PRIMO CONTATTO

Opel Insignia Sports Tourer: cambia più nella sostanza che nell’aspetto

Aggiornata nel frontale e nei contenuti tecnici, la Opel Insignia Sports Tourer 2.0 a gasolio da 174 CV è accogliente, comoda e facile da guidare. In accelerazione, però, il quattro cilindri alza la voce.
Pubblicato 12 novembre 2020
  • Prezzo (al momento del test)

    € 43.500
  • Consumo medio (dichiarato)

    20 km/l
  • Emissioni di CO2 (dichiarate)

    113 grammi/km
  • Euro

    6d
Opel Insignia Sports Tourer
Opel Insignia Sports Tourer 2.0 CDTI Ultimate AT8
Ora “vede” meglio

A tre anni dal lancio, la seconda generazione dell’Opel Insignia (la prima è del 2008) cambia “faccia”, sia nella versione berlina Grand Sport sia nella famigliare Sports Tourer del nostro test. I ritocchi estetici sono leggeri, e riguardano il frontale, con il paraurti ridisegnato e la mascherina con una spessa cornice, che integra un listello cromato (o nero, a seconda dell'allestimento) più evidente. Sono inediti anche gli inserti cromati, che danno alla mascherina una maggiore impressione di tridimensionalità. Nuovi pure i fari, rivisti anche nel disegno interno delle luci e migliorati nel funzionamento, grazie al sistema IntelliLux Led Pixel: dotati ciascuno di 84 punti luminosi disposti su 3 file (prima c’erano 16 diodi per faro), adattano automaticamente il fascio luminoso per illuminare al meglio senza abbagliare gli altri conducenti.

L’obiettivo del restyling, oltre allo svecchiamento estetico e nei contenuti tecnici, era quello di aumentare l’efficienza della Opel Insignia. A questo scopo è stata migliorata l’aerodinamica, con la griglia attiva nella mascherina (che si apre e si chiude in base alle esigenze di raffreddamento del motore) e attraverso l’aggiunta di un’ampia pannellatura nel sottoscocca. Inoltre, è cambiata la gamma dei motori (abbinati a trasmissioni manuali e automatiche ad attrito ridotto), che ora hanno inferiori emissioni inquinanti: la versione base della wagon 2.0 CDTI da 174 CV, per esempio, raggiunge la soglia dei 108 g/km di CO2 contro i 137 della vecchia. Peccato che non sia previsto l’arrivo di una versione ibrida, che avrebbe ulteriormente migliorato l’efficienza.

Ti dà una mano in retromarcia

All’interno, le novità dell’Opel Insignia Sports Tourer riguardano i rivestimenti dei sedili ergonomici con certificazione AGR, ora disponibili con inediti rivestimenti in tessuto, in pelle e in Alcantara. La gamma di sistemi di infotainment compatibili con Apple CarPlay e Android Auto va dal Multimedia Radio al Multimedia Navi e al Multimedia Navi Pro (con display da 7” a 8”). Il sistema più completo si distingue per il navigatore connesso alla rete, con informazioni sul traffico in tempo reale, aggiornamento online delle mappe e navigazione predittiva. Migliorata pure la dotazione di sistemi elettronici di sicurezza, che comprende la frenata d’emergenza con funzione anti-investimento, il sistema contro l’involontario cambio di corsia, il monitoraggio dell’angolo cieco negli specchietti, il regolatore di velocità adattativo, il sistema che riproduce i cartelli stradali nel cruscotto, l’assistente al parcheggio e l’head-up display, che proietta sul parabrezza alcune informazioni utili alla guida. Inediti la retrocamera digitale e il Rear Cross Traffic Alert che si serve di sensori che coprono un angolo di 90° verso destra e sinistra, fino a 20 metri di profondità, avvisando il guidatore tramite un segnale acustico o un messaggio visivo se corre il rischio di urtare un pedone o un ostacolo. Sempre scarsa, però, la visibilità dal lunotto.

A gasolio per grandi viaggiatori

Destinata a chi macina parecchi chilometri l’anno, questa versione a gasolio della Opel Insignia Sports Tourer è una macchina comoda e spaziosa (col solito baule extralarge, invariato nella capacità). Il 2.0 CDTI da 174 CV offre un’erogazione regolare anche ai regimi più bassi e una buona spinta fino a 3500 giri. A freddo e in piena accelerazione, però, è un po’ rumoroso e al minimo trasmette fastidiose vibrazioni. Il cambio automatico a 8 marce (rinunciandovi si risparmiano 2.000 euro) rende più facile e meno faticosa la guida, specie in città, dove mostra di essere ben accoppiato al 2.0, grazie a cambiate dolci, senza scossoni. Apprezzabile per il notevole comfort garantito dalle sospensioni (efficaci nel filtrare buche, rotaie e pavé, ma mai cedevoli), e dalla riuscita insonorizzazione, questa grande wagon non delude neppure nella guida sportiva.

Agile, nonostante i suoi 5 metri di lunghezza e i 1600 kg di peso, l’auto si muove bene su percorsi ricchi di curve, dove mette in luce uno sterzo preciso, motore e cambio pronti e ammortizzatori ben tarati, in particolare se si ordina il sistema di controllo elettronico dell’assetto FlexRide (1.200 euro), che varia su tre livelli (Normale, Tour o Sport) la risposta delle sospensioni, dello sterzo e del motore. Impostando la modalità Sport, la vettura risulta piuttosto “piatta” e neutra e consente inserimenti in curva precisi ed equilibrati, con una notevole stabilità nei curvoni veloci. Sempre sicuri i freni; peccato, però, per la scarsa modulabilità del pedale, che a bassa velocità appare un po’ duro e richiede parecchio sforzo. Nel breve percorso della nostra prova in gran parte su strade extraurbane con poco traffico, l’Insignia Sports Tourer 2.0 CDTI AT8, ha percorso una media di 13 km con un litro di gasolio (almeno stando ai dati del computer di bordo), sostanzialmente adeguti al tipo di auto, ma non tali da far gridare al miracolo.

Dote completa

Già prenotabile, con prezzi a partire da 35.500 euro (1.000 in meno per la berlina Grand Sport), la Opel Insignia Sports Tourer è disponibile anche con un 1.5 a gasolio da 122 cavalli. A benzina, invece, si può avere con un 2.0 da 200 o 230 CV (quest’ultimo abbinato alla trazione integrale permanente). La 2.0 CDTI nella versione Ultimate del nostro test, col cambio automatico AT8, è la più ricca della gamma (la 2.0 base, con il cambio manuale a 6 marce costa 37.500 euro): di serie ha i cerchi di 18”, il “clima” bizona, il navigatore col sistema multimediale Multimedia Nav Pro e il display di 8”, i rivestimenti dei sedili in Alcantara e gli airbag laterali posteriori. E per chi cerca forme ispirate ai suv, la versione Country Tourer ha una carrozzeria rialzata di 2,5 cm e protezioni in plastica lungo i passaruota. 

Secondo noi

PREGI
> Abitacolo. È ampio, accogliente e ben fatto. Pratici i numerosi vani portaoggetti e la doppia presa Usb dietro.
> Baule È profondo e facile da sfruttare, ha la soglia bassa e a filo del pavimento e il portellone con l’apertura elettrica.
> Guida. Nonostante le dimensioni importanti, la famigliare tedesca ha un comportamento stradale prevedibile, lo sterzo è preciso, tiene bene la strada e si corica poco di lato in curva. 

DIFETTI

> Motore. Il 2.0 a gasolio è pronto e potente, ma vibra un po’ ai bassi giri e quando si accelera a fondo fa sentire la sua voce.
> Pedale del freno. Non è ben modulabile, va premuto con forza.
> Visibilità posteriore. Il lunotto è piccolo e i montanti del tetto sono larghi; nelle manovre di parcheggio sono indispensabili i sensori di distanza e la retrocamera.

SCHEDA TECNICA

Carburante gasolio
Cilindrata cm3 1995
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 128 (174)/3500 giri
Coppia max Nm/giri 380/1500-2750
Emissione di CO2 grammi/km 113
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 8 (automatico) + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 222
Accelerazione 0-100 km/h (s) 9,1
Consumo medio (km/l) 20
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 499/186/150
Passo cm 283
Peso in ordine di marcia kg 1558
Capacità bagagliaio litri 560/1665
Pneumatici (di serie) 245/45 R18
Opel Insignia Sports Tourer
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
31
40
30
13
15
VOTO MEDIO
3,5
3.457365
129


Aggiungi un commento
Ritratto di Alfiere
12 novembre 2020 - 14:09
1
non è neanche l'ombra della signum, è un modello veramente mediocre.
Ritratto di hamtaro
12 novembre 2020 - 14:15
15
E pensare che un tempo Opel produceva modelli come la Senator, ne ho posseduta una per undici anni... bei tempi
Ritratto di Giuliopedrali
12 novembre 2020 - 15:41
Le Kaepitan e le Admiral dagli anni 30 ad inizio anni 60 erano davvero stupende.
Ritratto di Mauo
12 novembre 2020 - 14:30
Inutilmente mastodontica...
Ritratto di AndyCapitan
13 novembre 2020 - 19:16
1
e' grande perche' e' un segmento grande ma non dite che e' brutta perche' non ci credo!....Opel general motors ha fatto enormi auto...fantastiche...durature e comode!!!
Ritratto di domila
12 novembre 2020 - 14:50
Di per se la linea non è terribile, ha contenuti, spazio, e qualità. Ma l’insigna del 2008 era un’altra cosa. Poi, voglio dire, 4 metri e 99 per una wagon segmento D sono eccessivi...dovrebbe essere lunga almeno 20 cm in meno. Opel ha sprecato una bella occasione con questa Insignia, e con questo restyling non è che migliori più di tanto. Confido nella prossima Insignia, se mai si farà.
Ritratto di desmo3
12 novembre 2020 - 15:12
la prima Insignia voleva essere una premium a livello di stile e design per competere con gli altri marchi tedeschi... ma vedo che ormai ha perso tutto il carisma che la contraddistingueva
Ritratto di domila
12 novembre 2020 - 15:40
Sono molto d’accordo.
Ritratto di Giuliopedrali
12 novembre 2020 - 15:43
Non sarebbe male e ne ho vista perfino una SW e una berlina con targhe italiane... Comunque ricordiamoci che anche questa bestseller a livello mondiale e anzi galattico... è sempre di un marchio all'interno di PSA cioè Stellantis: alleanza tra perdenti.
Ritratto di Daddi2285
12 novembre 2020 - 19:16
Super d'accordo
Pagine