NEWS

Altro anno difficile per il mercato cinese dell’auto

Pubblicato 14 gennaio 2020

Anche nel 2019 il più grande mercato mondiale si contrae, facendo scattare più di un campanello d’allarme dopo 28 anni di crescita.

Altro anno difficile per il mercato cinese dell’auto

TEMPESTA IN ARRIVO? - Il mercato dell’auto in Cina è stato a lungo considerato la terra promessa dai costruttori, grazie alla sua ininterrotta crescita per ben 28 anni di fila. Ora però la situazione pare cambiata: dopo il picco di 28.879.000 di veicoli nel 2017, le immatricolazioni in Cina sono diminuite nel 2018 e anche nel 2019, come testimoniano i dati pubblicati ieri dalla locale associazione dei costruttori. Due anni consecutivi di calo hanno fatto scattare più di un campanello d’allarme, a maggior ragione considerato che le vendite di automobili e veicoli commerciali sono diminuite l’anno scorso del 9,6% (a circa 21.500.000 unità). A queste si sommano i circa 4.300.000 tir e bus venduti, l’1,1% in meno. 

IN MOLTI SONO FINITI KO - Le conseguenze del calo non hanno risparmiato nessuno, tanto è vero che la cinese Hawtai sembra non aver retto l’urto: l’azienda sarebbe passata dalle 129.232 auto vendute del 2017 alla crisi nera dell’anno scorso, culminata con la richiesta di amministrazione controllata. Lifan e Zotye hanno dovuto presentarsi in tribunale per raggiungere accordi con i creditori. Il calo ha colpito anche i costruttori più tradizonali, compresi quelli statali, come SAIC, BAIC, FAW, GAC, Changan e Dongfeng che stanno investendo molto per le nuove tecnologie legate a propulsione elettrica e guida autonoma come richiesto dalle linee guida del Governo.


Nelle foto le tre auto più vendute in Cina: dall'alto, Volkswagen Lavida, Nissan Sylphy e Haval H6.

ANCHE GLI STRANIERI - Anche i costruttori stranieri, che operano in società al 50% con quelli locali, hanno accusato il colpo. La General Motors invece ha perso il 33,96% a novembre e il 17,94% da gennaio a novembre 2019, ma è ancora più grave la situazione della PSA, che sembra aver gettato la spugna dopo un anno ancora molto difficile: il produttore francese aveva creato una joint venture con la cinese Changan per operare in Cina, ma dopo 9 anni la società potrebbe essere liquidata, mandando in fumo il miliardo di euro speso per crearla e gestirla. Nonostante il calo non si fermano gli investimenti: il gruppo Volkswagen, che nel 2019 ha lanciato con successo il brand Jetta, nei prossimi 12 mesi spenderà quasi 4 miliardi di euro in Cina per ricerca, fabbriche, infrastrutture, con il 40% destinato alle auto elettriche.

TENGONO LE ELETTRICHE, MA… - Il calo delle vendite in Cina è stato subito anche dalle auto ibride ed elettriche, fortemente sostenute dal Governo attraverso incentivi e sgravi, i quali però sono diventati meno generosi da giugno. Le ibride hanno perso il 15% a 232.000 unità, mentre le elettriche sono aumentate dell’1,2% a 972.000 esemplari, ma le immatricolazioni sono diminuite senza interruzioni proprio da giugno.

LE 100 AUTO PIÙ VENDUTE IN CINA

  MODELLO GEN-NOV. 19 DIFF.
1 Volkswagen Lavida 464.176 0,2%
2 Nissan Sylphy 417.379 -1,8%
3 Haval H6 344.699 -14,3%
4 Toyota Corolla 325.293 -6,2%
5 Wuling Hongguang 321.542 -22,9%
6 Volkswagen Bora 303.573 35,2%
7 Volkswagen Sagitar 275.804 -4,1%
8 Buick Excelle GT 253.197 4,0%
9 Volkswagen Santana 229.064 -11,1%
10 Honda Civic 224.937 14,8%
11 Volkswagen Tiguan 210.993 -24,4%
12 Geely Boyue 207.900 -12,9%
13 Honda Accord 204.287 30,4%
14 Toyota Levin 203.408 13,7%
15 Geely Emgrand EC7 196.900 -15,1%
16 Honda CR-V 194.269 57,2%
17 Nissan X-Trail 190.946 3,5%
18 Volkswagen Passat 184.671 13,9%
19 Toyota Camry 169.107 10,3%
20 Changan CS75 164.607 24,1%
21 Nissan Qashqai 163.770 4,0%
22 BMW 5 Series 160.657 10,6%
23 Volkswagen Magotan 158.298 -25,9%
24 volkswagen Tayron 156.663 1438,5%
25 Mercedes C Class 152.973 1,2%
26 Audi A4 151.844 -0,3%
27 Mercedes E Class 150.072 18,0%
28 Roewe RX5 145.532 -30,4%
29 Honda Crider 144.033 50,1%
30 Roewe Ei5 142.009 276,6%
31 Baojun 510 139.795 -58,0%
32 Buick GL8 134.850 2,4%
33 Honda XR-V 133.285 -11,7%
34 Chevrolet Monza 132.151  
35 Mercedes GLC 130.444 24,9%
36 Haval F7 130.437 2049,9%
37 Geely Binyue 127.345 1156,0%
38 Changan CS35 125.312 6,3%
39 Buick Envision 120.243 -36,8%
40 volkswagen Tharu 119.495 713,2%
41 Audi Q5 119.475 3,0%
42 Hyundai ix35 117.579 -3,1%
43 volkswagen T-Roc 117.206 187,0%
44 Audi A6 114.634 -16,9%
45 Jetour X70 112.576 327,0%
46 Toyota RAV4 110.792 -17,1%
47 BMW X3 110.388 221,7%
48 Buick Regal 110.073 25,5%
49 Hyundai Elantra 107.632 -59,0%
50 Honda Fit 106.758 -9,5%
51 Volkswagen Jetta 105.076 -63,9%
52 MG ZS 103.730 10,8%
53 Chery Tiggo 8 102.444 152,7%
54 Changan CS55 101.071 -35,5%
55 Geely Emgrand GS 100.806 -31,4%
56 Haval M6 99.798 72,1%
57 Volkswagen Golf 99.228 -24,0%
58 BMW 3 Series 98.178 -20,4%
59 Chevrolet Cavalier 97.633 -56,9%
60 GAC Trumpchi GS4 97.539 -57,7%
61 Volkswagen Lamando 95.574 -25,6%
62 Honda Vezel 95.219 -28,6%
63 Toyota Highlander 90.409 -5,8%
64 Chevrolet Sail 90.017 -36,6%
65 BMW X1 89.073 -1,9%
66 Mazda3 88.453 -21,7%
67 Nissan Teana 87.129 -15,5%
68 Hyundai LaFesta 85.697 962,8%
69 Baojun 730 85.653 -10,0%
70 Geely Vision X3 84.775 -25,5%
71 BAIC EU-Series 83.612 237,4%
72 Lexus ES 83.238 57,5%
73 Changan Eado 82.807 11,6%
74 Audi A3 79.779 -8,2%
75 Kia Sportage 79.527 4,2%
76 Hyundai Celesta 78.482 18,9%
77 Mitsubishi Outlander 75.759 -22,1%
78 Volkswagen Teramont 75.218 -1,0%
79 Geely Binrui 75.171 229,6%
80 Baojun 530 75.075 -28,3%
81 Geely Vision 73.825 -47,3%
82 BYD Tang 73.534 43,3%
83 Geely Emgrand GL 73.087 -48,2%
84 Buick Verano 73.034 -58,1%
85 Geely Vision SUV 71.921 -35,0%
86 BYD Song Pro 71.216  
87 Volkswagen Polo 71.198 -47,9%
88 Nissan Tiida 68.872 29,6%
89 Dongfeng Fengguang 580 68.734 -31,9%
89 Dongfeng Glory 580 68.734  
90 Chevrolet Malibu 67.688 -42,9%
91 GAC Trumpchi GS3 67.578 -16,8%
92 BYD Yuan/S2 66.450 96,4%
93 BYD Song MAX 65.713 -50,2%
94 Mercedes A Class 64.366 1704,5%
95 Venucia D60 63.859 9,7%
96 Toyota Yaris L 62.909 23,3%
97 Cadillac XT5 61.966 -16,8%
98 Honda Avancier 61.421 -18,3%
99 Chery Arrizo GX 60.610 755,1%
100 Kia Pegas 60.056 69,3%

 

Fonte: Focus2Move



Aggiungi un commento
Ritratto di Blablabla
14 gennaio 2020 - 11:25
Sono una più brutta dell'altra.
Ritratto di Giuliopedrali
14 gennaio 2020 - 19:25
Le foto riguardano modelli già obsoleti. Comunque tanto in crisi non direi, anche se questi due anni si il mercato è stato sotto le aspettative, diciamo solo che nel 2010 le vendite in Cina hanno raggiunto quelle negli USA, nel 2012 li hanno doppiati... Ecco i livelli erano quelli, insomma si sfioravano i 30 milioni di veicoli all'anno! Un calo è quasi normale.
Ritratto di remor
14 gennaio 2020 - 11:31
Ma quante VW ci sono in classifica...?
Ritratto di Leonal1980
15 gennaio 2020 - 15:07
4
gli ultimi inserimenti di listino anche molto in positivo direi..
Ritratto di remor
14 gennaio 2020 - 11:48
Comunque sia, ora che lì piazzano la fabbrica Tesla, imho, faranno un bel po' di piazza pulita di altri marchi.
Ritratto di Road Runner Superbird
14 gennaio 2020 - 11:53
Da quello che si dice in quasi tutti i commenti su questo sito, pensavo che le elettriche in Cina svettassero ai primi posti, ma mi sembra di non vederle nemmeno neanche nella top 100. Anzi vedo che in gran parte sono marchi occidentali e giapponesi.
Ritratto di 82BOB
14 gennaio 2020 - 13:27
Ci sono... BYD è tra i primi costruttori di vetture elettriche al mondo!
Ritratto di Road Runner Superbird
14 gennaio 2020 - 13:40
Ah ok, dal 82. Pensavo almeno nella top 10 da come se ne parla. Inoltre in Europa e nei paesi anglosassoni mai viste (Sudamerica, Africa e Russia non mi sembrano ancora pronte per l'elettrico, quindi penso nemmeno la)
Ritratto di v8sound
14 gennaio 2020 - 16:42
WOW mi vien da dire... Ripensando ai tanti commenti degli EV fan-boy con la realtà in tasca e la spocchiosa convinzione che noi saremmo gli automobilisti di serie B in virtù delle nostre auto a carbonella!
Ritratto di zero
14 gennaio 2020 - 17:50
11
Povero pedrali... Ora gli toccherà scaricare l'ennesimo aggiornamento del software della sua sfera magica per correggere i bug relativi alla previsione dell'invasione gialla di macchinette a pila su scala planetaria. Persino in un paese motoristicamente privo di storia come la Cina è finita che le elettriche iniziano a non comprarle più neanche con gli incentivi statali...
Pagine