NEWS

Formula 1 2018, risultato gara Gp di Gran Bretagna: vince Vettel. Classifica e calendario

8 luglio 2018

Formula 1, ordine d’arrivo del Gran Premio di Gran Bretagna 2018: Hamilton secondo, Raikkonen terzo. Classifica e prossima gara.

Formula 1 2018, risultato gara Gp di Gran Bretagna: vince Vettel. Classifica e calendario

SUBITO EMOZIONI - Pronti? Via! Pochi secondi e il gioco è stato fatto: Vettel (foto qui sopra) è scattato splendidamente prendendo la testa della gara, e pochissimo dopo Hamilton (foto qui sotto) è andato in testa coda. All’origine dell’incidente una toccatina con Raikkonen che lo stava attaccando. In breve, il Gran Premio di Gran Bretagna 2018 di Formula 1 ha così presentato la sua fisionomia: alla Ferrari di Sebastian Vettel il ruolo di lepre, alle sue spalle Valtteri Bottas su Mercedes e Max Verstappen con la Red Bull. Al quarto posto la Ferrari di Kimi Raikkonen. Nelle retrovie “l’altro” GP: quello di Lewis Hamilton scatenato nella rimonta che gli fa guadagnare posizioni a ripetizione. 11°, 8° 6°… in pochissime tornate! 

DUE GRAN PREMI IN PISTA - La superrimonta dell’inglese ha testimonia l’enorme gap di prestazioni esistente in pista. Per Hamilton è stato quando è arrivato in sesta posizione che è cominciata la fase più complicata: in quinta posizione c’era Daniel Ricciardo con la Red Bull, con 11 secondi di vantaggio (mentre 26 sono i secondi tra Vettel e Hamilton). L’attenzione era tutta per la lotta a distanza tra il leader della gara e Hamilton, ma una annotazione se la merita il giovane Leclerc che con la Alfa Romeo Sauber a motore Ferrari è in settima posizione, tenendo bene il ritmo del gruppetto alle spalle di Vettel. Intanto i commissari sportivi decidevano di infliggere una penalità di 10 secondi a Raikkonen per la toccata appunto con Hamilton, lanciando così quello che inesorabilmente sarà il tema delle discussioni e delle polemiche del dopo gara, e probabilmente per giorni. Vettel comunque proseguiva la sua marcia determinatissimo, con Bottas a qualche secondo di distanza.

SFORTUNA PER LECLERC - Al 14° giro Raikkonen approfittava della sosta ai box per la penalizzazione inflittagli per cambiare le gomme. Al rientro in pista era decimo ma in poche curve era già ottavo, facendo anche lui mostra di abilità in rimonta. Cominciava così la fase delle soste ai box per i cambi gomme. Per Leclerc durante la sosta deve esserci stato qualche errore, perché poco dopo il rientro in pista il giovane talento si è dovuto fermare.

CAMBIO GOMME PER LA FERRARI - Per Vettel il pit stop per il cambio gomme è avvenuto al 21° giro, con rientro alle spalle di Bottas, che doveva ancora fermarsi. Al passaggio successivo si fermvaa anche Bottas che rientrava in gara alle spalle di Hamilton. Vettel riprendeva così la testa del gran premio davanti a Hamilton il quale doveva ancora effettuare il cambio gomme. Tra i piloti Mercedes c’è spirito di squadra, lo testimonia la manovra con cui Hamilton fa passare Bottas, che in quel momento ha ancora aperta la speranza di giocarsi la vittoria. In effetti il finlandese della Mercedes spinge poi in modo molto deciso, tanto che comincia a serpeggiare qualche incertezza per Vettel, forse a causa delle condizioni delle gomme. Intanto Hamilton viaggia come un fulmine (si conferma il più veloce in pista), ma deve vedersela con i doppiaggi, che ogni tanto gli fanno perdere il ritmo. 

INCIDENTE SPAVENTOSO - Ma un nuovo colpo di scena è arrivato al 32° giro, con un “botto” tremendo di Ericsson che costringe il direttore di corsa a fare entrare in pista la Safety car. La cosa consente di rendere evidenti i problemi di gomme di Vettel, rientrato subito ai box per la sostituzione. All’uscita dei box era secondo alle spalle di Bottas e davanti a Hamilton. In pratica una nuova partenza per il gran premio. Con Hamilton in condizioni di giocarsela. Ma con il fattore gomme di mezzo: in quel momento quelle di Vettel sono fresche, quelle delle due Mercedes no.

SAFETY CAR PROTAGONISTE - La presenza della Safety car in pista si è prolungata e quando viene dato il via libera si è al 38° giro. La speranza per la Ferrari di vedere scattare di nuovo in testa Vettel sono frustrate: Bottas mostra di sapere tenere la posizione e pare che per Vettel si tratti di dover conquistare la testa con la lotta. Ma le sorprese non sono terminate: in seguito a un incidente tra Sainz e Grosjean, al 38° giro (la gara è su 52) c’è un secondo ingresso in pista della Safety car. E questa volta la cosa non fa il gioco di Vettel ma di Bottas.

BOTTAS RIPARTE LEADER - La seconda ripartenza avviene al 42° giro, undici dalla bandiera a scacchi. Con le posizioni immutate alla testa della gara. Bottas è sicuro a scattare ma già al giro successivo Vettel è in condizioni di tentare il sorpasso, che non riesce per la decisa reazione di Bottas. Va bene invece a Raikkonen con Verstappen, con il ferrarista che passa in quarta posizione, dietro Bottas, Vettel e Hamilton. A sette giri dal termine i primi quattro sono a pochissimi secondi. 

SOUSPENCE FINO ALLA FINE - Il carosello infernale ha trovato il suo epilogo al 48° giro, con Vettel che metteva nel mirino Bottas per passarlo poi con un sorpasso spettacolare. Subito però è nato un altro motivo di grande souspence: Bottas era superato anche da Hamilton e a quel punto ci si cominciava a chiedere se l’inglese campione del mondo era in grado di tentare di superare Vettel. A rendere chiaro che Bottas aveva dei problemi veniva il sorpasso subito anche da Raikkonen, che vede così le Ferrari prima e terza. I dubbi però si sono dimostrati fuori luogo: Sebastian Vettel ha tagliato per primo il traguardo per il cinquantunesimo successo della sua carriera; Lewis Hamilton su Mercedes ha concluso secondo e Kimi Raikkonen terzo. 

GP DI GRAN BRETAGNA: L'ORDINE D'ARRIVO

POS NO DRIVER CAR LAPS TIME/RETIRED PTS
1 5 Sebastian Vettel FERRARI 52 1:27:29.784 25
2 44 Lewis Hamilton MERCEDES 52 +2.264s 18
3 7 Kimi Räikkönen FERRARI 52 +3.652s 15
4 77 Valtteri Bottas MERCEDES 52 +8.883s 12
5 3 Daniel Ricciardo RED BULL RACING TAG HEUER 52 +9.500s 10
6 27 Nico Hulkenberg RENAULT 52 +28.220s 8
7 31 Esteban Ocon FORCE INDIA MERCEDES 52 +29.930s 6
8 14 Fernando Alonso MCLAREN RENAULT 52 +31.115s 4
9 20 Kevin Magnussen HAAS FERRARI 52 +33.188s 2
10 10 Pierre Gasly SCUDERIA TORO ROSSO HONDA 52 +34.129s 1
11 11 Sergio Perez FORCE INDIA MERCEDES 52 +34.708s 0
12 2 Stoffel Vandoorne MCLAREN RENAULT 52 +35.774s 0
13 18 Lance Stroll WILLIAMS MERCEDES 52 +38.106s 0
14 35 Sergey Sirotkin WILLIAMS MERCEDES 52 +48.113s 0
15 33 Max Verstappen RED BULL RACING TAG HEUER 46 DNF 0
NC 8 Romain Grosjean HAAS FERRARI 37 DNF 0
NC 55 Carlos Sainz RENAULT 37 DNF 0
NC 9 Marcus Ericsson SAUBER FERRARI 31 DNF 0
NC 16 Charles Leclerc SAUBER FERRARI 18 DNF 0
NC 28 Brendon Hartley SCUDERIA TORO ROSSO HONDA 1 DNF 0
Aggiungi un commento
Ritratto di attilio66
8 luglio 2018 - 22:02
Oggi grande Vettel . La Ferrari ha dimostrato di essere una squadra vincente. Penalità ‘ a Raikkonen eccessiva. E allora tutti gli incidenti di Verstappen ? Neanche una penalita’ ! A prescindere da tutto quello che e’ successo , Hamilton non sa perdere e il suo atteggiamento e’ molto infantile. La verità è una sola: quando la sua macchina e’ uguale o inferiore alle altre non riesce a gestire le gare e mostra tutti i suoi limiti. Posso sbagliare ma credo sia cosi’.
Ritratto di Gordo88
9 luglio 2018 - 00:05
Anch ' io la penso così sul "piagnone" Hamilton.. dopo essere stato toccato da raikonen( banale incidente di gara) ha cominciato a sentire poco carico sull asse posteriore per un problema al fondo vettura e altre cavolate simili quando invece la macchina andava benissimo.. poi a fine gara queste insinuazioni sulla presunta volontà del ferrarista di averlo fatto apposta sembrano capricci di un bambino a cui hanno rubato il giocattolo preferito, si vede proprio che in mercedes non sono abituati a perdere
Ritratto di miktoposlim
9 luglio 2018 - 07:47
hamilton e neymar due lacrimoni uguali..........
Ritratto di Bacca
9 luglio 2018 - 09:36
infatti sono amici
Ritratto di Gordo88
9 luglio 2018 - 00:07
Finalmente un confronto ravvicinato tra mercedes e ferrari seppur con pneumatici differenti e bravo Vettel a non aver perso la calma e ad aver realizzato un sorpasso da manuale, continuiamo così!!
Ritratto di IloveDR
9 luglio 2018 - 09:09
4
Un GP pilotato...
Ritratto di herm52
9 luglio 2018 - 09:21
Certo che è pilotato...... è pilotato da Vettel, Hamilton, Raikkonen, Bottas, Ricciardo e tutti gli altri driver.
Ritratto di Bacca
9 luglio 2018 - 09:37
magnussen*
Ritratto di littlesea
9 luglio 2018 - 10:50
2
DR, tu come al solito, sempre bastian contrario...MAI ammettere che anche tu, e i tuoi "paladini", sbagliate... Sta di fatto che quando Bottas ha fatto strike lo scorso anno, non si è neanche preso un decimo di penalizzazione... Ma, si sa, Hamilton è abituato a vincere facile...
Ritratto di GeorgeN
9 luglio 2018 - 10:08
Non capisco perché la Fia aiuta sempre le mercedes in difficoltà con penalizzazioni e safety car... Ah già lo sponsor... e non a caso le auto della safety car sono mercedes... Mercedes maf*osa che ha corrotto la fia.... 10 secondi a Raikkonen per una toccatina da semplice incidente (che poi Hamilton ha stretto la traiettoria, quindi che colpa ha Raikko??) e ben 20 giri di safety car inutile visto che non c'erano detriti sulla pista... Per questo il neg***llo piangeva con il piercing sul naso come un omosessuale dopo le qualifiche.......... Poi davvero emozionante vedere dal 44° giro del gran premio di Silverstone dove le 2 Ferrari, contemporaneamente, sferzano di brutto le 2 Mercedes... E a fine gara Hamilton se ne va incaxxato per evitare l' intervista e appare molto stanco e distrutto nonostante gli aiutini della fia... La cosa più ridicola è che hamiltolino ha scavalcato Bottas per avere più punti su Vettel però ha più umiltà Vettel che ha lasciato vincere il compagno di squadra al primo posto.... Spero che la scuderia farà ricorso sui 10 secondi di penalità a Raikkonen perché era semplicemente un normale incidente di gara delle ripartenze... Ah già, 10 secondi di penalità per aver involontariamente buttato fuori il raccomandato Hamiltolino... E se il neg**llo butta fuori Vettel o Raikko o qualcun' altro, tutto ok.. purcheé sia nei primi posti.... Senza quei 10 secondi sarebbe al 1° o 2° posto... E pensare che Hamilton eguaglia Senna... E alla fine chi fa le polemiche??? Hamilton anzichè Raikkonen............
Pagine

PROSSIMO GP

Yas Marina Circuit F1 2018
Yas Marina Circuit
ORARI
Venerdì 23 Novembre
Prove 110:00 - 11:30
Prove 214:00 - 15:30
Sabato 24 Novembre
Prove 311:00 - 12:00
Qualifiche14:00 - 15:00
Domenica 25 Novembre
Gara14:00

NEWS FORMULA 1