ fredda). Ben realizzato lo schermo a colori del navigatore e addirittura scenografico il cruscotto digitale (600 euro), nel quale si possono anche visualizzare le mappe della navigazione. Attenzione, però: all’inizio, la quantità di informazioni fornite e la voglia di “giocare” un po’ con questo gadget tecnologico sono tali da rischiare di distrarre il guidatore. 
 
Un gran baule
 
Lo spazio non manca e anche dietro due adulti sono comodi sull'Audi A4 Avant: gambe e testa non sono sacrificati. Solo i piedi non hanno sufficiente agio se i sedili anteriori non sono regolati nella posizione più alta. Altra nota positiva viene dal bagagliaio, che è cresciuto nelle dimensioni: la capacità minima è passata da 490 a 505 litri e quella massima da 1430 a 1510. La qualità delle finiture è elevata e la possibilità di dotare il vano di reti, occhielli, binari e paratie mobili per organizzare al meglio il carico sono numerose (ma vanno ad appesantire parecchio il conto). Inedita, e molto pratica, l’apertura e chiusura automatica del portellone passando un piede sotto il sensore nel paraurti, con il contemporaneo sollevamento elettrico della tendina copribagagli. I portaoggetti nell’abitacolo, invece, deludono un po’, se non altro per le dimensioni: nella plancia e nella consollle sono piccoli.
 
Tutta da guidare
 
Su strada, la famigliare tedesca ha un comportamento molto simile a quello della berlina, di cui condivide le dimensioni, (473 cm di lunghezza) e che pesa solo 50 kg in meno. Quindi, anche con la Audi A4 Avant ci si può divertire, pennellando le curve e apprezzando le buone doti dinamiche garantite dallo sterzo preciso, dalle sospensioni solide e dal cambio manuale ben manovrabile. Il livello di comfort resta sempre elevato, anche per merito dell’efficiente insonorizzazione che permette di affrontare lunghi viaggi senza accusare un’eccessivo affaticamento. Il 2.0 TDI turbodiesel da 150 CV è sempre pronto e generoso, non fa troppo rumore e ci è parso anche poco assetato (la versione guidata, la Ultra, è quella studiata per consumare meno ed emettere valori più bassi di CO2): alla fine del nostro test, per il computer di bordo avevamo percorso una media di 16,7 km/l. Se il quattro cilindri ha un difetto, è quello di  trasmettere un po’ di vibrazioni ai pedali e alla leva del cambio.
 
E il “clima” bizona?
 
Già in prevendita, la Audi A4 Avant sarà in consegna nelle concessionarie a partire da novembre, a un prezzo di partenza di 38.250 euro (2.0 TDI base). Il prezzo non è particolarmente elevato; tuttavia, certi accessori che dovrebbero essere di serie si pagano a parte, rendendo più salato il conto. Spiace, infatti, dover mettere mano al portafogli per acquistare i sensori di parcheggio posteriori (480 euro) e il cruise control (360 euro), e che di serie ci sia il “clima” automatico monozona: come optional il listino offre solo quello a tre zone… ma per 825 euro!
 
Secondo noi
 
PREGI 
> Comfort. L’insonorizzazione è curata e le sospensioni sono efficaci: i viaggi non sono un problema. 
> Finiture. Materiali, assemblaggio e attenzione ai dettagli sono da auto di categoria superiore.
> Guida. Il comportamento dinamico della vettura sa soddisfare anche chi apprezza la guida sportive. 
 
DIFETTI 
> Optional. Aggiungendo alcuni utili accessori il conto si gonfia parecchio: almeno il cruise control, potevano metterlo di serie.
> Portaogetti. Non sono esattamente grandi.
> Vibrazioni. Quelle trasmesse dal motore alla leva del cambio e ai pedali possono risultare fastidiose.
SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1968
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 110 (150)/3250-4200 giri
Coppia max Nm/giri 320/1500-3250
Emissione di CO2 grammi/km 99
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 210
Accelerazione 0-100 km/h (s) 9,2
Consumo medio (km/l) 26,3
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 473/184/143
Passo cm 282
Peso in ordine di marcia kg 1480
Capacità bagagliaio litri 505/1510
Pneumatici (di serie) 205/60 R16

 

Audi A4 Avant
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
87
77
59
30
78
VOTO MEDIO
3,2
3.196375
331
Aggiungi un commento
Ritratto di rikykadjar
14 ottobre 2015 - 15:31
3
Tre volanti solo per il design peggiorato rispetto alla precedente e per il tablet nella plancia.
Ritratto di AlexTurbo90
15 ottobre 2015 - 00:58
Io ho dato il tuo stesso voto ma non per i motivi che hai elencato. L' ho fatto per la "non-dotazione" di questa premium che per oltre 38000 Euro è capace di farti pagare profumatamente il cruise control (quello NORMALE!) e il clima automatico SOLO tri-zona a ben 825 Euro...
Ritratto di Syrio72
18 ottobre 2015 - 21:56
3
Anche tutto il resto lo paghi profumatamente, persino ciò che non si vede... Vendono Fumo e Filosofia: tecnologia, assemblaggio, qualità... e tra poco toccherà pagare anche gli alzacristalli elettrici... Certo che il 2.0 Turbodiesel da 150 Cv da nell'occhio: evoluzione del Noto motore Tarocco dello scandalo mondiale del Gruppo VW...
Ritratto di Syrio72
18 ottobre 2015 - 22:00
3
PS: chissà se hanno utilizzato lo stesso trucco o ne hanno inventato un altro per dichiarare 99 g/Km di emissione ;o)
Ritratto di Highway_To_Hell
14 ottobre 2015 - 15:38
"Il comportamento dinamico della vettura sa soddisfare anche chi apprezza la guida sportive.": non so se sia più indecente la grammatica di questo 'veritiero' commento o il fatto che si riferisca da una a4... ridicolo, in ogni caso.
Ritratto di Luzzo
14 ottobre 2015 - 18:21
Pagliant, vedi, prima di guardare la paglia nell'occhio degli altri dovresti guardare il travone che ti sorride e ti fa l'occhiiolino. E stai trnauqillo che se vai in qualunque concessionario generalista di vag ne trovi quante ne vuoi: che fanno se le vanno a comprare loro per mettersele in bella mostrara o le hanno ritirate da ex- clienti del gruppo indagato in tutto il mondo?
Ritratto di Highway_To_Hell
15 ottobre 2015 - 12:39
Qui comunque ci son delle tare mentali pesanti, perché io non ho mai citato Fiat nel mio commento: ho solo scritto che il commento risulta risibile dal punto di vista tecnico ed agghiacciante da quello grammaticale. Un po' come il tuo di cui sopra, per intenderci...
Ritratto di Mauo
14 ottobre 2015 - 15:40
Il nuovo corso del gruppo Volkswagen/Audi inizia dichiarando 26,3 Km/l come consumo medio per A4 Avant 2.0 TDI 150cv .... no comment
Ritratto di carlo1967
14 ottobre 2015 - 16:36
Non voglio contraddirti , però se leggi i dati dichiarati dagli altri competitors per la stessa classe di vetture siamo più o meno allo stesso livello. Comunque falsi!
Ritratto di MegaMauro
14 ottobre 2015 - 17:18
vero il no comment servirebbe sulla dichiarazione che la vettura è euro 6
Pagine