PRIMO CONTATTO

Mahindra Goa Pik-up Plus: con calma, ti porta dove vuoi

Pick-up discretamente dotato in rapporto al prezzo, è adatto anche al fuori strada impegnativo. Ora ha il cambio a sei marce, ma né il 2.2 a gasolio né lo sterzo brillano per prontezza.

Listino prezzi Mahindra Goa Pik-up Plus non disponibile

Pubblicato 18 giugno 2019
  • Prezzo (al momento del test)

    € 25.734
  • Consumo medio

    11,1 km/l
  • Emissioni di CO2

    286 grammi/km
  • Euro

    6 c
Mahindra Goa Pik-up Plus
Mahindra Goa Pik-up Plus 4x4 Cabina Doppia S10
Un po’ più moderno

Arriva in Europa il rinnovato Mahindra Goa Pik-up Plus, un pick-up derivato dalla fuoristrada Goa, che era venduta in Italia fino a pochi mesi fa. Rispetto al modello precedente, il Pik-up (sì, il nome non include la “c”) è stato oggetto di un aggiornamento (la casa indiana parla di 51 modifiche) che ha coinvolto anche l’estetica: sono nuovi gli inserti cromati nella mascherina, i fari con le luci diurne a led che ne sottolineano il profilo superiore (riservate all’allestimento S10, il più ricco), i fendinebbia integrati e la presa d’aria che si apre nel cofano. Il miglioramento si nota, con un frontale più armonico e piacevole, anche se lo stile complessivo non si può definire moderno.

Cabina singola o doppia

Come spesso accade per questa tipologia di veicoli, anche il Mahindra Goa Pik-up Plus è offerto con trazione sulle sole ruote posteriori (4x2) oppure integrale (4x4), e nelle varianti con cabina singola a due porte oppure doppia a quattro porte. Quale che sia la configurazione della carrozzeria, la lunghezza complessiva della vettura (ben 518 cm) e il passo (304 cm) non variano, mentre lo fanno le dimensioni dell’abitacolo e il numero di posti (2 nel primo caso e 5 nel secondo). La versione Cabina Doppia ha un cassone più corto, 149 cm contro i 229 di quello della Cabina Singola, con una larghezza (152 cm) e una profondità (82 cm) uguali. La massa trasportabile, però, dipende anche dal tipo di trazione: si va dai 995 kg della 4x4 Cabina Doppia ai 1195 kg della 4x2 Cabina Singola. 

Due livelli di dotazione

Il listino del Mahindra Goa Pik-up Plus parte dai 18.878 euro (un prezzo davvero basso per un veicolo di questo tipo) richiesti per il 4x2 Cabina Singola nell’allestimento ”base” S6 e arriva ai 25.734 euro necessari per portarsi a casa il 4x4 Cabina Doppia con l’allestimento più ricco, siglato S10 del nostro test. Indipendentemente dal tipo di carrozzeria alla quale lo si abbina, quest’ultimo comprende, fra l’altro, il “clima” automatico anziché manuale, il cruise control, la regolazione in altezza del sedile di guida, le luci di svolta, i sensori luce e pioggia e i cerchi in lega argento/nero di 16”. Sono invece di serie per tutta la gamma le pedane laterali in acciaio verniciato nero, la chiusura centralizzata con telecomando, gli specchietti regolabili elettricamente e una dotazione di sicurezza limitata al minimo sindacale: prevede soltanto gli airbag frontali, l’Abs e l’Esp. Fra gli optional, infine, la vernice metallizzata, il roll-bar in acciaio inox satinato (finitura estensibile alle pedane), il paracoppa sempre in acciaio inox e varie soluzioni di copertura del cassone, incluso l’hard-top rigido; i prezzi non sono ancora stati comunicati. Il nuovo pick-up indiano è già ordinabile con tempi di consegna attorno ai 30 giorni; immatricolabile come autocarro (N1), può godere di condizioni fiscali e di tassa di circolazione agevolate, e può essere richiesto in varie configurazioni speciali (a esempio antincendio, soccorso stradale o altro).

Una marcia in più

Sotto il cofano del Mahindra Goa Pik-up Plus c’è una novità: il 2.2 diesel a iniezione diretta common-rail già collaudato nella XUV500, la suv medio-grande del marchio. Provvisto di distribuzione a 4 valvole per cilindro e dotato di turbo con intercooler, eroga 140 CV (20 più di prima) e 330 Nm di coppia (disponibili da 1600 a 2800 giri); a differenza dell’unità precedente, è abbinato a un cambio manuale a sei rapporti (erano cinque), e impiega una frizione irrobustita. La presenza del riduttore – che regala altre sei marce accorciate, indispensabili nel fuori strada impegnativo – è prerogativa della versione a trazione integrale, e lo stesso logicamente vale per i mozzi anteriori liberi a innesto automatico. Da rimarcare che sia la trazione integrale, sia le marce ridotte, sono a inserimento elettrico: basta premere un pulsante. Standard, indipendentemente dal tipo di trasmissione, il differenziale posteriore con bloccaggio automatico al 100%. Utili in presenza di forti pendenze sono pure il sistema che tiene bloccati i freni per qualche istante, così da facilitare le ripartenze in salita, e il sistema che limita automaticamente la velocità in discesa (lasciando a chi guida il solo compito di gestire la traiettoria).

Fuoristrada tradizionale

La carrozzeria è montata su un telaio a longheroni, ai quali sono ancorate sospensioni anteriori a ruote indipendenti, con barre di torsione, e posteriori con molle a balestra. Si tratta di uno schema classico, che privilegia la robustezza e le doti di carico piuttosto che la precisione di guida, e che rivela l’impostazione da off-road specialistica del Mahindra Goa Pik-up Plus. Lo confermano anche l’abbondante distanza minima da terra (21 cm) e gli angoli caratteristici abbastanza favorevoli, nonostante la notevole lunghezza del passo e la presenza del cassone (quello di attacco è di 24°, quello di dosso di 18° e quello di uscita di 15°). L’impianto frenante presenta dischi soltanto all’avantreno; dietro, c’è una coppia di tamburi.

L’abitacolo è moderno, ma le finiture…

La console centrale e le bocchette d’aerazione sono di nuovo disegno, così come il cruscotto: il risultato è gradevole, anche perché l’ambiente è valorizzato dalle plastiche bicolore grigio/nero; peccato, tuttavia, che la qualità di queste ultime non sia un granché, e che la precisione di alcuni assemblaggi sia scarsa. Davvero grande il volante, mentre aggiunge un tocco tecnologico l’impianto di infotainment di serie nella S10 (al suo posto, la S6 offre la radio con comandi al volante), che si gestisce da uno schermo tattile di 7” e che include pure la funzione di navigatore. Quanto all’abitabilità, è piuttosto abbondante davanti mentre dietro i tre passeggeri sono ospitati su un divano dalla lunga seduta, che però ruba spazio alle ginocchia; ci sono anche il poggiatesta per il posto centrale (che limita, però, la visibilità posteriore) e gli attacchi Isofix.

Impegnativo su strada, valido fuori

Il comfort di marcia del Mahindra Goa Pik-up Plus è di buon livello grazie alle sospensioni morbide nella prima fase della loro (ampia) escursione, mentre nella marcia autostradale (col motore che, a 130 orari in sesta, lavora a 2800 giri), la rumorosità è accettabile per una vettura di questo tipo, e si gode di un potente impianto di climatizzazione (anche se i relativi comandi sono un po’ in basso nella plancia). Grazie alla posizione di guida dominante e ai grandi specchi esterni, tutto resta ben sotto controllo negli spazi angusti. La massa rilevante e il notevole sviluppo in altezza e le sospensioni morbide rendono il Mahindra Goa Pik-up Plus tutt’altro che agile nei percorsi tortuosi, dove lo sterzo lento e demoltiplicato impone di girare il volante di un notevole angolo per inserirsi in curva (operazione che va favorita alleggerendo la pressione sull’acceleratore). Il volante va tenuto con decisione per evitare scarti di traiettoria quando si passa sulle buche, e bisogna abituarsi a una frenata un po’ “lunga”. Fuori dall’asfalto il Goa è più a suo agio: le sospensioni sono in grado di incassare le buche più dure senza troppi scompensi e lo sterzo può essere aiutato dal sapiente utilizzo dell’acceleratore. Favorito da un cambio che, a dispetto della corsa lunga della leva, ha innesti piacevolmente fluidi, il motore mostra un buon tiro già da 1600 giri, acquisisce vigore a 2500 e può arrivare (ma senza tanta grinta) fino a 4500. Ciò detto, il 2.2 va spesso sfruttato a fondo per ottenere lo sprint che serve nei sorpassi o in salita.

Secondo noi

Perché sì 
> Prestazioni in off-road. Telaio a longheroni, 21 cm di luce a terra, trazione integrale inseribile, differenziale posteriore con bloccaggio automatico e marce ridotte: è un pick-up pronto ad affrontare qualsiasi terreno e l’impiego più duro. 
> Garanzia. La copertura dura tre anni (o 100.000 km), ossia uno in più del minimo di legge; inoltre, nello stesso arco di tempo si può usufruire del soccorso stradale gratuito.
> Equipaggiamento. La dotazione di sicurezza non fa gridare al miracolo, ma l’allestimento S10 include anche tergicristallo e luci che si attivano automaticamente, oltre a un discreto impianto di infotainment con schermo tattile e navigatore.

Perché no 
> Brio. Pur se omogeneo, il 2.2 a gasolio non è fra i più prestanti della sua classe e deve muovere una massa considerevole: tutto bene finché si va tranquilli, ma nei sorpassi è indispensabile mettere mano al cambio.
> Guida. Lo sterzo è lento e un po’ “vago” in velocità. Inoltre, fra le curve si sente l’inerzia dovuta alla massa, e la frenata non è tanto potente.
> Finiture. Data la tipologia di veicolo e il prezzo invitante non ci aspettavamo materiali raffinati, ma la qualità di alcune plastiche è al limite della sufficienza e si nota pure qualche difetto negli assemblaggi.

SCHEDA TECNICA
Carburante gasolio
Cilindrata cm3 2179
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 103 (140)/3750 giri
Coppia max Nm/giri 330/1600-2800
Emissione di CO2 grammi/km 239
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione integrale inseribile
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori tamburi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) n.d.
Accelerazione 0-100 km/h (s) n.d.
Consumo medio (km/l) 11,1
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 518/182/192
Passo cm 304
Peso in ordine di marcia kg 2155
Dimensioni cassone cm 149x152x82
Pneumatici (di serie) 245/75 R16
Mahindra Goa Pik-up Plus
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
2
1
5
8
18
VOTO MEDIO
1,9
1.85294
34
Aggiungi un commento
Ritratto di Stefano1985
18 giugno 2019 - 16:53
Roba da matti
Ritratto di Gwent
18 giugno 2019 - 21:07
2
Se la Mahindra corre in F.E ma Tesla e Toyota no vuol dire che la Formula E deve essere incredibilmente prestigiosa. (Ironic Mode Off).
Ritratto di Fr4ncesco
18 giugno 2019 - 16:56
2
Mezzo robusto ed economico che bada al sodo, ideato per zone disastrate come l'India e gli impieghi più gravosi. Qualsiasi critica su linea, precisione di guida, comfort e finiture è in cattiva fede.
Ritratto di tramsi
18 giugno 2019 - 19:26
Disegnarla diversamente sarebbe costato uguale.
Ritratto di Fr4ncesco
18 giugno 2019 - 19:44
2
Non è detto, anzi considerando il modello e la provenienza sicuramente no. Forme semplici e dimesse sono più facili da produrre e quindi più economiche da stampare (e riparare) , non a caso le auto fatte per i mercati emergenti hanno tutte queste forme.
Ritratto di tramsi
18 giugno 2019 - 19:56
Non ho certe tue sicurezze in materia, ma osservo che le forme - decisamente brutte, quantomeno secondo il 99,999999% degli occidentali, nonché tipicamente Mahindra (vedi la KUV100) - sono sì dimesse, ma non particolarmente semplici. Un disegno più lineare avrebbe solo giovato.
Ritratto di Fr4ncesco
18 giugno 2019 - 20:33
2
Però se noti la silhouette è quella di un mezzo che azzarderei dire di anni '40 arrivato fino ai giorni nostri con modifiche marginali. Le parti più elaborate sono paraurti, cofano e fanali che solitamente vengono da fornitori diversi.
Ritratto di tramsi
18 giugno 2019 - 21:04
Ho capito: praticamente stai asserendo che hanno acquistato componentistica preesistente montandola su un progetto altrettanto preesistente ammodernato alla meno peggio. A questo punto, meglio le cinesi! Certo, osserverai che una cinese si aprirebbe in 10 alla prima buca… :-D
Ritratto di Fr4ncesco
18 giugno 2019 - 23:12
2
Ecco, esattamente ahah.
Ritratto di Gwent
19 giugno 2019 - 10:04
2
Non ha forme elaborate, solo il frontale ma quello costa poco farlo come ti pare, quello che fa risparmiare tanto sono i cristalli e il padiglione perfettamente verticali ad esempio li avevano la prima Panda di Giugiaro e la Volvo Serie 700 del 1982 la quale, pur essendo nata come ammiraglia di lusso era stata concepita in ristretti economici su base Serie 200 e purtuttavia risultava essere proprio in virtù di quelle caratteristiche, ricca di personalità e fascino, del tutto assenti nelle rivali dell'epoca, la coeva Audi 100 ad esempio, pur con un aerodinamica da sballo, vetri inclinati e a filo e tergi incassati, oggi appare tombinosa da morire mentre un Volvo Serie 700 se ben tenuto fa una figura quasi regale nell'anonimo contesto automobilistico odierno (in realtà le Volvo hanno sempre espresso molto più fascino delle audi sia come linee, dalla forte personalità, che come immagine di marca, almeno per me). Non mi dispiacerebbe affatto girare con un bel 740 o 760 GLE. Questo naturalmente imho e con rispetto parlando. Un saluto. Il Gwent.
Pagine