PRIMO CONTATTO

Hyundai i40 Wagon: una wagon con le “carte giuste”

Abbiamo provato in anteprima la nuova Hyundai i40, una famigliare slanciata e rifinita come si deve. Vivace l’inedito “duemila” a iniezione diretta di benzina e apprezzabili le sue doti su strada. Gli ordini partiranno in estate.

1 maggio 2011
  • Prezzo (al momento del test)

    29000 in su
  • Consumo medio

    n.d.
  • Emissioni di CO2

    156 grammi/km
  • Euro

    5
Hyundai i40 Wagon
Hyundai i40 Wagon 2.0 GDi Comfort
Disegnata in Germania

Le forme slanciate mascherano bene i 477 centimetri di lunghezza di questa station wagon. Lo stile sportivo (il centro di design è in Germania, anche se la vettura viene prodotta in Corea) della Hyundai i40 riprende quello degli ultimi modelli della casa coreana: mascherina esagonale, fari lunghi con accattivanti luci diurne a led, linee tese sul cofano e sulle  fiancate. Ciliegina sulla torta, un grande (ma non troppo vistoso) spoiler sul lunotto e i fanali a led.

Tecnologia a profusione

Notevole anche il livello di dotazioni tecnologiche della Hyundai i40. A partire dal cruscotto con schermo a colori, per passare ai fari bixeno che si orientano in curva, fino al dispositivo che evita le uscite involontarie dalla corsia di marcia, correggendo la traiettoria. Inedito anche il sistema che rileva se il parabrezza è appannato (e lo rende trasparente sfruttando l’aria secca del climatizzatore), come quello che gira il volante nelle manovre, aiutando a parcheggiare. Alcuni di questi dispositivi saranno di serie già nella versione base, mentre altri si potranno avere solo per quelle più “ricche”. La gamma della Hyundai i40 dovrebbe essere articolata su tre allestimenti (il condizionale è d’obbligo visto che le vendite inizieranno in estate): Classic, Comfort e Style. Quattro i motori: quelli a benzina (tutti a iniezione diretta) sono un 1.6 da 135 cavalli e un “duemila” da 177 CV, abbinabile anche al cambio automatico. Unica, invece, la cilindrata per i turbodiesel: 1685 centimetri cubi, ma con due livelli di potenza: 116 e 136 cavalli (quest’ultimo anche con trasmissione automatica).

Spazio niente male

A bordo della nuova Hyundai i40, oltre alla qualità dei rivestimenti (a partire dalle morbide plastiche della plancia), si apprezza il generoso spazio a disposizione di guidatore e passeggeri, anche quelli posteriori: la distanza tra i sedili va da 18 a ben 42 cm, e nonostante il tetto scenda dolcemente verso la coda, i centimetri sopra la testa non mancano, infatti non ha problemi neppure chi supera il metro e ottanta; inoltre, per viaggiare più comodi, lo schienale del divano si può reclinare leggermente all’indietro (di circa 5 gradi). Ampie le regolazioni (volendo, elettriche e con memoria) del posto di guida, ma la seduta resta sempre un po’ alta a nostro avviso: considerato che il parabrezza non si estende molto in verticale, si ha la sensazione di sfiorare le alette parasole. Sempre a proposito dei sedili, quelli davanti sono sia riscaldabili (come il divano, e il volante) sia ventilati: un bel sollievo, soprattutto per chi lascia l’auto parcheggiata sotto il sole.

Hanno dimenticato il lunotto apribile

Passando al baule, le belle sorprese non mancano: dimensioni generose e ben sfruttabili sono accompagnate da un pratico sistema fermabagagli scorrevole. Inoltre, nella nuova Hyundai i40 gli schienali del divano si reclinano rapidamente: basta tirare una levetta. In quel caso si forma un piano profondo (fino a 182 centimetri), ma leggermente inclinato. Comoda anche la soglia di carico, ad appena 59 cm dal suolo. A voler fare i pignoli, un lunotto apribile non ci sarebbe stato male: quando c’è da caricare piccoli oggetti, non si è costretti a spalancare l’intero portellone (cosa impossibile se c’è poco spazio dietro o sopra l’auto). Comunque, grazie all’apertura elettrica (basta premere un tasto nel portellone stesso, o sul telecomando), lo si può bloccare anche in posizione intermedia.

Sulle prime, lo sterzo non ci ha convinto…

Un altro tasto sulla plancia, invece, avvia il motore. Tuttavia, dopo averlo premuto, resta il dubbio di aver realmente messo in moto: al minimo, il “duemila” a iniezione diretta di benzina è silenziosissimo. Per toglierci ogni dubbio, diamo un’occhiata al contagiri sulla sinistra del moderno e accattivante quadro strumenti. Siamo pronti a partire e giriamo il volante per uscire dal parcheggio. La risposta del servosterzo non ci piace per nulla: si avverte nettamente quando il meccanismo elettroidraulico inizia a lavorare (si sente un colpetto sul volante). Per fortuna questo problema (potrebbe essere dovuto al fatto che si trattava di un esemplare di pre-serie) non si riscontra nelle curve: la nuova Hyundai i40 consente traiettorie precise e ha reazioni rapide nei cambi di direzione, soprattutto con i pneumatici 225/45 R 18 (con i 215/50 R 17, invece, è più “tranquilla”). Ben tarate anche le sospensioni, mentre nelle strette svolte a sinistra la visibilità non è il massimo per via dei larghi montanti; lo stesso problema si ha in retromarcia, ma in questo caso si può contare sui sensori di parcheggio, o su una telecamera (se si sceglie il navigatore satellitare).

Sa essere sportiva o confortevole

Nella guida brillante, il 2.0 GDI (Gasoline Direct Injection, a iniezione diretta di benzina) della nuova Hyundai i40 dà una discreta spinta ai bassi regimi e sfoggia un bell’allungo fin quasi a 6500 giri. Del resto, le prestazioni dichiarate sono di tutto rispetto: 9,7 secondi nello scatto da 0 a 100 km/h e 210 km/h di velocità massima. Nel traffico, invece, si apprezza il pedale della frizione che non affatica la gamba, mentre gli innesti delle marce sono un po’ duri; in compenso, i rapporti risultano ben spaziati. E a 130 all’ora, in sesta, non si superano i 3500 giri: si conversa senza alzare il volume della voce, e i consumi indicati dal computer di bordo restano contenuti (circa 12 km/litro). In occasione del test, approfittando dell’assenza di limiti di velocità (e di traffico) sulle autostrade tedesche, ci siamo spinti a oltre 170 km/h, scoprendo che persino a questa andatura la rumorosità resta entro livelli accettabili. Chi ama poco le station wagon non ha che da aspettare un po’: alla fine di quest’anno la Hyundai i40 arriverà nelle concessionarie anche in versione berlina.

Secondo noi

PREGI
> Motore. Brillante e silenzioso il nuovo “duemila” a iniezione diretta di benzina.
> Qualità. A bordo si tocca con mano la grande attenzione per le finiture.
> Tecnologia. Tanti i moderni e utili dispositivi che aiutano nella guida.

DIFETTI
> Cambio. Gli inserimenti delle marce sono un po’ ruvidi (difetto che si accentua sulla turbodiesel).
> Sedute. I sedili anteriori si regolano in verticale di 6 cm, ma restano sempre un po’ alti.
> Visibilità. Il lunotto è piccolo, e i montanti ai lati del parabrezza disturbano nelle strette svolte a sinistra.

 

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1999
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 130 (177)/6500
Coppia max Nm/giri 213/4700
Emissione di CO2 grammi/km 156
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 477/182/147
Passo cm 277
Peso in ordine di marcia kg 1345
Capacità bagagliaio litri 553/1719
Pneumatici (di serie) 215/50 R 17
Dati provvisori: le vendite inizieranno in estate e la gamma non è stata ancora definita completamente al momento della pubblicazione di questo Primo contatto.
Versione Prezzo Alim cm3 CV/kW km/h 0-100 km/l CO2 kg
1.6 GDI (manuale) n.d. benzina 1591 135/99 195 11,6 15,9 149(1) 1320
2.0 GDI (manuale) n.d. benzina 1999 177/130 210 9,7 n.d. 156 1345
2.0 GDI (autom.) n.d. benzina 1999 177/130 n.d. n.d. n.d. n.d. n.d.
1.7 CRDi 116 CV (manuale) n.d. gasolio 1685 116/85 190 12,9 23,3 122(2) 1410
1.7 CRDi 136 CV  (manuale) n.d. gasolio 1685 136/100 198 10,6 22,2 124(3) 1420
1.7 CRDi 136 CV (autom.) n.d. gasolio 1685 136/100 n.d. n.d. n.d. n.d. n.d.
(1) 138 g/km per la versione BlueDrive: stop/start, pneumatici a bassa resistenza al rotolamento e prese d’aria a chiusura automatica;
(2) 113 g/km per la versione BlueDrive
(3) 119 g/km per la versione BlueDrive
                 
Hyundai i40 Wagon
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
22
37
20
9
9
VOTO MEDIO
3,6
3.5567
97
Aggiungi un commento
Ritratto di audi94
1 maggio 2011 - 17:43
1
davvero molto bella... spero che darà fastidio alle solite tedesche...
Ritratto di Mister Grr
1 maggio 2011 - 19:08
a battere le tedesche...ricordiamo i precedenti: - honda accord - renault laguna giusto per citare le due auto fiori all'occhiello che dovevano battere le tedesche, c'è ancora troppo pregiudizio nei confronti di certe case automobilistiche...se devo esprimere un giudizio personalie su questa vettura, trovo l'anteriore troppo elaborato e brutto, che stride su un posteriore tutto sommato pulito, ma che diventa addirittura anonimo.
Ritratto di REY77
2 maggio 2011 - 12:36
SIAMO ALLE SOLITE....NON CAPISCI NULLA ELOGI FIAT SOLO ...MENTRE LE ALTRE CASE SONO UN PUNTO INTERROGATIVO....ORA BASTA...ESCI ALLO SCOPERTO....
Ritratto di Gabryxxx
2 maggio 2011 - 12:59
Il commento è stato rimosso perché l'utente è stato disattivato per violazione della policy del sito. La redazione.
Ritratto di daniele.corti1975@libero.it
2 maggio 2011 - 15:49
Beh,noi dai.. non voglio difendere nessuno, ma in questo caso non ha elogiato FIAT o altre italiane (che poi, francamente, è impossibile elogiare.. in alcuni casi buon design, ma quanto a qualità e affidabilità, le auto italiane non tengono il passo di nessuno.. forse nemmeno delle cinesi...). Io trovo molto bella la Hyunday, però la Accord sopra citata è sicuramente un'auto migliore, un po' sotto tutti i punti di vista.. personalmente ritengo Honda superiore a molte case... anche alle blasonate tedesche...
Ritratto di audi94
2 maggio 2011 - 16:05
1
ma che centra??!! ha detto come la pensa senza neanche nominarla la fiat... dai ragazzi, un po di serietà...
Ritratto di REY77
2 maggio 2011 - 16:36
e' di parte....vota e parla favorevolmente di ogni fiat mentre delle altre solo parole pesanti di disprezzo
Ritratto di audi94
2 maggio 2011 - 17:05
1
bhe io sinceramente non ho mai notato una sua fortissima propensione per le auto del gruppo italiano... comunque quello che dico è: in questo suo commento non ha nominato il gruppo torinese, quindi come puoi accusarlo di questa cosa qua?? è talmente fiattaro che c'ha pure un'auto straniera, pensa un po'...
Ritratto di Mister Grr
2 maggio 2011 - 17:42
lascia stare sto pìrla va, lo scriverà per farsi due risate! Ma poi, dico, avessi elogiato una volta il gruppo fiat potrei capire...Ridi Rey77, che solo così puoi ridere visto che sicuramente sarai un minorato sociale che è preso in giro da qualunque persona ti veda...tranquillo!
Ritratto di Mister Grr
2 maggio 2011 - 17:40
immagino che mi invidi molto visto che ad ogni mio commento mi scàssi le màdonne...sì, certo, magari la fiat mi desse da mangiare così potrei elogiarla! Ma se ti dico che ho una C3 (ho pure pubblicato la prova qui, con 24 commenti tra l'altro) e che in famiglia abbiamo fiat più di così... Ma in ogni caso...anche se fossi pro fiat...càzzo te ne frega? Problemi?
Pagine