PRIMO CONTATTO

Lexus IS: dolce ed "eco", ma poco sportiva

La nuova Lexus IS 300h è un'ibrida ben realizzata e dalla linea grintosa. Su strada, però, si apprezza più per il comfort che per il temperamento.

30 maggio 2013
  • Prezzo (al momento del test)

    € 50.000
  • Consumo medio

    23,3 km/l
  • Emissioni di CO2

    99 grammi/km
  • Euro

    5
Lexus IS
Lexus IS 300h Luxury
In Italia, solo ibrida
Lexus IS 300h
 
Da sempre il marchio di lusso della Toyota punta a proporsi come alternativa “verde” ad Audi, BMW e Mercedes. Così, puntualmente, anche questa nuova Lexus IS 300h possiede tutte le caratteristiche che hanno fatto il successo delle concorrenti europee: ottime finiture, linea sportiva, interni eleganti e lussuosi. Non solo: con questo nuovo modello la casa giapponese abbandona l’offerta di una versione con motore solo a benzina, per puntare tutto (almeno in Italia) sul sistema ibrido (oggi, la Lexus è l'unica casa a offrire un'intera gamma di vetture tutte con motore a benzina ed elettrico, dalla più piccola CT alle ammiraglie GS e LS, fino alla suv RX). 
 
Due motori, 223 cavalli
Lexus IS 300h
 
La nuova Lexus IS 300h, quindi, arriva nelle concessionarie italiane solo nella versione 300h, con il quattro cilindri 2.5 da 181 CV abbinato a un motore elettrico da 143, per 223 CV totali (le IS 250 e IS 350, con i V6 2.5 e 3.5, non vengono importate). La trazione è sulle ruote posteriori e il cambio è elettronico a variazione continua di rapporto (E-CVT) a sei marce. Tutte le versioni della Lexus IS sono dotate del sistema Drive Mode, che permette di  variare la risposta del motore, dell'acceleratore, dello sterzo e del cambio su quattro livelli: Eco, Normal, Sport e Sport S. La nuova IS è anche il primo modello full hybrid prodotto dalla Lexus ad avere la batteria installata sotto il piano di carico, per garantire un'elevata capacità del baule (che con gli attuali 450 litri, 72 in più della precedente IS, si difende davvero bene). 
 
Una "bocca" davvero enorme
Lexus IS 300h
 
Ispirata alle forme della GS di nuova generazione, la Lexus IS Hybrid è caratterizzata da linee tese, con un frontale affilato che si sviluppa attorno all'enorme mascherina. Ed è proprio la griglia anteriore, a foggia di clessidra, a caratterizzare maggiormente il design del nuovo modello, che cambia anche nei fari (con le luci diurne a led a forma di L rovesciata) e nelle fiancate, che si collegano ai fari posteriori a sviluppo orizzontale. Con i suoi 467 cm da un paraurti all'altro, la nuova Lexus IS 300h è 8 cm più lunga del vecchio modello. Lo sbalzo anteriore è stato incrementato di un solo cm, mentre la lunghezza del passo è stata accresciuta di 7 cm, per un totale di 280.
 
Più lunga e più comoda
Lexus IS 300h
 
Nell'abitacolo della Lexus IS 300h si ritrovano i temi stilistici delle ultime realizzazioni della casa. I tecnici dicono di aver lavorato molto per migliorare anche il comfort e l'abitabilità, sfruttando al massimo il passo aumentato. La forma dei sedili è inedita, come il disegno e la posizione del volante, leggermente abbassato. La plancia è orientata verso il guidatore, il cruscotto digitale si legge bene in ogni condizione di luce, mentre i comandi elettrostatici del "clima" bizona attirano subito l'attenzione perché, per attivarli, basta sfiorarli: facendo scorrere verticalmente un dito sui cursori a forma di freccia, è possibile regolare la temperatura per aumentarla o diminuirla di 0,5 gradi alla volta. Ovviamente non mancano avanzati sistemi multimediali, che integrano lo schermo a sfioramento di 7" ad alta risoluzione con il navigatore, i lettori esterni di mp3 e gli smartphone. Le finiture sono curate e i materiali (comprese tutte le plastiche, oltre al legno e alla pelle) sono gradevoli al tatto. Anche l'abitabilità anteriore è esente da critiche, mentre quella posteriore non ci ha convinto. Sarà difficile andare in vacanza in cinque: dietro, più che un divano, ci sono due poltrone singole, a causa dell'alto tunnel centrale e della seduta stretta e rigida in mezzo.
 
Gli accessori non mancano
Lexus IS 300h
 
La dotazione della nuova Lexus IS 300h comprende: fari allo xeno con luci diurne e posteriori a led, schermo di 7" con connettività Bluetooth, cerchi in lega di 16", "clima" automatico e rivestimenti in tessuto ed eco-pelle. L'allestimento Executive aggiunge, tra l'altro, i cerchi in lega di 17", il "clima" bizona, il cruise control e l'ingresso senza chiave. La F Sport è la versione più cattiva: offre i cerchi in lega da 18 pollici con design specifico, i fendinebbia a led, i sedili anteriori sportivi, la mascherina a nido d'ape, un diverso paraurti anteriore, il contagiri ispirato alla supercar LFA e le sospensioni adattive con modalità di guida Sport S+. Infine la Luxury del test, che include i cerchi di 18 pollici, i fari anteriori a led, il navigatore satellitare, i rivestimenti in pelle, gli inserti in legno grigio scuro, i sedili anteriori elettrici, riscaldati e ventilati e il sofisticato impianto hi-fi da 835 watt e 15 casse (con un suono davvero pulito). Curata la dotazione di sicurezza, che comprende otto airbag (inclusi i due anteriori per le ginocchia), il cofano attivo (caso d'urto un pedone si solleva di 7 cm per assorbire l'impatto con la testa) e una serie di dispositivi, come gli abbaglianti automatici (AHB), il Lane Departure Alert (LDA), il Blind Spot Monitor (BSM) e il sistema Rear Cross Traffic Alert (un dispositivo che aiuta a uscire in retromarcia dai parcheggi).
 
In silenzio per due chilometri
Lexus IS 300h
 
Ma veniamo alla guida. Come tutte le ibride della casa la Lexus IS 300h si avvia senza emettere rumore e, se le batterie sono abbastanza cariche, parte in modalità elettrica per poi passare al motore termico appena si richiede maggiore potenza. Poi, quando si vuole entrare nelle aree ZTL dei centri cittadini, o si vuole viaggiare godendosi il silenzio della marcia elettrica, si può premere il tasto EV sul tunnel centrale, per selezionare la modalità a zero emissioni, che consente di percorrere solo a corrente circa due chilometri, e a una velocità inferiore ai 50 km/h. L'abitacolo, comunque, è ben insonorizzato, e pure nel momento in cui entra in funzione il quattro cilindri a benzina, si resta sufficientemente isolati dall'esterno.
 
Promette di bere poco
Lexus IS 300h
 
E anche quando si esce dai centri urbani, la Lexus IS 300h è facile e piacevole da guidare, specie se equipaggiata con le sospensioni attive a cinque modalità di funzionamento, come la Luxury che abbiamo provato sulle strade e autostrade austriache. Grazie al 2.5 a benzina, ben assistito dal motore elettrico, lo spunto è notevole (la casa dichiara uno scatto da 0 a 100 orari in 8,3 secondi, che ci sono parsi realistici come la punta massima di 200 km/h, limitata elettronicamente); e l'efficiente lavoro delle sospensioni rende la guida piacevole. Lo sterzo, abbastanza preciso, e i freni potenti danno sicurezza, ma non ci ha convinto il cambio a variazione continua di rapporto, lento e poco adatto a una guida "allegra". Altro discorso quello dei consumi, dove la berlina giapponese dovrebbe avere molto da dire. La Lexus sostiene che si possano percorrere in media 23,3 km con un litro di benzina. Noi non siamo arrivati a tanto, tuttavia alla fine del test il computer della macchina segnava 14 km/l: un ottimo risultato per una berlina, dalle pretese sportiveggianti, con 223 CV. La Lexus IS 300h, comunque, si distingue per il comfort che riesce a offrire a quattro adulti, grazie all'elevata insonorizzazione, alle sospensioni efficaci sulle buche (specie quelle attive, di serie sulla F Sport) e alle poltrone larghe e poco cedevoli. Quanto alla guida, comunica sicurezza, con una stabilità e tenuta di strada molto elevate; e la dolcezza di erogazione e la progressione del sistema ibrido sono notevoli. Il feeling complessivo, tuttavia, non è autenticamente sportivo: la IS 300h è un'auto comoda e "verde", ma resta poco adatta a chi cerca le prestazioni e la grinta prima di tutto. La vedremo in concessionaria a giugno, in quattro allestimenti (Hybrid, Executive, F Sport e Luxury), a partire da 37.500 euro.
 
Secondo noi
Lexus IS 300h
 
PREGI

> Sistema ibrido. Il motore termico e quello elettrico sono ben abbinati e consentono di viaggiare con una certa vivacità, senza sprecare troppa benzina. 
> Facilità di guida. Cambio automatico, discreta maneggevolezza, ottima tenuta di strada, sterzo leggero in città e consistente in velocità. La IS ibrida non affatica al volante ed è sempre molto dolce.
> Silenziosità. Al semaforo il motore termico si spegne e non dà fastidio; inoltre, inserendo la modalità EV, si possono percorrere anche due km con poco rumore nell'abitacolo.
 
DIFETTI
 
> Cambio lento. Quando si vuole sfruttare la potenza dell’auto, il CVT non è rapido nella risposta.  
> Divano. È comodo solo per due, perché al centro è rigido e rialzato. Il tunnel molto alto dà fastidio alle gambe di chi siede in mezzo.
> Rivendibilità. Il mercato delle Lexus è ancora piutosto limitato, per cui non sarà facile trovare un acquirente.

 

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 2493
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima motore termico + elettrico kW (CV)/giri 164 (223)/6000 giri
Coppia max Nm/giri 300/4200-5400
Emissione di CO2 grammi/km 99
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio a variazione continua (E-CVT) + retro
Trazione posteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi autoventilanti
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 467/181/203
Passo cm 280
Peso in ordine di marcia kg 1620-1720
Capacità bagagliaio litri 450
Pneumatici (di serie) 255/40 R18 ant. 255/35 R18 post.

 

Lexus IS
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
154
128
140
80
89
VOTO MEDIO
3,3
3.301185
591
Aggiungi un commento
Ritratto di Flavio Pancione
30 maggio 2013 - 15:54
7
il mercato Italiano. Ma ibrida io non la prenderei ancora.. si aggiunge complessità, diminuiscono le prestazioni e questo "verde" non lo vedo affatto, poiché i consumi non sono affatto molto entusiasmanti. Insomma è un'auto bellissima ed esotica qui in Italia, la adoro e quanto avrei voluto che importassero anche il benzina senza il motore elettrico. E' perfettamente alla pari di Bmw serie 3 e Mercedes Classe C con le dovute differenze. Bmw rimane di certo più reattiva ed efficace alla guida , ma la Lexus è più bella soprattutto negli interni. Ma tra le tre la più equilibrata nella linea è la Classe C, secondo me è la più bella dentro e fuori. Insomma complimenti Lexus, ma avrei importato qui anche il 2.5 V6.
Ritratto di MAXTONE
31 maggio 2013 - 15:14
Io ho letto la prova comparativa eseguita da Car & Driver che ha messo a confronto la nuova IS in versione 350 F-Sport con la BMW 335i M-Sport e la Cadillac ATS 3.6 e a quanto pare la Lexus ha vinto seppur di misura proprio per l'handling. Io vi posto il link, la prova si intitola "Habemus Papem" lexusenthusiast.com/.../car-driver-comparison-201..
Ritratto di Flavio Pancione
31 maggio 2013 - 17:12
7
parla della Lexus Gs e dell'Audi A6..
Ritratto di MAXTONE
31 maggio 2013 - 20:07
A me da un post datato 30 Aprile 2013 che riguarda la comparativa tra IS350 F-Sport, BMW 335i e Cadillac ATS, scusa ma dovresti controllare meglio.
Ritratto di Flavio Pancione
31 maggio 2013 - 20:43
7
ma su riviste italiane mai prove del genere? ?io credo che comunque la 350, che non è l'auto provata da alvolante, ed essendo la più potente della gamma probabilmente ha diversi accorgimenti all'assetto, comunque davvero ammirevole questa lexus.
Ritratto di MAXTONE
31 maggio 2013 - 21:38
Perché il mercato di Lexus in particolare da noi registra numeri piccoli. Comunque questa nuova IS 2014 mi piace proprio un botto pero', e qui lo dico: la nuova Serie 3 GT mi piace un poco di più, è troppo bella e quelle porte senza cornici la rendono ancor più affascinante.
Ritratto di Flavio Pancione
31 maggio 2013 - 22:15
7
la berlina tra le Serie 3, la GT non mi ha convinto del tutto.. I motori sono eccellenti , soprattutto i diesel ma gli interni non mi entusiasmano per nulla nel design, almeno sono fatti molto molto bene ed è possibile personalizzarli con rifiniture davvero ricercate.
Ritratto di MAXTONE
1 giugno 2013 - 01:57
Molti hanno criticato quella piccola presa d'aria a boomerang sotto le frecce laterali anteriori, in realtà essa non si trova di certo li per caso ma ha una ben precisa funzione aerodinamica: Si chiama AirBreather, e fa parte del sistema EfficientDynamics di terza generazione. Serve a convogliare meglio l'aria attorno alla fiancata e non rallentare all'interno delle ruote.
Ritratto di Flavio Pancione
1 giugno 2013 - 08:18
7
l'aria nei passaruota così ha uno "sfogo" e si evitano di creare piccole interferenze sul flusso dell'aria. Io la trovo anche bella, la GT secondo me ha un bel profilo, perde qualcosa sul posteriore però..
Ritratto di MAXTONE
1 giugno 2013 - 11:50
Questa IS, esattamente come accade con tutte le rivali premium, coi cerchi F-Sport tipo LFA o anche con quelli normali a stella ma belli massicci da "18 (quelli che si vedono nella foto tipo ologramma della retromarcia assistita) è meravigliosa ma vista coi cerchi piccoli da "16 della versione base, fa decisamente pietà e compassione e sembra misera misera. Una volta quando le auto avevano la linea di cintura piu'bassa cio'non accadeva (ricordo la Serie 3 E36 90-97 che anche con le coppe copriruota in plastica faceva lo stesso un figurone) ma oggi siccome hanno ste fiancate alte da barcone, non è solo Lexus, chi piu'chi meno succede a tutte, necessitano per forza di cerchi minimo da "17 per non apparire patetiche.
Pagine