NEWS

ABT RS6-E: ibrida sì, ma con 1.018 CV

7 luglio 2018

Basato sull'Audi RS6, questo prototipo del preparatore tedesco ABT ha in più un motore elettrico da 288 CV per migliorare le prestazioni.

ABT RS6-E: ibrida sì, ma con 1.018 CV

DA 605 A 730 CV - Anche gli elaboratori hanno intuito il potenziale dei motori ibridi, che a differenza di quanto fatto da molte case automobilistiche non vengono messi a punto nell'ottica del risparmio energetico, ma per avere potenze ancora superiori. Il tuner tedesco ABT, da sempre specializzato nelle vetture del gruppo Volkswagen, va in questa direzione e mostra quali risultati si possono ottenere sviluppando un ibrido specifico per un'auto supersportiva, l'Audi RS6, che nella sua versione di serie ha un motore V8 4.0 bi-turbo con 605 CV. Sulla ABT RS6-E invece il 4.0 raggiunge la potenza di 730 CV, grazie ad un sistema di scarico modificato e ad una nuova centralina di controllo motore.

BOOST DI POTENZA - La vera novità della ABT RS6-E consiste nell’aggiunta del motore elettrico E-Power, messo a punto dall'elaboratore tedesco sfruttando l'esperienza maturata nel campionato per monoposto elettriche Formula E, dove la ABT corre dalla prima edizione. In questo caso il motore elettrico non migliora le percorrenze chilometriche, ma funziona essenzialmente come "boost" di potenza (eroga 288 CV) per quando si vogliono ottenere le massime prestazioni in partenza o ripresa. La ABT RS6-E sviluppa complessivamente 1.018 CV, 1.291 Nm di coppia (sono 700 Nm sulla Audi RS6) e scatta da 0 a 100 km/h in 3,3 secondi, 0,4 in meno dell'auto di vendita, mentre la velocità massima sale da 250 a 320 km/h. Il motore elettrico è alimentato da una batteria da 13,6 kWh.

L'IBRIDO È IL FUTURO - La ABT RS6-E è per ora solo un prototipo e la casa di Kempten non ha svelato se e quando lo metterà in vendita, ma è evidente che i preparatori vanno in questa direzione e nei prossimi anni vedremo altri esempi di questo tipo, con motori elettrici affiancati a quelli a benzina per aumentare le presentazioni. Alla RS6-E il preparatore tedesco non ha "risparmiato" modifiche all'estetica, scegliendo ruote maggiorate di 21", profili aerodinamici più vistosi e sospensioni ribassate.

Audi A6 Avant
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
8
2
3
2
5
VOTO MEDIO
3,3
3.3
20
Aggiungi un commento
Ritratto di puccipaolo
7 luglio 2018 - 14:50
5
Perchè?.......
Ritratto di gjgg
7 luglio 2018 - 19:09
1
Potrebbe essere per provare a battere qualche record di tipologia berline-sw in qualche circuito di riferimento. O almeno con oltre 1000HP contro 500 ce la potrebbe fare.
Ritratto di gjgg
7 luglio 2018 - 19:09
1
Potrebbe essere per provare a battere qualche record di tipologia berline-sw in qualche circuito di riferimento. O almeno con oltre 1000HP contro 500 ce la potrebbe fare.
Ritratto di gjgg
7 luglio 2018 - 19:14
1
Anche se ora vedi che ora non arriverà qualcuno a sostenere che chi se la comprerà non lo farà di certo per le prestazioni stradali ma per cose come il livello delle finiture, e l'ergonomia dei comandi, e il comfort di cose come il clima quadrizona. 1000 e passa HP
Ritratto di Onofrio Brillo
7 luglio 2018 - 19:22
La RS6 originale è già la station wagon più veloce del mondo, quello che dici tu invece sono soltanto cagàte senza senso visto che la -E è un prototipo di ABT (insieme a tanti altri) che con Audi non c'entra nulla.
Ritratto di gjgg
7 luglio 2018 - 19:44
1
Io veramente sapevo la E sw AmG con 7:45.2. Che poi alla fine è una sottocategoria a cui fondamentalmente partecipano con certe cavallerie solo loro 2, nemmeno la BMW ci aderisce (nonostante la notevole predilezione dei tedeschi per tale tipologia), che non fa M station wagon mentre fa M per le suv. Un po' come il record dell' altro giorno che leggevo (e nemmeno ricordo più) del suv a 7 posti (come se non fosse un suv come tutti gli altri)
Ritratto di Onofrio Brillo
7 luglio 2018 - 21:07
Veramente la E 63 AMG SW non è mai stata portata al nurburgring dalla Mercedes così come la RS6 non è mai stata portata da Audi. Quindi non puoi sapere in quanto girerebbero, solo le capre possono paragonare i tempi delle riviste con i tempi ufficiali delle case automobilistiche.
Ritratto di gjgg
7 luglio 2018 - 21:24
1
Ce l' avrà portata qualche rivista con tanta volontà e voglia di fare bene che si prende la pista in esclusiva (quindi sgombra di traffico), e ci mette un pilota di ben noto livello (tipo che ci fa anche le gare là) che girerà 1 giorno sì e un altro pure al Ring. Più o meno agevolato di un collaudatore della casamadre che il Nurb lo vedrà 2 giorni l' anno? Chissà
Ritratto di gjgg
7 luglio 2018 - 21:35
1
Per intenderci. Sull' ultimo numero di AV, portate al Ring, la, E Sw Amg fa una mezza dozzina scarsa di secondi meglio della Stelvio Q. È praticamente lo stesso gap che risulta fra le stesse auto l' una portata dal team ufficiale e collaudatore proprio, l' altra dalla rivista tedesca
Ritratto di gjgg
7 luglio 2018 - 21:47
1
Al limite ma proprio al limite, il collaudatore ufficiale potrebbe avere un certo vantaggio se l' auto inizia a essere una hypercar o una macchina praticamente da corsa ma targata. Per berline e suv e sw e affini, seppur nel rispetto della loro potenza, chi è abituato a guidare auto col doppio delle performance (vedi vetture delle varie 24 ore ecc) non penso che rispetto al collaudatore ufficiale non riesca a sfruttare appieno il mezzo.
Pagine