PROVATE PER VOI

Citroën Grand C4 Picasso: sa farvi viaggiare comodi

Prova pubblicata su alVolante di
settembre 2011

Listino prezzi Citroën Grand C4 Picasso non disponibile

  • Prezzo (al momento del test)

    € 28.450
  • Consumo medio rilevato

    15,4 km/l
  • Emissioni di CO2

    137 grammi/km
  • Euro

    5
Citroën Grand C4 Picasso
Citroën Grand C4 Picasso 1.6 HDi Exclusive
L'AUTO IN SINTESI

Spaziosa e ben rifinita, permette di viaggiare comodamente anche in sette. Il vivace e silenzioso 1.6 turbodiesel, parco nei consumi, eroga con fluidità i suoi 111 CV. L’allestimento top di gamma Exclusive non è a buon mercato, ma la dotazione è generosa.

Posizione di guida
4
Average: 4 (1 vote)
Cruscotto
3
Average: 3 (1 vote)
Visibilità
5
Average: 5 (1 vote)
Comfort
5
Average: 5 (1 vote)
Motore
4
Average: 4 (1 vote)
Ripresa
3
Average: 3 (1 vote)
Cambio
3
Average: 3 (1 vote)
Frenata
4
Average: 4 (1 vote)
Sterzo
3
Average: 3 (1 vote)
Tenuta di strada
4
Average: 4 (1 vote)
Dotazione
4
Average: 4 (1 vote)
Qualità/prezzo
4
Average: 4 (1 vote)
PERCHÉ COMPRARLA
Ricca di spazio e non solo

Monovolume contraddistinta da un ottimo rapporto fra dimensioni esterne e abitabilità, offre sette posti “veri”; elevata anche la cura delle finiture. Su strada si apprezzano il comfort assicurato dalle morbide sospensioni e la fluidità del 1.6 a gasolio, silenzioso e parco nei consumi. Quello denominato Exclusive è l’allestimento di punta e include nel prezzo anche il navigatore, ma per contro va pagato a parte qualsiasi colore che non sia il bianco.

Anche se in lunghezza non supera una media station wagon (“da paraurti a paraurti” misura 459 centimetri), questa monovolume è particolarmente generosa di spazio: i posti sono sette, con quelli in terza fila sufficientemente comodi anche per due adulti; ma per chi si accontenta della versione a cinque posti, priva della coppia di poltroncine estraibili dal fondo del baule, il prezzo scende di qualche centinaio di euro.  

Oltre che molto luminoso, l’abitacolo è rifinito con cura e insonorizzato a dovere: complici le sospensioni morbide si viaggia nel massimo comfort. Per converso, il comportamento fra le curve non è da sportiva perché il rollio è piuttosto marcato e lo sterzo non è preciso come lo si vorrebbe; tuttavia, la sicurezza è garantita dalle reazioni sempre progressive e dall’Esp pronto a intervenire in caso di necessità.

Abbinato a un cambio manuale a sei marce dai rapporti alquanto distesi (morbido negli innesti, ma contraddistinto da una troppo ampia escursione della leva), il 1.6 turbodiesel da 111 CV non risente troppo dei quasi 1500 kg di massa della Citroën Grand C4 Picasso: certo, in sesta la ripresa non è fulminea, eppure la spinta è fluida e omogenea lungo l’intero arco d’erogazione. Fra i suoi pregi ci sono pure l’assenza di vibrazioni, la silenziosità e i consumi contenuti.

L’equipaggiamento della Exclusive (la più ricca della gamma) è adeguato al prezzo e include, fra l’altro, il navigatore e i finestrini della terza fila sbrinabili e provvisti di tendine parasole; sorprende, però, che la sola tinta pastello “di serie” sia quella bianca: si paga a parte anche il colore nero, seppur meno dei metallizzati. Fra gli accessori, segnaliamo il tetto panoramico in vetro (non apribile) e i fari bixeno che si orientano automaticamente in curva.

VITA A BORDO
5
Average: 5 (1 vote)
All’insegna della flessibilità

Nell’ampio e ben rifinito abitacolo vengono ospitati adeguatamente anche gli occupanti della terza fila, mentre le tre poltroncine scorrevoli che compongono il divano permettono di gestire lo spazio in modo ottimale. Gratificante il ponte di comando, con tanto di cruscotto digitale che ospita pure lo schermo del navigatore; tuttavia, per districarsi fra i troppi comandi al centro del volante bisogna fare pratica. Il generoso baule – al quale si può accedere anche sollevando soltanto il portellone – è adatto alle esigenze di cinque persone ma, logicamente, quando si viaggia in sette si restringe parecchio.

Plancia e comandi
La qualità dei materiali è elevata e le finiture adeguate al prezzo della vettura, ma il bel rivestimento chiaro della plancia è – come quello dei sedili – facile a sporcarsi. D’effetto pure il cruscotto digitale, che incorpora lo schermo del navigatore (di serie) e offre un’ottimale leggibilità; peccato manchi l’utile termometro del liquido refrigerante. La leva del cambio che sbuca dalla consolle “a torretta” è comoda, ma con i numerosi comandi al centro del volante (clacson, radio, computer di bordo, navigatore e cruise control…) serve pratica. Da rivedere la posizione del bottone per chiedere assistenza stradale o soccorso: quasi al livello del pavimento, è fuori mano.

Abitabilità
Le ampie poltrone anteriori, avvolgenti e generosamente imbottite, sono regolabili pure in altezza, e lo spazio per le gambe e sopra la testa non manca nemmeno per chi occupa il divano: questo è composto da tre poltroncine larghe 45 cm e scorrevoli longitudinalmente di 13 cm, con le due laterali che possono avanzare di 40 cm per consentire l’accesso ai due strapuntini in terza fila (anch’essi adatti a due adulti). Fra i molti e capaci portaoggetti ci sono pure due funzionali botole nel pavimento, accessibili da dietro i sedili anteriori. Non grande, ma refrigerato, il cassetto di fronte al passeggero anteriore.  

Bagagliaio
Con i sette posti in uso non si può pretendere di caricare molto: dietro gli strapuntini restano 16 cm di profondità utile. Ma in cinque, a seconda della posizione del divano, si può contare su un volume variabile fra i 576 e i 672 litri, che salgono a 1951 abbattendo anche la seconda fila di sedili (nel qual caso non si formano fastidiosi gradini nel pavimento); peccato solo che non si possa ripiegare anche lo schienale del passeggero anteriore, come in alcune concorrenti. In compenso le sospensioni posteriori regolabili elettricamente consentono di avvicinare la soglia al suolo (da 61 a 53 cm) per facilitare il carico di oggetti pesanti, mentre se non c’è spazio per sollevare il portellone si può contare sul lunotto apribile.

COME VA
4
Average: 4 (1 vote)
Per viaggi rilassanti

Nell’impiego cittadino si apprezzano l’ottimale visibilità assicurata dalle estese superfici vetrate e i sensori di parcheggio, che sono di serie anche davanti. Le morbide sospensioni sono garanzia di comfort elevato anche sullo sconnesso, ma risultano poco efficaci nel contrastare il rollio: fra le curve, meglio guidare tranquilli e godersi il comfort. Silenzioso e fluido, il turbodiesel fa viaggiare in souplesse anche in autostrada accontentandosi, peraltro, di poco gasolio.

In città
Le dimensioni non sono quelle di una citycar, eppure nel traffico questa monovolume è relativamente agile, senza contare che la combinazione fra la posizione di guida rialzata e le ampie superfici vetrate favorisce la visibilità. Quando si deve cercare parcheggio viene in aiuto il dispositivo a ultrasuoni che “stima” se lo spazio fra due auto posteggiate in linea lungo un marciapiede è sufficiente per la Grand C4 Picasso, mentre durante la manovra si può contare sull’assistenza dei sensori di distanza (di serie davanti e dietro).

Fuori città
Con le sospensioni tarate per privilegiare il comfort, e perciò piuttosto morbide, se si esagera con la velocità in curva il rollio risulta evidente come, al limite, la tendenza al sottosterzo (ma l’Esp è tempestivo nel rimettere le cose a posto); inoltre, lo sterzo non eccelle per precisione e così, anche se la frenata è degna di una sportiva, questa monovolume dà il meglio quando si guida in relax. Per parte sua il turbodiesel garantisce una spinta omogenea e vivace, ben sfruttabile grazie a un cambio dagli innesti morbidi (come, pure, è leggera la frizione) che aiuta a perdonare l’escursione troppo lunga della leva. Bassi i consumi: guidando senza particolari accortezze si percorrono 17 chilometri con un litro di gasolio.  

In autostrada
La sesta marcia, piuttosto distesa, fa sì che a 130 orari il motore lavori a 2500 giri: se da un lato vuol dire che se c’è necessità di riprendere prontamente è meglio scalare (soprattutto a pieno carico), dall’altro significa viaggiare in tutto relax, consumando poco (14,1 km/l) e con un livello di rumorosità opportunamente contenuto. Le notevoli capacità filtranti delle sospensioni garantiscono un isolamento ottimale anche quando si transita sulle giunzioni dei viadotti.

QUANTO È SICURA
5
Average: 5 (1 vote)
“Tendine” anche in terza fila

I crash test Euro NCAP sono stati effettuati sulla C4 Picasso a cinque posti (del tutto simile alla “Grand” anche se più corta di 12 cm) che li ha superati con il massimo punteggio di cinque stelle. L’equipaggiamento di serie è completo e, correttamente, include gli airbag a tendina che si prolungano a riparare la testa dei passeggeri della terza fila; volendo, a pagamento restano da aggiungere soltanto i fari allo xeno. 

Se si desiderano i fari bixeno orientabili in curva si deve pagare un sovrapprezzo, ma il resto di quel che occorre per la sicurezza è di serie: l’Esp (integrato dal sistema anti-arretramento per le partenze in salita), un set di airbag che include quelli per la testa estesi alla terza fila di sedili, i poggiatesta anteriori attivi, il cruise control e i fendinebbia; e in più c’è un bottone (in verità scomodo da raggiungere, perché collocato troppo in basso) per chiamare il carro attrezzi o l’ambulanza in caso di necessità. Positivi pure i riscontri dei crash test Euro NCAP, seppur riferiti alla “sorella” C4 Picasso (che con la “Grand” condivide la piattaforma, la meccanica e la maggior parte degli elementi della carrozzeria, ma è più corta di 12 cm): la valutazione globale di cinque stelle, ossia il massimo, è suffragata da punteggi parziali dell’87% per la protezione degli occupanti, del 78% per i bambini che viaggiano su seggiolini Isofix e del 46% per la tutela dei pedoni in caso di investimento, mentre ai sistemi di assistenza alla sicurezza sono stati assegnati 89 punti percentuali.

NE VALE LA PENA?
4
Average: 4 (1 vote)
Ricca al giusto prezzo

Il generosamente accessoriato allestimento Exclusive non costa poco, ma è indubbiamente quello “giusto” per la Grand C4 Picasso: silenziosa e confortevole, è adatta alla famiglia e a chi viaggia spesso in comitiva. Oltre che spazioso, l’abitacolo è costruito con cura e ricco di soluzioni che ne aumentano la funzionalità. L’equilibrato e fluido 1.6 a gasolio si sposa alla perfezione con l’impostazione turistica della vettura, e convince anche sotto il profilo dei consumi.

 

 

In grado di soddisfare chi viaggia spesso in sette, la Citroën Grand C4 Picasso vanta un abitacolo luminoso e ben rifinito, sebbene l’ergonomia di alcuni comandi resti migliorabile. Su strada è sicura e, anche se sospensioni e sterzo non sono da sportiva, la guida è piacevole: merito, anche, del silenzioso e parco 1.6 turbodiesel, capace di un’erogazione fluida e mai “col fiato corto”. La Exclusive non è regalata, ma offre di serie accessori che sono il complemento ideale per una grande monovolume votata, anche, alle vacanze con tutta la famiglia: si va dal navigatore alle tendine per oscurare l’ultimo ordine di finestrini, per finire alle sospensioni autolivellanti che – oltre a mantenere costante l’assetto indipendentemente dalle condizioni di carico – consentono di abbassare l’auto di qualche centimetro per facilitare l’accesso al baule. In ogni caso chi si accontenta di cinque posti può realizzare un piccolo risparmio rinunciando ai due sedili in terza fila, oppure rivolgendosi direttamente alla C4 Picasso “normale”, che è anche un po’ più corta e adatta alla città.

PERCHÉ SÌ

Comfort
L’abitacolo è ampio, luminoso e correttamente insonorizzato, e le sospensioni filtrano a dovere le asperità del fondo stradale: comodamente seduti sugli ampi e bene imbottiti sedili, si viaggia “da signori”.

Dotazione
Della ricca dotazione fanno parte anche accessori che di solito si pagano a parte, come a esempio il navigatore, i sensori di parcheggio anteriori o le tendine che riparano dal sole chi siede in terza fila: la Exclusive è costosa ma anche bene equipaggiata.

Frenata
Vero che la modulabilità del comando è perfettibile, ma sulla potenza dell’impianto frenante non si discute: nelle nostre prove, questa monovolume ha fatto registrare spazi d’arresto degni di una sportiva.

Lunotto apribile
Diffuso nelle suv e altrettanto raro nelle monovolume, il lunotto apribile è una bella comodità (soprattutto se dietro l’auto c’è poco spazio libero) perché permette di caricare piccoli oggetti senza dover sollevare il portellone.

PERCHÉ NO

Colore nero
Pretendere di avere la vernice metallizzata inclusa nel prezzo sarebbe troppo, ma la Citroën fa pagare a parte anche la vernice nera, col risultato che l’unico colore pastello disponibile gratis è il bianco.

Comandi al volante
Oltre al clacson, intorno al “cuscino” del volante ci sono i controlli della radio, del regolatore di velocità, del computer di bordo e del navigatore: decisamente troppi per non rischiare di far confusione.

Sterzo
Alla sua giusta leggerezza in manovra corrisponde una fastidiosa mancanza di precisione, che si riscontra sia fra le curve sia, in particolar modo, ad andatura sostenuta: inevitabile apportare piccole correzioni di traiettoria.

Tasto SOS
Scomodo da raggiungere il tasto che – in caso di necessità – permette di collegarsi con il centro servizi della casa francese per chiedere assistenza oppure chiamare i soccorsi: è sotto la “torretta” del cambio, troppo vicino al pavimento.

SCHEDA TECNICA
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 6a a 3500 giri   181,9 km/h 181 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 12,5   13,1 secondi
0-400 metri 18,4 120,4 km/h 18,6 secondi
0-1000 metri 34,1 151,3 km/h 34,4 secondi
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h in 5a 38,7 145,5 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h in 6a 35,3 141,4 km/h non dichiarata
da 40 a 70 km/h in 5a 12,7    
da 80 a 120 km/h in 6a 14,5   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   13,5 km/litro 15,2 km/litro
Fuori città   17,0 km/litro 21,3 km/litro
In autostrada   14,1 km/litro non dichiarato
Medio   15,4 km/litro 18,5 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   35,8 metri non dichiarata
da 130 km/h   58,6 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   132 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   11,6 metri 11,3
Cilindrata cm3 1.560
No cilindri e disposizione 4
Potenza massima kW (CV)/giri 82 (111)/3600
Coppia max Nm/giri 270/1750
Emissione di CO2 grammi/km 139
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 (manuale) + retromarcia
Trazione Anteriore
Freni anteriori Dischi autoventilanti
Freni posteriori Dischi autoventilanti  
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 459/183/170
Passo cm 273
Peso in ordine di marcia kg 1530
Capacità bagagliaio litri 208/1951
Pneumatici (di serie) 215/55 R 16
I NOSTRI RILEVAMENTI
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 6a a 3500 giri   181,9 km/h 181 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 12,5   13,1 secondi
0-400 metri 18,4 120,4 km/h 18,6 secondi
0-1000 metri 34,1 151,3 km/h 34,4 secondi
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h in 5a 38,7 145,5 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h in 6a 35,3 141,4 km/h non dichiarata
da 40 a 70 km/h in 5a 12,7    
da 80 a 120 km/h in 6a 14,5   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   13,5 km/litro 15,2 km/litro
Fuori città   17,0 km/litro 21,3 km/litro
In autostrada   14,1 km/litro non dichiarato
Medio   15,4 km/litro 18,5 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   35,8 metri non dichiarata
da 130 km/h   58,6 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   132 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   11,6 metri 11,3
Cilindrata cm3 1.560
No cilindri e disposizione 4
Potenza massima kW (CV)/giri 82 (111)/3600
Coppia max Nm/giri 270/1750
Emissione di CO2 grammi/km 139
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 (manuale) + retromarcia
Trazione Anteriore
Freni anteriori Dischi autoventilanti
Freni posteriori Dischi autoventilanti  
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 459/183/170
Passo cm 273
Peso in ordine di marcia kg 1530
Capacità bagagliaio litri 208/1951
Pneumatici (di serie) 215/55 R 16
Citroën Grand C4 Picasso
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
7
5
6
8
10
VOTO MEDIO
2,8
2.75
36
Aggiungi un commento
Ritratto di Jinzo
14 febbraio 2012 - 19:20
comoda per viaggiare con la famiglia e senza stress col cambio automatico con levette al volante...very good
Ritratto di P206xs
14 febbraio 2012 - 21:25
gran mezzo!! esternamente lo preferisco al 5008........internamente invece preferisco la peugeot!! cmq nel complesso la considero la migliore del segmento.
Ritratto di audi94
14 febbraio 2012 - 21:58
1
quest'auto piace moltissimo a mio padre... anche se sinceramente non so cosa se ne possa fare di una monovolume enorme come la c4 picasso... sta di fatto che è un'ottima vettura, molto di sostanza, ma che sa badare anche all'estetica e alle soluzioni intelligenti!
Ritratto di totus
15 febbraio 2012 - 00:27
insieme alla Renault Scenic (tutte e due le versioni ) e la Ford S-MAX. Davvero ottima per le famiglie, e con finiture degne di auto ben più costose!
Ritratto di mixmaxmux
15 febbraio 2012 - 08:16
Secondo voi il motore 1.6 benzina 120 cv è adeguato per la C4 GP o è necessario puntare su un 1.6 155 cv?
Ritratto di davitonin
15 febbraio 2012 - 08:56
1
e devo dire che fa già ben bene il suo dovere, anche nelle vallate laterali qui ad Aosta; in autostrada con il regolatore inserito è veramente comoda, l'unica pecca è il cambio manuale a 5 rapporti, fa salire un po i giri del motore, ma si fa apprezzare ugualmente, però per la GP potrebbero far comodo quei 35 cv in più ;)
Ritratto di orsoelettrico
16 febbraio 2012 - 09:43
2
io ho la elegance con il cambio robotizzato. Prima avevo la c4 picasso ma questa ha un baule enorme ottimo per una famiglia di 4 con il cane. I consumi sono sui 15_17 al litro senza correre anche perché è pesantina. Il cambio molto rilassante soffre nelle salite ripide tipo sentieri di montagna (la prima è troppo lunga ed il peso del veicolo non aiuta di certo). Unico neo la mancanza del termometro acqua. 5 stelle meritatissime nel crash test...mi hanno tamponato frontalmente, macchina distrutta ma airbag e cintura mi hanno salvato. La ricomprerò:-)
Ritratto di gig
18 febbraio 2012 - 14:22
Quella distrutta in foto è la tua? Sei stato fortunato ad uscirne indenne! Saluti
Ritratto di genovesi
17 febbraio 2012 - 19:32
vorrei che fosse la mia prossima auto ma aspetto l'ibrido diesel-elettrico! Di questi tempi occorre fare qualcosa di più per abbattere il consumo di carburante. Ci vuole coraggio!
Ritratto di FAUSTO74
29 febbraio 2012 - 16:55
HO ORDINATO LA GP 1,6 EXLUSIVE CMP6 TROPPO BELLA E SUPER ACCESORIATA QUALITA PREZZO LA MIGLIORE
Pagine
Annunci

citroen grand-c4-picasso usate

Prezzo minimoPrezzo medio
citroen grand-c4-picasso usate 20128.5008.5001 annuncio
citroen grand-c4-picasso usate 201410.90013.03012 annunci
citroen grand-c4-picasso usate 20159.90013.74019 annunci
citroen grand-c4-picasso usate 201617.90018.2002 annunci
citroen grand-c4-picasso usate 201717.90019.79014 annunci
citroen grand-c4-picasso usate 201821.90022.9003 annunci

citroen grand-c4-picasso km 0 per anno

Prezzo minimoPrezzo medio
citroen grand-c4-picasso km 0 201819.90023.3307 annunci