PROVATE PER VOI

Alfa Romeo MiTo: risparmia sul pieno ma non sui cavalli

Prova pubblicata su alVolante di
novembre 2010
  • Prezzo (al momento del test)

    € 20.200
  • Consumo medio rilevato

    16,4 km/l
  • Emissioni di CO2

    145 grammi/km
  • Euro

    Euro 4
Alfa Romeo MiTo
Alfa Romeo MiTo 1.4 Turbo GPL Distinctive
L'AUTO IN SINTESI

Con il 1.4 Turbo che va anche a Gpl, la piccola Alfa Romeo scopre il suo lato ambientalista e inquina meno. Notevole pure il risparmio al distributore, e senza che le prestazioni ne risentano percettibilmente. Le qualità stradali restano quelle della versione a benzina e non manca il sistema Dna.

Posizione di guida
4
Average: 4 (1 vote)
Cruscotto
3
Average: 3 (1 vote)
Visibilità
2
Average: 2 (1 vote)
Comfort
4
Average: 4 (1 vote)
Motore
5
Average: 5 (1 vote)
Ripresa
4
Average: 4 (1 vote)
Cambio
2
Average: 2 (1 vote)
Frenata
4
Average: 4 (1 vote)
Sterzo
4
Average: 4 (1 vote)
Tenuta di strada
5
Average: 5 (1 vote)
Dotazione
3
Average: 3 (1 vote)
Qualità/prezzo
4
Average: 4 (1 vote)
PERCHÉ COMPRARLA
Sportiva e “pulita”

Con la doppia alimentazione benzina/Gpl, la piccola sportiva Alfa Romeo MiTo fa risparmiare sul pieno ed è più attenta all’ambiente; il tutto senza rinunciare alle prestazioni, che grazie ai 120 CV del suo 1.4 turbo sono brillanti. Delle altre versioni ripropone anche le elevate qualità stradali, soprattutto quando si mette la levetta sistema Dna in posizione Dynamic. La dotazione di sicurezza è completa, ma sorprende che accessori come il “clima” automatico bizona si debbano pagare a parte anche nell’allestimento Distinctive, che è il più costoso.

Vista da fuori sembra una MiTo come tutte le altre, con il frontale aggressivo, le muscolose fiancate e la coda alta e rastremata da piccola coupé. Ma in questa versione offre la doppia alimentazione benzina/Gpl e permette, quando si viaggia a gas, di ridurre le emissioni nocive: anche se il motore ha ancora l’omologazione Euro 4, con questo tipo di alimentazione si può star tranquilli di non essere limitati da eventuali blocchi alla circolazione in città per eccesso di smog...

Si tratta dello stesso 1.4 Turbo a iniezione indiretta che equipaggia la Lancia Delta T-Jet. Capace di 120 CV, è abbinato a un impianto studiato in collaborazione con la Landi Renzo (azienda specializzata nel settore del gas per autotrazione), che prevede un serbatoio “a ciambella” collocato al posto della ruota di scorta; il bocchettone di rifornimento è vicino al tappo della benzina, dunque resta celato dal relativo sportellino.

Il calo di prestazioni nel funzionamento a gas è quasi impercettibile, e su strada la differenza la fanno i consumi, che a Gpl sono più elevati ma ampiamente compensati dal minor costo del carburante; notevole anche l’autonomia, dato che con un pieno di gas si percorrono più di 360 km prima di dover “ripiegare” sul serbatoio della benzina. Le doti dinamiche si confermano quelle – elevate – delle altre versioni, e non manca il sistema Dna, che cambia la risposta di Esp, motore e sterzo, e permette di scegliere fra la posizione Normal, All weather (dedicata ai fondi bagnati o scivolosi) e Dynamic (per la guida sportiva).

La Distinctive è la versione di punta e – se si è disposti a spendere – la si può ulteriormente personalizzare. Tuttavia, la dotazione di serie non è ricca: per esempio si pagano a parte il “clima” automatico bizona (di serie c’è quello manuale), il regolatore di velocità e addirittura i fendinebbia. In compenso l’equipaggiamento di sicurezza è completo, dato che include anche l’airbag per le ginocchia del guidatore e i poggiatesta anti-colpo di frusta.

VITA A BORDO
2
Average: 2 (1 vote)
Non spaziosa ma ben fatta

La plancia ha un aspetto sportivo ed è ben realizzata, se si esclude qualche plastica di qualità deludente utilizzata nella zona inferiore. Peccato anche che le manopole del “clima” e la levetta del Dna, piuttosto in basso, siano meno a portata di mano degli altri comandi. L’abitabilità è buona per quattro persone, anche se chi siede dietro ha poco spazio per le gambe e sopra la testa; il terzo posto – che comunque è stretto – si deve pagare a parte. Anche se il serbatoio del Gpl ne riduce di 5 cm l’altezza utile, il baule ha una capacità sufficiente; la forma, però, è poco regolare.

Plancia e comandi
Sportiva grazie alla superficie con “effetto fibra di carbonio”, la plancia è ben rifinita, anche se le plastiche impiegate inferiormente sono di qualità un po’ più bassa. In generale i comandi sono ben disposti, ma fanno eccezione quelli del clima e la levetta del Dna (che oltre alla posizione Normal, offre la Dynamic per la guida sportiva e la All-weather per il bagnato): sono troppo in basso e restano fuori dalla visuale. La presa Usb per connettere un lettore mp3 all’impianto radio è nel tunnel, ma si paga a parte (ed è abbinata al vivavoce Bluetooth). Fra le informazioni visualizzate nel cruscotto (è quello delle altre MiTo, accattivante e sportivo) c’è anche l’autonomia residua, ma è calcolata per la benzina: per il gas non resta che affidarsi alle approssimative spie luminose del commutatore benzina/Gpl, collocato nella plancia.

Abitabilità
Davanti i centimetri a disposizione non mancano; inoltre, i sedili del pacchetto Sport (optional) sono comodi e ben sagomati, e in curva trattengono bene. Peccato che fra la porta e le manopole per regolare lo schienale e il supporto lombare ci sia davvero poco spazio, e che il bracciolo centrale si debba pagare a parte. Piuttosto difficoltoso l’accesso al divanetto posteriore, sul quale due adulti viaggiano con le gambe contratte e, se sono più alti della media, sfiorano pure il padiglione con la testa; il terzo posto si può avere con un sovrapprezzo. Non molto lo spazio per riporre i piccoli oggetti, anche perché il cassetto di fronte al passeggero è piccolo (seppure dotato di un vano interno a scomparsa).

Bagagliaio
Nonostante la bombola del Gpl (di tipo toroidale, cioè a ciambella) sfrutti la sede della ruota di scorta, il piano di carico è di 5 cm più alto che per le altre MiTo; in ogni caso la profondità è buona, e anche se il profilo interno è disturbato dalla sporgenza dei passaruota, la capienza è sufficiente a ospitare i bagagli necessari per un weekend in quattro. Abbattendo lo schienale si forma un gradino nel pavimento, ma è di modesta entità; di sicuro più fastidioso il dislivello formato dalla soglia (ben 27 cm), che è anche molto distante da terra (84 cm): con i bagagli voluminosi e pesanti si fa fatica, anche perché l’imboccatura si restringe nella parte bassa, mentre in alto disturbano gli sporgenti supporti della cappelliera.

COME VA
4
Average: 4 (1 vote)
Veloce ed “elastica”, però il cambio…

Con il Dna in posizione Normal lo sterzo è leggero e la maneggevolezza ne guadagna, ma resta il fatto che in manovra si deve fare attenzione in retromarcia: dal lunotto si vede poco, e i sensori sono optional. Il terreno ideale della MiTo sono le strade tutte curve, dove si può sfruttare il motore potente ed elastico e – con il Dna regolato su Dynamic – godere della massima rapidità e precisione dello sterzo: la vettura è divertente e ha reazioni sempre sicure; peccato, però, che la leva del cambio abbia una corsa eccessivamente lunga. La riserva di potenza non manca neppure in autostrada, dove si gode di un comfort più che discreto: le sospensioni hanno sufficienti capacità filtranti, e la rumorosità del motore, piacevolmente sportiva, non disturba troppo
 

In città
L’Alfa Romeo MiTo “bi-fuel” ha dimensioni compatte (è lunga 406 cm) e con il Dna in posizione Normal lo sterzo è leggero: in fatto di maneggevolezza nel traffico non delude. Al momento di parcheggiare bisogna fare i conti con la visibilità posteriore, limitata dal piccolo lunotto e dalla forma dei montanti (e i sensori si pagano a parte). Le sospensioni sportive filtrano bene le buche, ma un po’ meno le sconnessioni secche, mentre il motore offre un comportamento piacevole perché la spinta del turbo si fa sentire sin dai regimi più bassi e favorisce l’elasticità: insomma, non serve usare in continuazione il cambio.

Fuori città
Fra le curve la piccola sportiva Alfa è agile e reattiva, e al positivo feeling di guida contribuiscono la frenata – potente e facilmente dosabile – e la precisione dello sterzo, quest’ultima esaltata dai cerchi di 17” (optional presente nell’esemplare in prova). Con il Dna in modalità Dynamic la risposta del motore si fa più pronta e la spinta risulta vivace e vigorosa fino ai 5000 giri, con differenze impercettibili fra l’alimentazione a Gpl e quella a benzina. In questo quadro stona la manovrabilità del cambio, penalizzata dalla lunga corsa della leva e dagli innesti poco precisi.

In autostrada
A 130 km/h il motore lavora a circa 3500 giri e si fa sentire un po’ troppo: se invece di sole cinque marce il cambio avesse anche una sesta di riposo, ci sarebbe giovamento sia per il comfort, sia per i consumi (11 km/l a benzina, 9,3 a Gpl); ciò non toglie che l’autonomia sia comunque più che soddisfacente, e che viaggiando a gas si possano realizzare ottime economie d’esercizio. Sempre rassicuranti stabilità e precisione, anche a velocità elevata: merito, anche, delle solide sospensioni che, oltretutto, non fanno troppo sentire giunzioni e rattoppi.

QUANTO È SICURA
5
Average: 5 (1 vote)
È ricca ma fa pagare gli antinebbia

A corroborare le elevate doti dinamiche della piccola sportiva Alfa Romeo c’è un Esp particolarmente “evoluto”, che incrementa la sicurezza senza penalizzare il feeling nella guida sportiva. Completo anche l’equipaggiamento di apparati che riducono i rischi in caso d’impatto: considerando anche quello per le ginocchia del guidatore, gli airbag sono ben sette, e non mancano i poggiatesta attivi. L’EuroNcap ha sottoposto la MiTo a crash test prima del 2009 (quindi con il vecchio capitolato), assegnandole la massima valutazione (cinque stelle) per la protezione degli occupanti.

Moderna e bene equipaggiata (sette airbag e i poggiatesta anteriori anti-colpo di frusta sono di serie), la MiTo è stata sottoposta ai crash test EuroNcap con la procedura in vigore sino al 2009, riportando una votazione di cinque stelle (il massimo) per la protezione degli occupanti, di tre stelle per i bambini assicurati a seggiolini Isofix e di due stelle per la tutela dei pedoni in caso di investimento. Notevole anche la sicurezza attiva: la tenuta di strada è elevata, e in più si può contare sulla puntualità dell’Esp, in questo caso particolarmente sofisticato: la sua risposta – assieme a quella del motore e dello sterzo – può essere in una certa misura adattata allo stile di guida (normale o sportivo) e alle condizioni della strada (c’è una specifica posizione dedicata ai fondi sdrucciolevoli) per mezzo del sistema Dna. Attingendo alla lista degli optional si possono aggiungere le sospensioni elettroniche, che fanno parte del pacchetto Sport Plus.

NE VALE LA PENA?
3
Average: 3 (1 vote)
È frizzante anche “gasata”

Arricchita dell’impianto a Gpl la MiTo diventa più attenta all’ambiente e ai costi di gestione, ma non perde il suo carattere sportivo: grazie al turbo il 1.4 spinge come si deve anche quando si viaggia a gas, e in fatto di piacere di guida non si discosta molto dalle versioni di simile potenza. Considerando la completa dotazione di sicurezza, la qualità costruttiva e le finiture, il prezzo appare adeguato. Tuttavia, la lista degli optional è ricca di tentazioni e il conto può lievitare con grande facilità.

Sul mercato non ci sono altre compatte sportive con il motore turbo e la doppia alimentazione: la MiTo è una proposta furba, adatta a chi è sensibile all’ambiente e vuole tenere bassi i costi di gestione, pur senza rinunciare né all’esclusività né, tanto meno, al piacere di guida. I suoi 120 CV sono erogati con omogeneità sin dai regimi inferiori e permettono di viaggiare in relax, anche in città, ma pure di divertirsi sul misto, con il supporto dell’elevata tenuta di strada e delle possibilità di “adattamento” offerte dal sistema Dna; peccato, però, che il cambio non sia all’altezza del resto. L’abitacolo è ben fatto e all’occorrenza ci si sta in quattro, e anche lo spazio per i bagagli è sufficiente. La dotazione di sicurezza è superiore alla media e il rapporto fra prezzo e contenuti favorevole. Ma attenzione: nonostante che la Distinctive sia la versione più ricca, al preventivo vanno aggiunti degli optional, alcuni dei quali irrinunciabili (per esempio i fendinebbia o i sensori di parcheggio), e altri solo “tentatori” (come i cerchi di 17 al posto di quelli di 16” di serie).

PERCHÉ SÌ
Autonomia
Volendo sfruttare entrambi i serbatoi, è possibile percorrere più di 1000 km fra un rifornimento e l’altro: esaurito il pieno di Gpl (39 litri, sufficienti per circa 370 km), ci sono ancora da “bruciare” i 57 litri contenuti nel serbatoio della benzina.

Guida
Ha il carattere che ci si aspetta da una piccola sportiva: l’assetto è studiato per offrire la massima gratificazione nella guida. Fra le curve si apprezza anche lo sterzo, solido e diretto. Incisiva la frenata. 

Prestazioni
Impostando il Dna in posizione Dynamic, il 1.4 turbo risponde con grande prontezza e vigore, ed è effettivamente difficile avvertire differenze fra il funzionamento a benzina e quello a gas, anche ai regimi inferiori.

Tenuta di strada
In curva la MiTo 1.4 Turbo è “incollata” all’asfalto, e anche quando ci si avvicina al limite la sensazione di sicurezza non viene meno. L’Esp è tarato come di deve: interviene con tempestività, ma soltanto se effettivamente necessario.

PERCHÉ NO
Cambio
La precisione è più che discreta, ma gli innesti sono poco fluidi e la leva ha un’escursione eccessiva per un’auto sportiva. Inoltre, in svariate situazioni si soffre per la mancanza della sesta marcia.

Climatizzatore bizona
L’allestimento Distinctive è il più ricco, ma per avere il “clima” automatico a due zone al posto di quello manuale e “mono” si deve pagare un sovrapprezzo. Inoltre, i comandi per regolare la temperatura sono troppo in basso e distraggono.

Optional
È una vetturetta esclusiva e costosa, eppure costringe a pagare a parte accessori – come per esempio i fari fendinebbia – che ormai sono di serie non solo nelle rivali, ma anche in molti modelli con meno pretese.

Visibilità
Nonostante i massicci montanti, davanti si gode di una discreta visuale. Ma non si può dire altrettanto per la vista posteriore, perché i finestrini e il lunotto sono molto piccoli. E per avere i sensori di parcheggio bisogna pagare un sovrapprezzo.

SCHEDA TECNICA
    DATI BENZINA     DATI GPL
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata   Rilevata
in 5a a 5300 giri   198,2 km/h 198 km/h a 5200 giri 195,6
           
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata Secondi Velocità di uscita
0-100 km/h 9,3   8,8 secondi 9,8  
0-400 metri 16,6 133,6 km/h non dichiarata 16,9 132,2 km/h
0-1000 metri 30,6 168,1 km/h non dichiarata 31,2 166,6 km/h
           
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata Secondi Velocità di uscita
1 km da 40 km/h in 4a 32,3 166,1 km/h non dichiarata 32,6 163,6 km/h
1 km da 60 km/h in 5a 31,0 159,6 km/h non dichiarata 31,5 158,1 km/h
da 80 a 120 km/h in 5a 10,7   non dichiarata 11,2  
           
CONSUMO   Rilevato Dichiarato   Rilevato
In città   10,5 km/litro 12,4 km/litro   8,0 km/litro
Fuori città   13,9 km/litro 20,0 km/litro   10,6 km/litro
In autostrada   11,0 km/litro non dichiarato   9,3 km/litro
Massimo   4,2 km/litro non dichiarato   non rilevato
Medio   11,9 km/litro 16,4 km/litro   9,4 km/litro
           
FRENATA   Rilevata Dichiarata    
da 100 km/h   38,1 metri non dichiarata    
da 130 km/h   63,2 metri non dichiarata    
           
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati    
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   134 km/h non dichiarata    
Diametro di sterzata tra due marciapiede   11,1 metri 11,0    
Cilindrata cm3 1.368
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 88 (120)/5000
Coppia max Nm/giri 206/1750
Emissione di CO2 grammi/km 145 (a benzina)
  131 (a Gpl)
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 5 (manuale) + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 406/172/145
Passo cm 251
Peso in ordine di marcia kg 1197
Capacità bagagliaio litri 247/927
Pneumatici (di serie) 195/55 R 16
I NOSTRI RILEVAMENTI
    DATI BENZINA     DATI GPL
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata   Rilevata
in 5a a 5300 giri   198,2 km/h 198 km/h a 5200 giri 195,6
           
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata Secondi Velocità di uscita
0-100 km/h 9,3   8,8 secondi 9,8  
0-400 metri 16,6 133,6 km/h non dichiarata 16,9 132,2 km/h
0-1000 metri 30,6 168,1 km/h non dichiarata 31,2 166,6 km/h
           
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata Secondi Velocità di uscita
1 km da 40 km/h in 4a 32,3 166,1 km/h non dichiarata 32,6 163,6 km/h
1 km da 60 km/h in 5a 31,0 159,6 km/h non dichiarata 31,5 158,1 km/h
da 80 a 120 km/h in 5a 10,7   non dichiarata 11,2  
           
CONSUMO   Rilevato Dichiarato   Rilevato
In città   10,5 km/litro 12,4 km/litro   8,0 km/litro
Fuori città   13,9 km/litro 20,0 km/litro   10,6 km/litro
In autostrada   11,0 km/litro non dichiarato   9,3 km/litro
Massimo   4,2 km/litro non dichiarato   non rilevato
Medio   11,9 km/litro 16,4 km/litro   9,4 km/litro
           
FRENATA   Rilevata Dichiarata    
da 100 km/h   38,1 metri non dichiarata    
da 130 km/h   63,2 metri non dichiarata    
           
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati    
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   134 km/h non dichiarata    
Diametro di sterzata tra due marciapiede   11,1 metri 11,0    
Cilindrata cm3 1.368
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 88 (120)/5000
Coppia max Nm/giri 206/1750
Emissione di CO2 grammi/km 145 (a benzina)
  131 (a Gpl)
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 5 (manuale) + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 406/172/145
Passo cm 251
Peso in ordine di marcia kg 1197
Capacità bagagliaio litri 247/927
Pneumatici (di serie) 195/55 R 16
Alfa Romeo MiTo
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
213
117
105
90
95
VOTO MEDIO
3,4
3.424195
620
Aggiungi un commento
Ritratto di follypharma
15 gennaio 2011 - 11:25
2
io ho fatto una configurazione la settimana scorsa, e la distinctive dava il clima auto di serie....forse che la gpl ha una dotazione diversa ? strano ....idem i fendinebbia ... Tutto il resto e' giusto che sia optinal, anche audi e mini fanno pagare i cerchi 17 e il bracciolo ...non vedo perche' alfa non dovrebbe..sarebbe stupido. Folle davvero avere un cambio a 5 marce....mi auguro mettano a posto la cosa, nel dubbio meglio prendere il tct che a quanto pare in prove di alcuni siti da' buoni risultati (anche se alvolante lo da per 10 sec da 0 a 100 in questo link dimostrano chiaramente che non e' cosi' ....quindi mi vengono molte domande senza risposta su come i vari giornali testano le auto....) Nel complesso continua a non convincermi come auto, non offre molto per quel che costa, ma del resto le rivali fanno ancora peggio...(intendo come prezzo) quindi... troppa somiglianza tecnica con la GP .quando faranno la sostituta tra 3 anni dovranno cercare di differenziarle maggiormente.. fuori ma soprattutto dentro e sottopelle. Nello specifico della versione bifuel direi che forse e' una scelta molto furba...se volessi una mito credo ci farei un pensiero seriamente ! Link : qui il tct fa 8.7 sec da 0 a 100 e cambia velocemente (si capisce dal rumore delle cambiate) non male quindi : http://www.youtube.com/user/automotomagazine#p/a/u/6/6fA_4jAfBW0
Ritratto di bombolone
15 gennaio 2011 - 12:17
Non hai letto in alto? Questa prova è stata pubblicata su alvolante di novembre 2010, può essere che in due mesi la dotazione sia cambiata.
Ritratto di Mister Grr
15 gennaio 2011 - 14:17
che ripropone ogni tot giorni, tutte uguali. Ottimo.
Ritratto di audi94
15 gennaio 2011 - 15:11
1
amò sta mito... ma bruciatela la prossima... e scrivete la recensione sul tipo di fiamma che ne esce...
Ritratto di pietro 9
15 gennaio 2011 - 17:16
Con il gpl che vola su ad 80 centesimi e la benzina ad 1.50 c'è poco da risparmiare!!! e i prezzi saliranno ancora!!!
Ritratto di Rob71
13 dicembre 2016 - 21:53
appunto non capisco uno che compra un gpl 1.400 poi Turbo...che senzo ha e dove è il risparmio...questa è un auto che se dovevano fare gpl eliminare il turbo con consumi contenuti perchè se andiamo a vdere con questi soldi ti fanno pagare solo tanto di marchio e pochi accessori di serie.....preferisco altro anche se è una bella auto!
Ritratto di overboost
15 gennaio 2011 - 19:58
dico io l'auto è uscita dalla fabbrica con l'impianto... una lancetta ce la potevano mettere... ma poi quanto odio le bocchette ke fa l'alfa! sono le stesse che si vedono sui pullman fatte di plastica sottile... sn proprio oscene!
Ritratto di cooper
21 gennaio 2011 - 19:23
o vecchia Ritmo, hai ragione ;-)
Ritratto di formulax
28 settembre 2011 - 11:14
Ma che auto avete? Non credo abbiate una MiTo....perciò prima di parlare a vanvera come si solito gli Italiani Esterofili fanno, date un occhiata Obbiettiva agli interni salite dentro l'auto altrimenti non ne parlate affatto risparmierete figuracce... Per Esempio a me fa ribrezzo l'A1 e la Mini, ci sono entrato (ovviamente poi mi sono lavato 5 volte) e ho notato che la Mini è quanto di più spartano possa esistere con quel Grosso tachimetro PAcchiano in mezzo al una mensoletta che chiamano Cruscotto....mentre per l'A1 sono sceso due volte perchè credevo erroneamente di essere montato su un New Beetle...quindi a Roma si dice "ma de che state a parlà?!"
Ritratto di Rob71
13 dicembre 2016 - 22:04
io ho preso l'DAM 1.4 gpl e devo dirti che con 12 mila mi ritrovo il doppio di accessori di serie rispetto alla mito e 87cv di tutto rispetto,oltretutto quando passa a gpl non ha le lucine,semplicemente prende il sensore della benzina e controlli tramite il display quando fai il passaggio...lo provata ed in settimana dovrei ritirarala con cerchi in lega di serie rossa con tetto nero tutta personalizzta seppur dietro sia molto ristretta per i 2 posti davnti è molto spaziosa...ma quello che mi sodisfa è che con 5.000 in meno rispetto alla mito ho più accessori.....ed un auto diversa dalle solite....io amo l'Alfa perchè ho dato indietro una 147,ma montando sull'opel Adam seppur di cilindrata inferiore è di un pianeta diverso....oggi tutti con la fiat 500-panda dove con la sovrapproduzione a catena la gente ha comprato a caro prezzo ridandola indietro dopo meno di 1 anno...i tedeschi sono dei geni...con tutto il rispetto per l'alfa che con la Giulia ha fatto un capolavoro ma sono pure da 60mila euro in sù...ehhh a quel punto ci sono altre marche!
Pagine
Annunci

alfa-romeo mito usate

Prezzo minimoPrezzo medio
alfa-romeo mito usate 20122.5007.00018 annunci
alfa-romeo mito usate 20135.5008.27014 annunci
alfa-romeo mito usate 20146.4009.77019 annunci
alfa-romeo mito usate 20156.7509.91016 annunci
alfa-romeo mito usate 20166.90011.63018 annunci
alfa-romeo mito usate 20179.90012.30012 annunci
alfa-romeo mito usate 201810.89913.44019 annunci

alfa-romeo mito km 0 per anno

Prezzo minimoPrezzo medio
alfa-romeo mito km 0 201512.50013.1307 annunci
alfa-romeo mito km 0 20169.95011.83022 annunci
alfa-romeo mito km 0 20179.49012.67082 annunci
alfa-romeo mito km 0 201810.50013.340167 annunci