PRIMO CONTATTO

Seat Ibiza SC: col 1.0 ha un bel caratterino

Leggero aggiornamento per la linea e gli interni della Seat Ibiza. Tutto nuovo è il piccolo 1.0 a tre cilindri, vivace e poco rumoroso. Così così le finiture.

11 giugno 2015

Listino prezzi Seat Ibiza SC non disponibile

  • Prezzo (al momento del test)

    € 15.550
  • Consumo medio

    23,8 km/l
  • Emissioni di CO2

    97 grammi/km
  • Euro

    6
Seat Ibiza SC
Seat Ibiza SC 1.0 TSI Connect
Rinnovata, soprattutto dentro
 
Dopo il restyling del 2012, è la seconda volta che la Seat Ibiza viene aggiornata. I cambiamenti più importanti riguardano l’abitacolo, che si differenzia da quello della vecchia versione per il nuovo disegno della plancia e del quadro strumenti e per i “pacchetti di personalizzazione”, che consentono di scegliere i colori dei profili delle prese d’aria, del volante e della leva del cambio. La cura dei dettagli, però, non è ancora esente da critiche (a parte la plastica morbida della parte centrale della plancia, le altre restano un po’ rigide e di aspetto economico). Ed è un peccato che i ritocchi non abbiano riguardato alcuni comandi poco pratici, come il tasto delle frecce d’emergenza (troppo in basso nella consolle, e parzialmente nascosto dal cambio). Scomodo pure il divano: in tre ci si deve stringere parecchio. Le novità nella carrozzeria (riguardano la SC a tre porte del nostro test, ma anche la cinque porte e la wagon ST) si limitano ai fari con luci diurne a led, ai cerchi di 16” e di 17”, anche a due tinte, e ai colori Grigio Moonstone e Rosso Chili. 
 
Migliorato il sistema multimediale
 
Un’altra importante novità per la Seat Ibiza è il sistema multimediale Full Link, col navigatore integrato (prima era portatile e doveva essere posizionato sopra la plancia, con uno specifico supporto). Oraal centro della plancia spicca lo schermo a sfioramento a colori di 6,5”. Il sistema offre la possibilità di sfruttare lo standard MirrorLink, ma tramite la Seat Connect App è compatibile anche con gli smartphone Apple e Android. In questo modo nello schermo del navigatore appaiono i contenuti del telefono, del quale si hanno a disposizione alcune delle funzioni principali, come i file musicali, i video, i messaggi e la navigazione.
 
Più sicurezza con l’elettronica
 
Lo svecchiamento della Seat Ibiza passa anche per l’elettronica di ausilio alla guida. Ecco, allora, che a listino troviamo quei dispositivi ormai diffusi nelle auto del gruppo Volkswagen (di cui Seat fa parte), come quello per il riconoscimento della stanchezza del conducente. Questo sistema analizza il modo in cui si guida: attraverso le continue correzioni di traiettoria apportate col volante, rileva l’eventuale calo della concentrazione dell’automobilista, che viene avvisato tempestivamente. Ma c’è anche il sistema di frenata anticollisione multipla: dopo l’urto, agisce automaticamente sui freni per evitare che l’auto continui a sbandare incontrollata. Inoltre, se l’airbag si apre in seguito al primo impatto, il programma elettronico di stabilizzazione attiva contemporaneamente freni e luci d’emergenza.
 
Un bel tre cilindri
 
Ma veniamo alla vera “chicca” di questa rinnovata Seat Ibiza: il nuovo tre cilindri 1.0 TSI turbo a benzina da 95 CV (c'è anche in versione aspirata da 75 CV). Per merito della turbina di piccole dimensioni, pronta a rispondere a ogni sollecitazione, è un motore brillante fin dai bassi regimi; inoltre, offre un buon allungo e non fa mai troppo rumore. Discreta la ripresa, abbastanza pronta anche se si spinge sull’acceleratore in quarta o in quinta ai regimi medio bassi. Maneggevole in città e confortevole nei viaggi autostradali (i fruscii non sono invadenti nell’abitacolo e il motore a velocità di crociera non è rumoroso), la Seat Ibiza 1.0 TSI si guida con piacere sulle strade tortuose, dove mette in mostra un’elevata tenuta di strada (le sospensioni non sono troppo cedevoli, anzi) e una bella accoppiata di cambio e sterzo. La cilindrata ridotta e l’efficienza propria dei propulsori di recente progettazione, dovrebbero consentire di contenere i consumi e le emissioni inquinanti. La sensazione, in effetti, è che la Seat Ibiza 1.0 TSI (che di serie ha il sistema Stop&Start) non sia assetata: a fine test il computer di bordo dell’auto segnalava una media di 15,5 chilometri con un litro, che non sono male, anche in considerazione del fatto che non ci siamo risparmiati molto nella guida.
 
Un Samsung in regalo
 
In vendita nelle concessionarie a luglio (con prezzi da 11.820 euro), oltre che con il 1.0 a benzina da 75 o 95 CV (quello da 110 potrebbe arrivare più avanti), la Seat Ibiza sarà disponibile con il 1.2 TSI da 90 o 110 CV della FR e con il 1.4 TDI da 75, 90 o 105 CV. Gli allestimenti sono quattro, Reference, Style, FR e Connect, che ha di serie il sistema multimediale Full Link e uno smartphone Samsung Galaxy A3, per soddisfare le esigenze dei giovani (ma non solo), che chiedono prestazioni a livello di connettività sempre più complete.
 
Secondo noi
 
PREGI

> Dotazione di sicurezza. Ora include utili dispositivi elettronici di ausilio alla guida dell’ultima generazione.
> Guida. L’auto è agile, ha un’elevata tenuta di strada e sospensioni rigide, che non fanno soffrire sulle buche e limitano il rollio in curva.
> Motore. Il tre cilindri è brillante e poco rumoroso. E non sembra affatto avido di benzina.
 
DIFETTI
 
> Comandi. Sono gli stessi della versione precedente: quelli in basso nella consolle, come il tasto dell’hazard, sono nascosti dalla leva del cambio.
> Dettagli. Le forme della plancia sono cambiate, ma le plastiche non sembrano essere migliorate in misura apprezzabile.
> Posti dietro. Il divano non offre sufficiente spazio per tre adulti: un peccato veniale, comune a diverse utilitarie.

 

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 999
No cilindri e disposizione 3 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 70 (95)/5000-5500 giri
Coppia max Nm/giri 160/1500-3500
Emissione di CO2 grammi/km 97
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 5 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori tamburi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 187
Accelerazione 0-100 km/h (s) 10,4
Consumo medio (km/l)  
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 404/169/143
Passo cm 247
Peso in ordine di marcia kg 1020
Capacità bagagliaio litri 292/938
Pneumatici (di serie) 215/45 R16

 

Seat Ibiza SC
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
19
23
24
15
19
VOTO MEDIO
3,1
3.08
100
Aggiungi un commento
Ritratto di Mattia Bertero
11 giugno 2015 - 15:05
3
Mi è sempre piaciuta la Ibiza e con questo restyling è leggermente migliorata. Anche lei adesso beneficia di motori ed aggiornamenti meccanici delle altre della famiglia Volkswagen. Per gli interni l'unica cosa che stona un po' sono le bocchette del clima colorate, sembra una forzatura allegra in un abitacolo studiato e costruito con una certa austerità tipicamente teutonica (al massimo ci avrei messo più cromature qua e la). Il motore è buono sia come prestazioni, che come consumi, in rapporto alla cilindrata.
Ritratto di Ivan92
11 giugno 2015 - 16:16
6
Ma la preferisco con il 1.2 TSI che a sua volta a parità di utilizzo dovrebbe avere dei consumi reali abbastanza simili.
Ritratto di M93
11 giugno 2015 - 16:30
I recenti ritocchi hanno giovanti in termini di personalizzazioni ed equipaggianti tecnologico, ma comunque è un modello che inizia ad accusare i suoi anni, sopratutto nell'abitacolo, sia per il design che nella finitura. Ha dalla sua un buon rapporto qualità prezzo.
Ritratto di Helio
11 giugno 2015 - 17:32
Chi ha o conosce proprietari di uno di questi nuovi motori turbo benzina piccolini anche di altre marche? Ci si riesce ad arrivare ai 100 mila km? Questo fatto ancora non lo sono riuscite ad appurare.
Ritratto di Mattia Bertero
11 giugno 2015 - 18:12
3
Se mi posso permettere, vorrei farti una domanda. Perché hai questo "timore" che questi piccoli 3 cilindri turbo non riescano ad arrivare ai 100000 Km? Le case automobilistiche fanno migliaia e migliaia di chilometri tra test su strada e prove sul banco prima di mettere un motore su strada, non credo che siano così sprovvedute a mettere in commercio auto che a 50000 km iniziano ad avere problemi su problemi gravi all'unità motrice. Poi dipende molto da come un guidatore utilizza il suo motore: se tratta la macchina con un certo rispetto i motori vanno per anni e anni senza problemi, c'è un articolo su Quattroruote, l'ultimo numero uscito, che parla delle lettere inviate dai lettori del giornale che hanno totalizzato numeri incredibili, il record spetta ad un signore che con la sua Volvo (non mi ricordo adesso il modello) che è riuscito a fargli fare 850000 km e l'auto va ancora, la percorrenza minima che ho letto era intorno ai 500000 Km e c'erano auto di tutte le marche e di tutti i Segmenti, partendo da un'Audi A6 fino ad arrivare alla Daewoo Matix; chi tratta l'auto come se corresse in un circuito oppure che non riesce ad utilizzare come D.io comanda il motore, la durata si riduce notevolmente...
Ritratto di ingemix
11 giugno 2015 - 22:21
Perdona l'intromissione ma pure sul dpf avranno fatto test per miliardi di km eppure sono centinaia di migliaia le persone che hanno avuto e hanno problemi con le rigenerazioni, restando a piedi, e da anni oramai. Non era per dire che questi nuovi piccoli turbobenzina spaccheranno di sicuro entro i 100 mila, ma per cercare di introdurvi nell'ottica di un lancio industriale: i fattori di rischio sempre ci sono e l'utente di più o di meno fa da tester. Ergo io aspetterei i classici 4-5 anni prima di dare un giudizio ed eventualmente buttarmici. Che ne sei che magari a breve spariscono dalla produzione come magari è sparito quel motore VW... cos'era il 1.4 tsi 160CV?
Ritratto di ingemix
11 giugno 2015 - 22:21
Perdona l'intromissione ma pure sul dpf avranno fatto test per miliardi di km eppure sono centinaia di migliaia le persone che hanno avuto e hanno problemi con le rigenerazioni, restando a piedi, e da anni oramai. Non era per dire che questi nuovi piccoli turbobenzina spaccheranno di sicuro entro i 100 mila, ma per cercare di introdurvi nell'ottica di un lancio industriale: i fattori di rischio sempre ci sono e l'utente di più o di meno fa da tester. Ergo io aspetterei i classici 4-5 anni prima di dare un giudizio ed eventualmente buttarmici. Che ne sei che magari a breve spariscono dalla produzione come magari è sparito quel motore VW... cos'era il 1.4 tsi 160CV?
Ritratto di simopente
11 giugno 2015 - 19:03
3
se cerchi su autobild han fatto un test di resistenza di circa due anni su una focus col 1.0 ecoboost 125cv poco oltre i 100.000km con praticamente senza nessun problema e si è piazzata al secondo posto dopo un'audi.
Ritratto di SSS94
11 giugno 2015 - 21:57
il motore ci arriva, la turbina forse...personalmente non comprerei mai questi motorini 1.0 turbo, per quel che mi riguarda un 1.6aspirato è molto meglio....
Ritratto di simopente
12 giugno 2015 - 02:24
3
meglio un 1.0 turbo di un 1.6 aspirato...li ho avuti. Ed è molto più divertente.
Pagine