PRIMO CONTATTO

Chevrolet Orlando: tanto spazio a buon prezzo, ma cade nei dettagli

La Chevrolet Orlando è un “incrocio” tra una suv, una famigliare e una monovolume. Gioca la carta del prezzo, ma non solo: ha un abitacolo ampio e una dotazione di serie completa. Però, la qualità di alcune plastiche della plancia lascia a desiderare.

29 novembre 2010

Listino prezzi Chevrolet Orlando non disponibile

  • Prezzo (al momento del test)

    € 24.400
  • Consumo medio

    16,7 km/l
  • Emissioni di CO2

    159 grammi/km
  • Euro

    5
Chevrolet Orlando
Chevrolet Orlando 2.0 VCDi 130 CV LT
Sa farsi notare

La Chevrolet Orlando ha una linea molto “americana”, con il frontale imponente, l’ampia mascherina in due parti e i parafanghi pronunciati. Gli scudi di protezione (in plastica grigia) sotto i paraurti anteriore e posteriore le danno un’aria quasi da suv, e non risultano “posticci” come quelli di alcune rivali. I retrovisori, sbrinabili e ripiegabili elettricamente, sono grandi e poco eleganti ma migliorano la visibilità. Le generose dimensioni della carrozzeria (l’auto è lunga 465 centimetri) dal vivo non si notano granché.
 

Dà subito confidenza

A bordo della Chevrolet Orlando si avverte subito una sensazione di ariosità (infatti, lo spazio non manca di certo) e dal posto guida si rimane quasi stupiti nel vedere il cofano, massiccio e poco spiovente. Anche per questa caratteristica, che aiuta a valutare gli ingombri del muso, si prende subito confidenza con la macchina, aiutati pure dai comandi ben disposti e intuitivi. La plancia ha una forma ricercata e non manca il tocco raffinato della parte centrale laccata in nero lucido. Tuttavia, è realizzata con plastiche rigide, seppure assemblate con cura: per tenere testa alla migliore concorrenza, dovrebbe avere almeno la parte alta in plastica morbida. Il cruscotto risulta piuttosto incassato, ma la completa strumentazione si legge senza fatica; piacevole l’illuminazione notturna blu.
 

Comodi anche in terza fila

La Chevrolet Orlando ha sette posti di serie, per tutte le versioni. Anche chi siede nella terza fila non sta scomodo, e può contare su un’accessibilità davvero agevole, grazie al divano della seconda fila che si ribalta in avanti. Poco precisa, però, la regolazione a scatti degli schienali anteriori. I sedili, confortevoli pur avendo un’imbottitura piuttosto rigida, sono rivestiti con un tessuto che dà l’impressione di buona qualità. Non male la capacità di carico (tranne quando si viaggia in sette), mentre la soglia per accedere al baule è un po’ troppo alta da terra (77 cm).
 

Tiene bene la strada, ma lo sterzo non è il massimo

Il 2.0 turbodiesel della versione che abbiamo guidato è quello più potente (163 cavalli). Nel corso del nostro test si è dimostrato abbastanza vivace, tranne sotto i 2000 giri. La Chevrolet Orlando è insonorizzata con cura e su ci è sembrata poco assetata di gasolio (ma non quanto dichiara la casa, che parla di una percorrenza media di 16,7 chilometri con un litro di gasolio) e brillante: i 10 secondi dichiarati per passare da 0 a 100 km/h non paiono lontani dalla realtà. Mentre la velocità massima di 190 km/h (sempre secondo la Chevrolet) è un po’ più bassa rispetto alle concorrenti. Il cambio a sei marce è ben manovrabile, il pedale della frizione leggero. Efficaci, nel complesso, i freni, benché il pedale abbia scarso mordente nella prima parte della corsa. La vettura tiene bene la strada e in curva presenta un rollio poco evidente, anche quando si forza l’andatura, ma ha uno sterzo non molto preciso, comunque accettabile per il tipo di auto.
 

Non è cara, considerando “la dote”

Il prezzo della Chevrolet Orlando è molto competitivo: più basso rispetto a quello delle rivali, nonostante la completa dotazione di serie. L’unico allestimento della versione 2.0 da 163 CV (LTZ) comprende addirittura il navigatore satellitare e le ruote in lega di 17 pollici. Per chi si accontenta dei 130 cavalli della turbodiesel meno potente, l’unica versione è la LT (costa 21.900 euro), che è comunque piuttosto ricca: climatizzatore, sensori di parcheggio e ruote di 16”. Per chi preferisce i motori a benzina, c’è la 1.8 da 141 CV, con entrambi gli allestimenti (19.600 e 22.100 euro).
 

Secondo noi

PREGI
> Prezzo. L’equipaggiamento è ricco, eppure la Orlando costa meno delle concorrenti.
> Tenuta di strada. È una vettura per la famiglia, che però risulta piuttosto piacevole da guidare: la carrozzeria si carica poco di lato e dà sicurezza.

DIFETTI
> Materiali. Non vuole essere un’auto di lusso, ma alcune plastiche rigide non sono il massimo. Meritava almeno la parte alta della plancia in plastica morbida.
> Ripresa. Il motore offre una buona spinta, che diventa corposa, però, solamente a partire dai 2000 giri.

 

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1998
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 120 (163)/3800
Coppia max Nm/giri 360/2000
Emissione di CO2 grammi/km 159
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 465/184/163
Passo cm 276
Peso in ordine di marcia kg 1655
Capacità bagagliaio litri 89/739/1499
Pneumatici (di serie) 215/60R 16
Chevrolet Orlando
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
9
7
19
10
16
VOTO MEDIO
2,7
2.72131
61
Aggiungi un commento
Ritratto di Puglio
29 novembre 2010 - 20:20
6
la chevrolet sta sfornando delle auto stupende in rapporto al prezzo!!!!!!!!!!! BRAVI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! =)
Ritratto di Gianluigi74
1 dicembre 2010 - 17:35
ti sembrano spesi bene, contento te....., ma un cesso per quanto stupendo rimane pur sempre un cesso e con 24mila euro ci compri 2 punto e una panda!!!!!
Ritratto di DaveK1982
1 dicembre 2010 - 22:31
7
o al massimo ci prendi 2 panda full optional! Secondo me questa auto non è affatto un cesso anche perchè probabilmente ha molte parti in comune con le opel e le opel non sono dei cessi. Poi magari mi sbaglio e hai ragione tu ma voglio prima vederla dal vero e provarla.
Ritratto di alebri78
6 giugno 2011 - 15:33
si perchè secondo te il pischello neopatentato va a vedere la Orlando.... o forse è un padre di famiglia magari numerosa che di 2 punto non se ne fa una ceppa?
Ritratto di DaveK1982
6 giugno 2011 - 16:59
7
io stavo rispondendo al post di gianluigi che dice che la orlando è un cesso e che costa troppo, mentre secondo me è un prezzo giusto per un'auto ottima per la famiglia. Era lui che parlava di prendere due punto e una panda con quei soldi! E poi chi ha parlato di neopatentati?
Ritratto di Puglio
2 dicembre 2010 - 18:41
6
la linea nn sarà un granchè ma offre tanto spazio, comodità. funzionalità e agilità.......requisiti necessari per un'auto.........
Ritratto di TRAVELnSTYLE
7 gennaio 2011 - 01:18
belle auto le fiat..grande qualita pure....
Ritratto di samy82pg
25 settembre 2011 - 16:38
non mi sembra molto adeguato come termine, vorrei vedere che auto possiedi. almeno l'hai vista da vicino o provata?????? io lo comprata 2 mesi fa e non è come dici te. ci sono auto da oltre 30000 euro che non sono all'altezza. prima di dare giudizi prova con mano...........
Ritratto di ste85gangy
9 dicembre 2011 - 14:42
concordo con te
Ritratto di davitonin
30 novembre 2010 - 00:25
1
sembra essere molto più accettabile, sopratutto nel frontale e internamente, veramente carina e accogliente, bellissimo cruscoto, molto luminoso; il posteriore invece non smentisce assolutamente le forme cassoniche, daltronde le sue forme favoriscono abbondantemente l'utilizzo con 7 posti; poi se ci sarà equipaggiata con cambio a doppia frizione, ok
Pagine