PRIMO CONTATTO

Ssangyong Tivoli: si fa notare e non ha fretta

La nuova crossover coreana SsangYong Tivoli ha un aspetto moderno e originale, e punta sulla funzionalità: l'abitacolo è spazioso e la dotazione ricca. Il motore a benzina, però, non brilla per verve.

22 maggio 2015
  • Prezzo (al momento del test)

    € 20.500
  • Consumo medio

    13,9 km/l
  • Emissioni di CO2

    154 grammi/km
  • Euro

    6
Ssangyong Tivoli
Ssangyong Tivoli 1.6 e-XGi Be Visual 2WD
Tutt'altro che banale
 
Lunga 4 metri e 20, la SsangYong Tivoli si affaccia in un settore, quello delle crossover compatte, già molto affollato: e, per “uscire dalla mischia”, punta su aspetto originale. Le linee sono equilibrate, ma non mancano spunti particolari, come le ampie solcature delle lamiere, che sottolineano la forma dei parafanghi (molto pronunciato quella posteriore), la base dei finestrini che risale verso la coda della vettura e i montanti posteriori di ampie dimensioni, che danno un aspetto “solido” ma rubano una parte consistente della visuale posteriore. Il tetto nero, di serie (come i cerchi in lega di 18") per questa versione Be Visual, crea un bell’effetto di contrasto, sottolineato anche dal profilo in plastica nera che corre lungo la parte inferiore della vettura (l’effetto è particolarmente riuscito con i colori chiari della carrozzeria).
 
Accogliente anche dietro
 
Nell'abitacolo, ampio e rifinito con una certa cura, i progressi rispetto alle Ssangyong di qualche anno fa sono notevoli: in particolare, è apprezzabile la finitura in plastica morbida al tatto dei pannelli delle porte e della parte superiore della plancia. Quest’ultima è caratterizzata da forme squadrate, specie nell'ampia consolle centrale, dominata uno schermo di 7” che comanda il sistema multimediale che visualizza la telecamera posteriore (di serie per l’allestimento Be Visual, oggetto del test) e il navigatore (optional a 750 euro). Poco più sotto, il display dell’impianto di climatizzazione, del tipo automatico e bizona. I numerosi elementi in plastica ad effetto alluminio, come quelli che si trovano nella zona delle bocchette centrali di aerazione, sono piacevoli e rendono più “tecnico” l'aspetto degli interni. Piacevoli, anche se un po’ vistosi, i rivestimenti in pelle rossa dei sedili (2.200 euro all’interno dell’Hot Pack, che offre anche i fari allo xeno), accoglienti, così come il divano in grado di ospitare senza problemi tre persone, mettendo loro a disposizione parecchi centimetri per le gambe per la testa. La sagomatura della portiere posteriori e l'altezza del tetto rendono particolarmente agevole l'accesso ai posti dietro. 
 
Un buon 1.6, in attesa del diesel
 
In attesa del 1.6 turbodiesel da 115 cv (in arrivo a settembre), oggi l’unico motore disponibile per la Ssangyong Tivoli è il 1.6 a benzina da 128 CV (da luglio ci saranno anche la variante alimentata a Gpl e la trazione 4x4), abbastanza adeguato alla vettura, anche se ci saremmo aspettati qualcosa di più, data la potenza, piuttosto elevata per un 1.6 senza turbo. In particolare, fino ai 3000 giri è un po’ spento e fatica in ripresa. Abbastanza riuscito l’abbinamento con il cambio automatico a sei marce (caro, 1.800 euro), che non è certo un fulmine nel passaggio dei rapporti e tende a scalare marcia con un’eccessiva facilità, facendo salire il regime del motore e i consumi di benzina (che, nel nostro test, secondo il computer, non sono andati oltre i 12 km/l). Buona la maneggevolezza della vettura, complice lo sterzo con servoassistenza elettrica che consente scegliere fra tre configurazioni: Comfort, Normal e Sport (quest’ultima modalità è quella che ci ha convinto di più, perché lo sterzo più “consistente” senza risultare mai pesante). Infine, una nota sul comfort, che risulta un po’ penalizzato dai cerchi di 18 pollici, che lasciano filtrare nell’abitacolo un po’ troppe asperità. 
 
Non trascura la sicurezza
 
La Ssangyong Tivoli, anche nelle versioni base, ha di serie il sistema antiribaltamento, sette airbag (tra cui quello per le ginocchia del guidatore) e il sistema di monitoraggio della pressione degli pneumatici.
 
Secondo noi
 
PREGI
> Abitabilità. La vettura non è ingombrante, ma ospita comodamente cinque persone adulte.
> Dotazione. Ricca: comprende la telecamera posteriore, il sistema multimediale, il “clima” bizona e sette airbag.
> Finiture. Le plastiche usate per gli interni sono di buona qualità e assemblate con una certa cura.
 
DIFETTI
> Comfort. Complici i cerchi di 18", vengono trasmessi all'abitacolo parecchi scossoni.
> Ripresa. Il motore non spinge in modo convincente sotto i 3000 giri.
> Visibilità. I larghi montanti posteriori la penalizzano parecchio.

 

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1597
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 94 (128)/6000 giri
Coppia max Nm/giri 160/4600
Emissione di CO2 grammi/km 154
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 (automatico) + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 160
Accelerazione 0-100 km/h (s) 11
Consumo medio (km/l) 13,9
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 420/180/160
Passo cm 260
Peso in ordine di marcia kg 1300
Capacità bagagliaio litri 309/1211
Pneumatici (di serie) 205/45 R18

 

Ssangyong Tivoli
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
44
37
45
29
53
VOTO MEDIO
3,0
2.951925
208
Aggiungi un commento
Ritratto di Sepp0
22 maggio 2015 - 15:59
...213 litri? Ma siete sicuri? Mi sembra un po' (troppo) pochino.
Ritratto di M93
22 maggio 2015 - 21:00
Infatti, è un valore basso: nella tabella riassuntiva, però, è indicato 309 litri. In realtà, la capacità ufficiale dichiarata, con cinque posti a disposizione è di 423 litri. Un saluto.
Ritratto di Mattia Bertero
22 maggio 2015 - 16:21
3
Non male questa Ssangyong, i passi in avanti ci sono stati senza ombra di dubbio. Gli esterni sono abbastanza aggressivi mentre gli interni sembrano ben fatti e sono spaziosi. In rapporto alla dotazione il prezzo è ottimo ma bisogna tenere conto che non si compra una tedesca come qualità generale e come meccanica, una su tutte un cambio automatico che ha un comportamento come i suoi simili di qualche anno fà, facendo salire i consumi alle stelle.
Ritratto di emanuel99
22 maggio 2015 - 16:24
Valida,ben fatta e con interni piacevoli
Ritratto di theone87
22 maggio 2015 - 17:04
certo alcune cose della linea sono forzate, dentro bene anche se sono evdenti design hyundai e addirittura pezzi di hyundai come plancia centrale, però costa un pò troppo, a 16mila ti porti via una 2008 diesel scontata
Ritratto di TommyMichi
26 maggio 2015 - 09:39
come si dice ogni volta, è assurdo confrontare un' auto nuova con una usata. Saluti
Ritratto di giovi11
22 maggio 2015 - 17:05
3
Davvero niente male
Ritratto di Sprint105
22 maggio 2015 - 17:26
veramente brutta, rossa poi. Perché l'hanno chiamata Tivoli che è un nome che evaca la bellezza?
Ritratto di M93
22 maggio 2015 - 18:02
Un bel passo avanti in termini di stile e qualità rispetto ai precedenti prodotti del costruttore sudcoreano, ma a mio avviso sa di già visto: mi ricorda, complici anche gli abbinamenti cromatici, la Kia Soul.
Ritratto di AMG
22 maggio 2015 - 19:26
L'idea originale c'è e il passo avanti della Ssangyong si vede molto. Tuttavia non mi convince troppo il design esterno fin troppo personale e particolare a mio avviso, mentre sono ben riusciti gli interni. Il giudizio sull'auto comunque e sicuramente positivo.
Pagine