PROVATE PER VOI

Alfa Romeo MiTo: dolce o cattiva, scegli tu

Prova pubblicata su alVolante di
settembre 2008
  • Prezzo (al momento del test)

    € 19.600
  • Consumo medio rilevato

    11,8 km/l
  • Emissioni di CO2

    153 grammi/km
  • Euro

    4
Alfa Romeo MiTo
Alfa Romeo MiTo 1.4 Turbo Distinctive
L'AUTO IN SINTESI

Si può adattare il comportamento dinamico della vettura e il temperamento del motore allo stile di guida. Ha una linea “che intriga” e prestazioni da portiva; carente negli spazi interni e nella visibilità.

Posizione di guida
3
Average: 3 (1 vote)
Cruscotto
5
Average: 5 (1 vote)
Visibilità
2
Average: 2 (1 vote)
Comfort
3
Average: 3 (1 vote)
Motore
5
Average: 5 (1 vote)
Ripresa
4
Average: 4 (1 vote)
Cambio
3
Average: 3 (1 vote)
Frenata
5
Average: 5 (1 vote)
Sterzo
3
Average: 3 (1 vote)
Tenuta di strada
5
Average: 5 (1 vote)
Dotazione
4
Average: 4 (1 vote)
Qualità/prezzo
3
Average: 3 (1 vote)
PERCHÉ COMPRARLA
Un piccola vera sportiva

Con la MiTo l’Alfa Romeo è tornata a offrire una sportiva compatta e raffinata: lunga poco più di quattro metri è perfetta per girare in città, ma ha prestazioni brillanti che in questa versione Turbobenzina valgono i 155 CV erogati dal motore 1.4. Il tutto è tenuto sotto controllo da dispositivi elettronici (fra cui il differenziale Q2) che accrescono la sicurezza e il piacere di guida. Alla linea inconfondibile corrisponde un abitacolo che accoglie comodamente solo chi siede davanti, come nelle sportive purosangue.

Non è molto grande (è lunga 4 metri e 6 cm: poco più di una Fiat Grande Punto) ma ha una linea affusolata che ricorda molto quella della granturismo “8C”: con parabrezza molto inclinato, frontale aggressivo e il cofano convergente nel vistoso scudetto Alfa Romeo.

Una vera “chicca” è il sistema DNA, che adegua la risposta del motore, dello sterzo e delle sospensioni alle esigenze di chi guida: si può scegliere fra sportiva (d), normale (n) e per fondi a scarsa aderenza (a).

Quando si imposta la modalità “d”, il piccolo ma potente motore 1.4 turbo perde un po’ di “morbidezza”, guadagnando, però, in grinta grazie alla coppia che passa da 206 a 230 Nm; inoltre, lo sterzo diventa ancor più preciso migliorando l’agilità.

Dato il tipo di vettura, il prezzo della MiTo 1.4 Turbobenzina Distinctive è interessante, perlomeno se non si tiene conto che tanti accessori sono a pagamento (climatizzatore automatico, fari allo xeno, fendinebbia). La Progression è la versione più economica, ma il “clima” manuale si paga.

VITA A BORDO
2
Average: 2 (1 vote)
Si sta bene solo in due

Gli interni sono gradevoli, ben curati e realizzati con materiali di qualità. L’impronta sportiva è sottolineata dai sedili anteriori, avvolgenti ma molto confortevoli; al contrario, quelli posteriori sono sacrificati: l’auto è omologata per quattro e il quinto posto, di fortuna, è un optional a pagamento. La capienza del bagagliaio è nella media della categoria, ma la sua sfruttabilità è condizionata dall’apertura stretta del vano e dalla soglia di carico alta.

Plancia e comandi
Davvero riuscito il disegno del cruscotto, con quattro strumenti rotondi, bene incorniciati e dalla grafica sportiva. Gradevole alla vista e al tatto la plancia, dal morbido rivestimento, corredata di un volante a tre razze con inserti color alluminio (che si ritrovano anche sulla consolle e sui pannelli delle porte).

Abitabilità
I sedili sono ben fatti, avvolgenti e di tipo sportivo: si regolano in altezza e quello del guidatore ha anche il supporto lombare registrabile (ma con un pomello difficile da raggiungere a porta chiusa). Dietro, invece, lo spazio scarseggia sia in altezza sia in larghezza. L’Alfa Romeo MiTo è omologata per quattro; il quinto posto è optional e, oltretutto, risulta stretto e scomodo.

Bagagliaio
Il volume del baule è analogo a quello delle concorrenti, ma l’apertura del vano è piccola e irregolare, la soglia è molto alta e il pavimento si trova ben 32 cm più in basso: è bene prepararsi al “sollevamento pesi”. Ribaltando gli schienali posteriori (quelli divisi sono optional, abbinati ai 5 posti) si crea uno “scalino” alto 8 cm. In compenso lo spazio in altezza dal fondo al ripiano copribagagli è di 58 cm: ci stanno le valigie per un weekend “lungo”.

COME VA
5
Average: 5 (1 vote)
Bene i freni, "lungo" il cambio

Il sistema DNA permette di “tarare” la MiTo per ogni situazione: con la levetta in posizione “n”, normale, ci si trova per le mani una maneggevole e vivace “cittadina”, ma pure una piccola “GT” adatta a macinare autostrada con un buon livello di comfort (malgrado lo sterzo sia troppo sensibile alle malformazioni dell’asfalto). È sui percorsi ricchi di curve, però, che quest’Alfa dà il massimo: levetta in posizione “s”, sport, e via a godere del connubio fra motore potente e assetto equilibrato, “aiutato” da un ESP tutt’altro che invasivo. Migliorabile la manovrabilità del cambio.

In città
Con la levetta del DNA in posizione “n” (normale) si ha una risposta “morbida” di sterzo e motore (che mantiene, comunque, una piacevole vivacità). La vettura è agile, grazie alle dimensioni contenute e alla leggerezza dello sterzo. Peccato che i vetri piccoli e il lunotto inclinato limitino la visibilità, e che le sospensioni facciano talvolta sentire le asperità del fondo. 

Fuori città
Le tortuose strade extraurbane rappresentano l’habitat ideale dell’Alfa Romeo MiTo, specie quando si guida sportivamente. Anche andando in souplesse si gode dell’equilibrio dello sterzo e dei freni, ma solo quando si “tira” (con il DNA nella posizione “s”, sport) il divertimento è massimo: il motore è potente e pronto nella risposta, la vettura è agile e stabile e l’ESP “vigila” con rigore. Un po’ lunghi gli innesti del cambio.

In autostrada
Alla “velocità da Codice” di 130 km/h si viaggia col classico “filo di gas” e il motore, che conta su una grande riserva di potenza nei sorpassi (che, per questo, non costringe a scalare marcia), non fa troppo rumore. Peccato che lo sterzo risulti sensibile ai fondi irregolari.

QUANTO È SICURA
5
Average: 5 (1 vote)
Un ottimo risultato per una compatta

Sportività e compattezza, in questo caso, fanno rima con sicurezza: l’elettronica, che governa il sistema DNA e il differenziale Q2, rende la MiTo “a prova d’errore” senza nulla togliere al piacere di guida. Inoltre, ci sono i poggiatesta attivi e una dotazione di airbag molto completa. Nei test EuroNcap ha ottenuto il punteggio massimo per la protezione degli occupanti.

I risultati dei crash test EuroNcap sono lusinghieri: cinque stelle per la protezione di guidatore e passeggeri, tre per i bambini fissati agli appositi seggiolini e due per i pedoni. La dotazione di serie comprende sette airbag e poggiatesta “anti colpo di frusta”. Inoltre, il sistema DNA e il differenziale a controllo elettronico Q2 (nelle curve frena la ruota interna se perde aderenza, trasferendo la coppia su quella esterna) consentono di guidare in tutta sicurezza.

NE VALE LA PENA?
0
Nessun voto

Una scelta azzeccata per i giovani, per chi si sente giovane e per chi ama guidare con piglio sportivo.

Le prestazioni, anche dinamiche, della piccola Alfa Romeo sono di alto livello, ma è meglio godersela in due. Inoltre, è bene evitare di “caricarla” di optional: il prezzo lievita parecchio.

PERCHÉ SÌ

 

Freni
Gli spazi di arresto sono contenuti e anche nelle “inchiodate” la vettura rimane molto stabile. Inoltre, l’impianto non si affatica neppure nell’utilizzazione più intensa.

Linea
Lo slancio nella vista laterale e il richiamo alle Alfa più sportive conferiscono alla MiTo grinta e originalità al tempo stesso: due elementi di distinzione rispetto alla concorrenza.

Motore
Se “si va tranquilli” è fluido e omogeneo e offre una risposta immediata all’acceleratore, ma quando si decide di andare forte è in grado di spingersi fino a 6500 giri con notevole grinta (e, oltretutto, senza aumentare troppo la rumorosità).

Tenuta di strada 
Sempre  “incollata” all’asfalto, la MiTo è davvero maneggevole e consente di divertirsi con grande sicurezza. L’ESP entra in azione soltanto quando serve, senza mai diventare “invadente”.

PERCHÉ NO

 

Baule
Lo spazio a disposizione rientrerebbe nella media per questo tipo di vettura, ma il vero problema risiede nella scarsa praticità: il divano sdoppiato è disponibile solo come optional, mentre il portellone è piccolo e con soglia di carico alta da terra.

Comandi
La levetta che aziona il DNA è in una posizione scomoda da raggiungere, e lo stesso vale per i pulsanti del “clima”.

Posti dietro
Mancano preziosi centimetri sia in altezza sia in larghezza; inoltre, il quinto posto si può avere soltanto a pagamento (abbinato al divano divisibile) ed è pure mal sfruttabile.

Visibilità
La marcata inclinazione di parabrezza e lunotto, assieme ai cristalli piuttosto piccoli limitano la visibilità, sia nei viaggi sia quando si manovra. 

SCHEDA TECNICA





VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 6a a 5700 giri  

213,4 km/h

215 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 8,4   8 secondi
0-400 metri 16,2 139,4 km/h non dichiarata
0-1000 metri 29,7 174,8 km/h non dichiarata
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h in 5a 33,5 168,3 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h in 6a 31,4 162 km/h non dichiarata
da 80 a 120 km/h in 6a 10,7   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   9,9 km/litro 11,8 km/litro
Fuori città   14,1 km/litro 18,9 km/litro
In autostrada   10,9 km/litro non dichiarato
Massimo   4,1 km/litro non dichiarato
Medio   11,8 km/litro 15,4 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   38,5 metri non dichiarata
da 130 km/h   64,9 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   133 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   11,1 metri non dichiarata
Cilindrata cm3 1368
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 114 (155)/5500
Coppia max Nm/giri 206/2000 (230/3000)
Emissione di CO2 grammi/km 153
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi autoventilanti
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 406/172/145
Passo cm 251
Peso in ordine di marcia kg 1145
Capacità bagagliaio litri 270/n.d.
Pneumatici (di serie) 195/55 R 16


I NOSTRI RILEVAMENTI





VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 6a a 5700 giri  

213,4 km/h

215 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 8,4   8 secondi
0-400 metri 16,2 139,4 km/h non dichiarata
0-1000 metri 29,7 174,8 km/h non dichiarata
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h in 5a 33,5 168,3 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h in 6a 31,4 162 km/h non dichiarata
da 80 a 120 km/h in 6a 10,7   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   9,9 km/litro 11,8 km/litro
Fuori città   14,1 km/litro 18,9 km/litro
In autostrada   10,9 km/litro non dichiarato
Massimo   4,1 km/litro non dichiarato
Medio   11,8 km/litro 15,4 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   38,5 metri non dichiarata
da 130 km/h   64,9 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   133 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   11,1 metri non dichiarata
Cilindrata cm3 1368
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 114 (155)/5500
Coppia max Nm/giri 206/2000 (230/3000)
Emissione di CO2 grammi/km 153
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi autoventilanti
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 406/172/145
Passo cm 251
Peso in ordine di marcia kg 1145
Capacità bagagliaio litri 270/n.d.
Pneumatici (di serie) 195/55 R 16


Alfa Romeo MiTo
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
213
117
105
90
95
VOTO MEDIO
3,4
3.424195
620
Aggiungi un commento
Ritratto di luciana albanesi
16 agosto 2009 - 22:07
manca la scheda tecnica dell'auto in oggetto. Saluti
Ritratto di giob
10 settembre 2009 - 15:07
Commento rimosso perché l'utente ha richiesto la cancellazione del profilo. La redazione.
Ritratto di Barby89
22 settembre 2009 - 18:35
è più che leggenda... è mito!
Ritratto di Peacy
22 settembre 2009 - 18:38
manco fosse na FERRARI.. -.-"
Ritratto di byrons
26 settembre 2009 - 07:58
Bella macchina, l'ho provata ma quando è stata l'ora di comprarla..... GRANDE PUNTO ABARTH è sttata questa la scelta che ho fatto. Comunque anche la Mito è una bella macchina.
Ritratto di stig
29 settembre 2009 - 16:57
presisiamo...se si cerca un'auto sportiva alfa mito...se si cerca un motore sportivo GPA...
Ritratto di andark1
21 novembre 2009 - 09:16
Scusami ma io ho sentito che la mito monta il motore gpa......?????
Ritratto di Barby89
30 settembre 2009 - 12:08
anche la grande punto abarth è una gran bella "bruciasemafori", non a caso ha stesso motore e telaio dell'alfa, anche se risulta più pesante
Ritratto di druido83
1 ottobre 2009 - 11:27
Manco di regalo!!!
Ritratto di Francesco T
13 ottobre 2009 - 19:38
se potessi...la comprei subito anke se preferisco la Q.VERDE...
Pagine
Annunci

alfa-romeo mito usate

Prezzo minimoPrezzo medio
alfa-romeo mito usate 20122.5007.00018 annunci
alfa-romeo mito usate 20135.5008.27014 annunci
alfa-romeo mito usate 20146.4009.82020 annunci
alfa-romeo mito usate 20156.7509.91016 annunci
alfa-romeo mito usate 20166.90011.81017 annunci
alfa-romeo mito usate 20179.90012.23012 annunci
alfa-romeo mito usate 201810.89913.36019 annunci

alfa-romeo mito km 0 per anno

Prezzo minimoPrezzo medio
alfa-romeo mito km 0 201512.50013.1307 annunci
alfa-romeo mito km 0 20169.95011.83022 annunci
alfa-romeo mito km 0 20179.49012.67082 annunci
alfa-romeo mito km 0 201810.50013.330166 annunci