PROVATE PER VOI

Citroën C3 Picasso: vai con brio e vedi tutto

Prova pubblicata su alVolante di
settembre 2009

Listino prezzi Citroën C3 Picasso non disponibile

  • Prezzo (al momento del test)

    € 20.750
  • Consumo medio rilevato

    20,4 km/l
  • Emissioni di CO2

    130 grammi/km
  • Euro

    4
Citroën C3 Picasso
Citroën C3 Picasso 1.6 HDi 16V 110 CV FAP Exclusive Style
L'AUTO IN SINTESI

È una monovolume dalla linea accattivante, compatta ma anche pratica e versatile, adatta alla famiglia. Ha un motore turbodiesel abbastanza silenzioso e vivace nel funzionamento.

Posizione di guida
4
Average: 4 (1 vote)
Cruscotto
5
Average: 5 (1 vote)
Visibilità
5
Average: 5 (1 vote)
Comfort
5
Average: 5 (1 vote)
Motore
4
Average: 4 (1 vote)
Ripresa
4
Average: 4 (1 vote)
Cambio
2
Average: 2 (1 vote)
Frenata
2
Average: 2 (1 vote)
Sterzo
3
Average: 3 (1 vote)
Tenuta di strada
4
Average: 4 (1 vote)
Dotazione
4
Average: 4 (1 vote)
Qualità/prezzo
4
Average: 4 (1 vote)
PERCHÉ COMPRARLA
È pratica e ha una linea originale

La Citroën C3 Picasso non è eccessivamente lunga ma gli interni sono molto spaziosi, con soluzioni che ne aumentano la praticità. La posizione di guida rialzata e le ampie superfici vetrate favoriscono la visibilità. La guida è facile e divertente, grazie anche alla tenuta di strada sempre sicura e alla vivacità del motore, che risulta pure abbastanza silenzioso e parco nei consumi. Il prezzo è adeguato alla qualità costruttiva e ai contenuti tecnici, oltre che alla dotazione di serie: la versione Exclusive Style è bene equipaggiata sotto ogni profilo

La Citroën C3 Picasso ha una linea azzeccata e personale, caratterizzata dal frontale imponente, dalle fiancate alte e dai volumi tondeggianti della coda. Il parabrezza in tre parti (con due ampie finestrature laterali) può sembrare una fantasiosa soluzione stilistica ma ha un risvolto pratico: migliora la visibilità laterale, un aspetto generalmente critico nelle monovolume.
Il motore è un 1.6 turbodiesel dotato di filtro antiparticolato e ha 109 cavalli: non consuma molto, convince per la fluidità di funzionamento ed è piuttosto silenzioso, ma all’occorrenza sa sfoderare una buona grinta. Peccato che il cambio non sia all’altezza della situazione, soprattutto se lo si vuole adoperare con piglio sportivo, perché la leva ha una corsa eccessiva e l’innesto delle marce è lento e poco preciso.
La Citroën C3 Picasso è abbastanza alta e pesante, ma ha un assetto solido e tiene bene la strada: risulta piacevole da guidare anche nei percorsi pieni di curve. L’abitabilità è buona per quattro, ma anche viaggiare in cinque non è un problema. Gli interni sono pratici ed è possibile far scorrere il divano posteriore (di 15 cm) se c’è la necessità di aumentare la capienza del bagagliaio, peraltro ampio e ben sfruttabile.
Nell’allestimento Exclusive Style è molto ben dotata e giustifica il suo prezzo. L’equipaggiamento è completo sia per quanto concerne il comfort, sia per i dispositivi di sicurezza: ci sono l’ESP, il controllo della trazione, sei airbag, i sensori di parcheggio, il cruise control, la radio e il clima automatico. Si può risparmiare acquistando la Perfect, che, tuttavia, appare meno conveniente se si considera il valore commerciale di alcuni accessori (in questo caso sono optional, per esempio, il clima automatico, i cerchi in lega e la radio).

VITA A BORDO
5
Average: 5 (1 vote)
Fa di tutto per metterti a tuo agio

Plancia dalle tonalità chiare e dal rivestimento superiore morbido, comandi facilmente individuabili (se si escludono le levette che permettono di controllare la radio e il regolatore di velocità) e tanta luminosità dovuta alle ampie superfici vetrate: l’abitacolo della Citroën C3 Picasso è davvero accogliente. In quattro si sta molto comodi, ma neppure l’eventuale terzo passeggero posteriore è sacrificato. Non mancano i portaoggetti (grande, e refrigerato, il cassetto davanti al passeggero anteriore), e il cruscotto, tutto digitale, è ben leggibile. Ampio e sfruttabile il bagagliaio: difficile trovare di meglio in un’auto di poco più di quattro metri di lunghezza

Plancia e comandi
Moderna, originale, ben assemblata e realizzata con materiali di qualità: la plancia ha una parte superiore in plastica morbida e piacevole al tatto. La consolle è piuttosto inclinata e ospita i comandi del clima, facilmente individuabili, e la radio; più in basso, c’è la corta leva del cambio, rialzata e a portata di mano. L’impianto audio si può gestire anche dal volante, come il regolatore di velocità; i rispettivi comandi sono raccolti in due corte levette (a destra e a sinistra del piantone di sterzo) che, tuttavia, restano nascoste dalle razze: per utilizzarli in modo intuitivo occorre pratica. Il cruscotto ha tachimetro e contagiri digitali, affiancati dallo schermo del computer di bordo: fornisce informazioni complete ed è correttamente leggibile in tutte le condizioni di luce.

Abitabilità
Lo spazio è abbondante per quattro adulti, ma, volendo, il divano posteriore è largo a sufficienza per ospitare il terzo passeggero: c’è agio a sufficienza per le gambe di chi siede al centro, che grazie al pavimento piatto non si trova il tunnel tra i piedi; il divano scorrevole, inoltre, permette di aumentare un po’ lo spazio nell’abitacolo o nel vano bagagli a seconda delle esigenze. Le poltrone anteriori sono ampie, ben imbottite ma non troppo cedevoli e non affaticano nemmeno nei lunghi viaggi; inoltre, la posizione di guida è rialzata e dominante, oltre che facile da regolare. I vani portaoggetti offrono soluzioni interessanti: quello nella plancia contiene un diffusore di essenze (che distribuisce il profumo nell’abitacolo sfruttando le bocchette d’aerazione), mentre il cassetto di fronte al passeggero, di ben 9 litri, è refrigerato dal climatizzatore.

Bagagliaio
La soglia, non troppo distante dal suolo (66 cm) e a filo del piano d’appoggio, facilita le operazioni di carico. Nessun problema neppure con gli oggetti voluminosi, visti l’ampiezza e il profilo regolare della bocca d’accesso. Anche se i passaruota sporgono un po’, la capienza è sufficiente per stivare i bagagli di quattro persone per una settimana di vacanza, anche senza dover far scorrere in avanti il divano; abbattendo quest’ultimo, inoltre, si ottiene un piano lungo fino a 165 cm e perfettamente piatto. Se serve, il fondo può essere ribassato di 12 cm per guadagnare ulteriore spazio (ma in questo caso si formano dei fastidiosi scalini).

COME VA
4
Average: 4 (1 vote)
Guarda oltre i confini della città

Nel traffico la Citroën C3 Picasso si guida bene grazie alla posizione di guida rialzata e all’ottima visibilità, allo sterzo leggero e alla frizione che non affatica. Nei percorsi misti sfoggia una buona tenuta di strada e sa divertire anche chi cerca un po’ di sportività: il motore regala risposte sempre vivaci, per quanto il cambio non rappresenti un brillante esempio di manovrabilità. Il 1.6 turbodiesel è capace anche di una notevole souplesse in autostrada e non disturba mai con la sua voce; più fastidiosi, invece, i fruscii provocati dagli specchi retrovisori e lo sterzo che perde un po’ di precisione a elevata velocità.

In città
Le sospensioni filtrano bene il pavè, il motore è silenzioso, lo sterzo non affatica e il pedale della frizione è morbido: in città, al volante della Citroën C3 Picasso non ci si stressa. Inoltre, gli ingombri della carrozzeria non sono certo esagerati e la posizione di guida rialzata, assieme alla vetratura ampia e ben disegnata, aiuta a muoversi in sicurezza senza impedire di percepire gli ingombri. Tutto bene in manovra, dato che la visibilità posteriore è buona e ci sono anche i sensori di distanza di serie. Soltanto i paraurti, esposti ai graffi perché totalmente verniciati e privi di protezioni in gomma, contrastano un po’ con l’anima cittadina di questa monovolume francese.

Fuori città
La carrozzeria alta non compromette né la stabilità, né il piacere di guidare: nei percorsi ricchi di curve la Citroën C3 Picasso è addirittura divertente, visto che tiene bene la strada e permette di viaggiare di buon passo senza “dondolamenti”. Il motore asseconda le eventuali velleità sportive del guidatore, perché risponde con una piacevole grinta e non manca mai di “tiro”; è un peccato che non sia abbinato a un cambio all’altezza della situazione (la leva ha la corsa lunga, e gli innesti sono “legnosi” e imprecisi), e che lo sterzo non sia pronto come lo si vorrebbe.

In autostrada
A 130 km/h il motore lavora a soli 2600 giri, e questo va a vantaggio della silenziosità che, però, è compromessa dai sensibili fruscii generati dagli specchi retrovisori. Questo non significa che nei lunghi viaggi la Citroën C3 Picasso sia affaticante: anzi, è vero il contrario. La riserva di potenza è generosa, e in caso di necessità è possibile ottenere rapide riprese anche senza scalare marcia. Risultano, invece, migliorabili lo sterzo (che al crescere della velocità tende a perdere rigore), e l’impianto frenante (che non eccelle per potenza e resistenza alla fatica).

QUANTO È SICURA
5
Average: 5 (1 vote)
Un “contenitore” ben equipaggiato

La C3 Picasso è una monovolume di concezione moderna: nei crash test EuroNcap (con la più severa procedura 2009) ha riportato una votazione complessiva di quattro stelle, con punteggi specifici abbastanza alti: un risultato che la pone nel novero delle vetture più sicure. Completa anche la dotazione di serie, che fra l’altro comprende sei airbag, nonché i controlli elettronici della trazione e della stabilità

Sulla Citroën C3 Picasso c’è tutto il necessario per la sicurezza attiva e passiva: l’ESP abbinato al controllo elettronico della trazione fa parte dell’equipaggiamento di serie, come gli airbag frontali, laterali e per la testa; idem per i fari fendinebbia e per il regolatore di velocità. Nei crash test EuroNcap effettuati con le nuove procedure 2009 la monovolume francese, che si giova delle soluzioni tipiche dei progetti recenti, ha riportato risultati degni di vetture più grandi, con un voto complessivo di quattro stelle, un punteggio dell’81% nella protezione degli occupanti, il 76% per i bambini su seggiolini Isofix e il 43% per la tutela dei pedoni in caso di investimento.

NE VALE LA PENA?
4
Average: 4 (1 vote)
Per chi vuole tutto in quattro metri

La Citroën C3 Picasso non costa pochissimo, ma ha una dotazione completa ed è ben costruita. È una monovolume compatta che si presta docilmente all’impiego cittadino, ma il motore vigoroso, l’ottima tenuta di strada e l’elevato livello di comfort la rendono piacevole da guidare, oltreché confortevole, anche nei lunghi trasferimenti. Si tratta di un buon acquisto per chi desidera una vettura pratica e spaziosa, ma non vuole per questo rinunciare a una linea ricercata e personale.
 

Le dimensioni non destano preoccupazione a chi deve usarla in città, ma la Citroën C3 Picasso si presta davvero a un impiego a tutto tondo: è piacevole e divertente sui percorsi extraurbani e permette di viaggiare comodamente in autostrada. È consigliabile a chi ha bisogno di una monovolume compatta in grado di far fronte a tutte le esigenze della famiglia, dotata di un’ottima capacità di carico e - perché no? - esteticamente piacevole. Ha un motore brillante (ma il cambio è migliorabile) e poco assetato di gasolio, e a conti fatti è offerta a un prezzo adeguato ai contenuti e alla dotazione, che è effettivamente completa sia per quanto riguarda la sicurezza, sia per il comfort.

PERCHÉ SÌ

Bagagliaio
La forma regolare, la soglia d’accesso bassa e l’ampia apertura di carico lo rendono pratico e comodo. Inoltre, si può abbassare il fondo di 12 centimetri, e far scorrere longitudinalmente il divano di 15.

Comfort
L’abitacolo è spazioso, oltre che piacevolmente luminoso, e le sospensioni filtrano bene le buche. Grazie alla buona insonorizzazione è una vettura comoda anche per affrontare lunghi trasferimenti in autostrada.
Motore
Il 1.6 turbodiesel si sposa bene con le caratteristiche della macchina: ha un funzionamento molto fluido, assicura una spinta vivace e non alza mai la voce. Inoltre non “beve” troppo.

Visibilità
Il parabrezza “avvolgente” consente una visuale ampia non solo frontale ma pure di tre quarti anteriore. Ok anche in manovra: oltre a poter contare sui sensori di parcheggio, dal lunotto si ha una buona visuale e la coda “verticale” favorisce la percezione degli ingombri.

PERCHÉ NO

Cambio 
L’escursione della leva è lunga e la manovrabilità del comando lascia a desiderare. Gli innesti sono poco precisi, e la funzionalità diminuisce quando si vuole cambiare marcia velocemente.

Frenata 
Gli spazi d’arresto non sono male, ma l’impianto mostra segni di stress quando lo si sottopone a un uso intenso e prolungato, magari a pieno carico: l’escursione del pedale si allunga e il “mordente” diminuisce.

Fruscii
Più che dalle forme della carrozzeria sono generati dagli ingombranti specchi retrovisori, e diventano ben percettibili ad andatura autostradale. Rappresentano il maggior limite per il comfort, visto che il motore è bene insonorizzato.

Paraurti 
Secondo le attuali tendenze sono completamente verniciati e dunque esposti ai graffi: considerata la vocazione cittadina di questa monovolume, sarebbe stato meglio dotarli di profili protettivi in gomma.

SCHEDA TECNICA
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 5a a 4000 giri   182,7 km/h 183km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 12,1   11,2 secondi
0-400 metri 18,1 121,0 km/h 17,8 secondi
0-1000 metri 33,5 154,9 km/h 33,0 secondi
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h in 4a 33,9 155,8 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h in 5a 32,8 156,8 km/h non dichiarata
da 80 a 120 km/h in 5a 11,5   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   13,3 km/litro 15,6 km/litro
Fuori città   16,4 km/litro 24,4 km/litro
In autostrada   13,9 km/litro non dichiarato
Massimo   8,1 km/litro non dichiarato
Medio   15,0 km/litro 20,4 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   40,0 metri non dichiarata
da 130 km/h   66,1 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   133 km/h  
Diametro di sterzata tra due marciapiede   10,9 metri 10,6
Cilindrata cm3 1560
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 80(109)/4000
Coppia max Nm/giri 260/1750
Emissione di CO2 grammi/km 130
Distribuzione 4valvole per cilindro
No rapporti del cambio 5 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 408/177/162
Passo cm 254
Peso in ordine di marcia kg 1333
Capacità bagagliaio litri 385-500/1506
Pneumatici (di serie) 195/55 R 16
I NOSTRI RILEVAMENTI
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 5a a 4000 giri   182,7 km/h 183km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 12,1   11,2 secondi
0-400 metri 18,1 121,0 km/h 17,8 secondi
0-1000 metri 33,5 154,9 km/h 33,0 secondi
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h in 4a 33,9 155,8 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h in 5a 32,8 156,8 km/h non dichiarata
da 80 a 120 km/h in 5a 11,5   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   13,3 km/litro 15,6 km/litro
Fuori città   16,4 km/litro 24,4 km/litro
In autostrada   13,9 km/litro non dichiarato
Massimo   8,1 km/litro non dichiarato
Medio   15,0 km/litro 20,4 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   40,0 metri non dichiarata
da 130 km/h   66,1 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   133 km/h  
Diametro di sterzata tra due marciapiede   10,9 metri 10,6
Cilindrata cm3 1560
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 80(109)/4000
Coppia max Nm/giri 260/1750
Emissione di CO2 grammi/km 130
Distribuzione 4valvole per cilindro
No rapporti del cambio 5 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 408/177/162
Passo cm 254
Peso in ordine di marcia kg 1333
Capacità bagagliaio litri 385-500/1506
Pneumatici (di serie) 195/55 R 16
Citroën C3 Picasso
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
19
27
17
15
16
VOTO MEDIO
3,2
3.19149
94
Aggiungi un commento
Ritratto di Puglio
29 ottobre 2009 - 14:41
6
Linea originale, interni piacevoli, motori vivaci, tanti accessori e sistemi di sicurezza: Questa Citroèn è una bomba. Sse non fosse per il prezzo (non alto) farebbe molta invidia alle utilitarie lunghe come lei. Risulta un'auto comoda e sicura, da utilizzare anche in città senza troppe difficoltà. Una tipica auto da famiglia che non svuota il portafoglio!!! :)
Ritratto di bubu
30 ottobre 2009 - 10:07
NIENTE MALE COME AUTO,ORIGINALE....NON CI SONO IN GIRO ALTRI MODELLI CHE SI ASSOMIGLIANO.-...SECONDO ELE NON è PRORIO CARINA...LE SEMBRA UNA SCATOLETTA PERò QUESTIONE DI GUSTI...
Ritratto di antonioap
30 ottobre 2009 - 16:49
HUAU...PARTICOLARE,MAGNIFICA. è UN'AUTO BELLLISSIMA. COMPLIMENTI ALLA CITROEN.FARà MOLTO SUCCESSO CON C3 PICASSO E C3 BERLINA
Ritratto di Alberto Morana
30 ottobre 2009 - 17:04
Io ho comprato questa macchina ed è fantastica!!!!!Comoda..Adatta insomma alla famigli è anche molto spaziosa,bagagliaglio ok......Secondo me farà molta strada questa auto!!
Ritratto di genovesi
10 novembre 2009 - 20:41
Ho comprato la c3 picasso excl. st. ad aprile di quest'anno e mi trovo benissimo... Ho portato la mia famiglia in Germania quest'estate ed il viaggio è stato davvero confortevole. Dentro c'è spazio in gran quantità ma fuori è piccola e s'infila dappertutto!!! Il motore spinge benissimo e non consuma molto. La dotazione è davvero eccellente e ti stupisce. Ottima la presa USB: ho comprato una pennetta da 8 GB e ci ho messo tutta la musica che ho, divisa in cartelle tra le quali mi sposto muovendo la rotella vicino al volante. Davvero, davvero pratico, peccato che non sia disponibile su alcuni modelli Citroen (es. C4 picasso style). Un piccolo appunto lo si potrebbe fare, se proprio si vuole essere pignoli, per la visibilità (cmq buona ma a mio modesto avviso migliorabile) in retromarcia e per il tergilunotto forse un po' sottodimensionato rispetto al lunotto, ma sono davvero quisquiglie. Complimenti!!!
Ritratto di Pierino Piscaglia
5 gennaio 2010 - 17:59
Simpatica ma un pò costosa, manca l'opzione del cambio automatico.
Ritratto di MASSIMO69
9 febbraio 2010 - 19:38
Nonostante non sia un'estimatore delle citroen dato che le giudico un pò "delicate" in fatto di carozzeria e motore devo dire che questa versione mi aggrada molto. Anche se nella prova è considerat come una classica auto da famiglia può andare bene anche per me anche se la mia famiglia è composta solo da me e mia moglie. Mi piacciono i monovolumi compatti! Poi questa auto è campione in fatto di visibilità, io poi la prenderei anche col tetto apribile!
Ritratto di giobass
4 agosto 2010 - 11:54
Mi sembra giusto anticipare il fatto che la mia C3 Picasso Perfect HDI è la mia quinta Citroen e quindi il mio giudizio potrebbe essere un poco "partigiano". Inutile dire che ne sono molto soddisfatto,perchè piacevolissima da guidare, con una capienza imbattibile,rispetto alle dimensioni(specialmente con il sedile passeggero abbattibile). Ho soltanto 2000 km e col piede leggero ,per il momento, su percorso misto ho fatto 18,7 Km/l, valore,credo, di tutto rispetto. Unico appunto: avrei preferito protezioni in gomma anzichè quelle fornite che sembrano fatte proprio per essere danneggiate.
Ritratto di giobass
4 agosto 2010 - 11:54
Mi sembra giusto anticipare il fatto che la mia C3 Picasso Perfect HDI è la mia quinta Citroen e quindi il mio giudizio potrebbe essere un poco "partigiano". Inutile dire che ne sono molto soddisfatto,perchè piacevolissima da guidare, con una capienza imbattibile,rispetto alle dimensioni(specialmente con il sedile passeggero abbattibile). Ho soltanto 2000 km e col piede leggero ,per il momento, su percorso misto ho fatto 18,7 Km/l, valore,credo, di tutto rispetto. Unico appunto: avrei preferito protezioni in gomma anzichè quelle fornite che sembrano fatte proprio per essere danneggiate.
Ritratto di carlavb
6 ottobre 2011 - 14:01
Avrei voluto comprarla ma mi servivano gli accessori del pacchetto voyage. Bene sono disponibili solo su exclusive! Con la vernice metallizzata la macchina sarebbe venuta circa 22000 euro. E' bella ma come confermato dal concessionario 'beve' un po' e il computer di bordo non e' molto affidabile. Alla fine ho lasciato perdere non tanto x la spesa iniziale quanto proprio x i consumi e la mancanza di adeguate protezioni della carrozzeria. Secondo me col tempo la citroen provvedera' ma per ora....
Pagine