Alfa Romeo Giulia: per la Veloce due nuovi motori

20 settembre 2016

Il 2.0 a benzina da 280 CV e il diesel 2.2 da 210 CV dell'allestimento Veloce sono abbinati a trazione integrale Q4 e cambio automatico.

Alfa Romeo Giulia: per la Veloce due nuovi motori

DOTAZIONI SPECIFICHE - Da fine settembre 2016 entrerà nel listino dell’Alfa Romeo Giulia il nuovo allestimento Veloce (foto sopra), che rappresenta una soluzione intermedia fra la sportivissima Quadrifoglio (510 CV) e le versioni con motore da 150 CV, 180 CV e 200 CV. La Giulia Veloce si avvale di una denominazione lanciata nel 1956, riprende l’estetica della Quadrifoglio e va pertanto considerata un’avversaria delle Audi A4 S line e BMW Serie 3 M-Sport. L’allestimento Veloce viene offerto solo in abbinamento ai nuovi motori a benzina 2.0 da 280 CV e diesel 2.2 da 210 CV, disponibili esclusivamente con il cambio automatico ad 8 rapporti e la trazione integrale Q4. La Giulia Veloce si può ordinare in Italia dal 29 settembre e entrerà in commercio da 50.500 euro, cifra relativa al motore 2.2.

ESTETICA CATTIVA - L’allestimento Veloce fa debuttare inoltre le vernici esterne blu Misano e grigio Silverstone, visibili in anteprima sui due esemplari che verranno esposti al Salone dell’automobile di Parigi (1-16 ottobre). In opzione si possono ordinare i cerchi in lega da 19 pollici, ma l’equipaggiamento di serie è comunque molto ricco: include le appendici aerodinamiche, i sedili profilati, l’impianto di scarico sportivo, i fari anteriori allo xeno e dettagli in alluminio sulla plancia, sui pannelli interni delle portiere e sul tunnel centrale. Di serie anche il climatizzatore bizona, il sistema di guida Alfa DNA, il sistema multimediale con schermo da 6,5 pollici e una serie di tecnologie per la sicurezza, come il regolatore di velocità adattivo e quelle di assistenza alla frenata d’emergenza, al cambio di corsia e per il riconoscimento dei pedoni. 

INTEGRALE QUANDO SERVE - La trazione integrale Q4 determina un incremento della massa dell'Alfa Romeo Giulia pari a 60 chili e non influisce sul piacere di guida, visto che il 100% della coppia è inviato di norma alle ruote posteriori. Quando le ruote posteriori stanno per slittare, una scatola di rinvio indirizza fino al 60% della coppia alle ruote anteriori e migliora così la presa sul terreno. Il motore diesel 2.2 produce 210 CV a 3.500 giri e una coppia di 470 Nm a 1.750 giri è costruito in alluminio e adotta un turbocompressore a geometria variabile ad attuazione elettrica, tecnologia scelta per garantire vantaggi in termini di efficienza e risposta ai comandi dell’acceleratore. Il 2.0 benzina sviluppa 280 CV a 5.250 giri, eroga 400 Nm a 2.250 giri e impiega il sistema MultiAir per la gestione delle valvole, oltre all’iniezione diretta del carburante e ad un sistema di sovralimentazione 2 in 1. Il 2.0 è costruito nell’impianto di Termoli (in provincia di Campobasso), il 2.2 in quello di Pratola Serra (Avellino). 

ANCHE A BASSO CONSUMO - Al Salone dell’automobile di Parigi sarà presente anche l'allestimento Advanced Efficiency dell'Alfa Romeo Giulia (foto qui sopra), dedicata alle aziende e studiata per limitare i consumi di gasolio. Grazie ad una serie di accorgimenti specifici, come ad esempio i rapporti del cambio dedicati, il motore 2.2 da 180 CV assicura percorrenze medie nell’ordine dei 25 chilometri con un litro di benzina e produce 99 g/km di anidride carbonica. Fra le novità della Giulia Advanced Efficiency ci sono anche l’assetto ribassato (-5 mm), cerchi in lega inediti e pneumatici nella misura 205/60 R16, adatti per tagliare in consumi in quanto offrono una minora resistenza al rotolamento. L’allestimento Advanced Efficiency non compromette le prestazioni, visto che la velocità massima è di 230 km/h e che l’accelerazione 0-100 km/h viene portata a termine in 7,2 secondi. Sarà in vendita da inizio 2017.

Alfa Romeo Giulia
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
1058
176
65
43
85
VOTO MEDIO
4,5
4.456905
1427
Aggiungi un commento
Ritratto di Sepp0
20 settembre 2016 - 16:57
Notevole. Ad avere i soldi... :(
Ritratto di Rock_оr_bust
20 settembre 2016 - 18:26
Non preoccuparti che la clientela seria la troveremo lo stesso, anche senza il tuo contributo.
Ritratto di DavideVR46
20 settembre 2016 - 19:20
Fatevi una vita. Fate sess0, trovatevi un lavoro e inquadratevi nella vita. Trollare non è considerato un lavoro
Ritratto di luperk
20 settembre 2016 - 18:57
ATS e A4 tutta la vita comunque
Ritratto di DavideVR46
20 settembre 2016 - 19:20
In cosa se posso? Senza polemica ovvio. I gusti non si discutono
Ritratto di Lelegear
20 settembre 2016 - 21:30
Mmmmh!! In tutto è molto esagerato! Il tuo commento è di parte, si capisce, non è da amatore di auto. Dove eccelle la A4 è finiture assemblaggi e tecnologia, proprio i punti deboli della Giulia, ma per il resto la Giulia è la migliore del segmento, il nuovo punto di riferimento.
Ritratto di Luzzo
21 settembre 2016 - 09:48
ma il confronto delle vendite che c'entra? la golf è meglio della a3 perché vende di più?
Ritratto di luperk
20 settembre 2016 - 22:18
la A4, nella sua ultima versione con trazione quattro (2.0 TFSI e 3.0 TDI) ha doti di confort e tenuta di strada di altissimo livello. La ATS, fino adesso, è l'unica che riesce a tenerle testa in sportività, da quanto emerge nelle comparative. Ora, tralasciando i giudizi estetici, il progetto giulia sembra ben fatto, e mentre la QV è probabilmente superiore alle rivali quali M4, ATS V e C 63 (la futura RS4 dovrebbe debbuttare a marzo), deve ancora dimostrare qualcosa nelle versione di cilindrata medio-alta (250-300 cv). L'ultima serie 3 (2012) ha uno sterzo deludente a differenza di quella del 2005, e non è il benchmark della categoria che appartiene ora a ATS e A4. Anche XE e Lexus IS sono prodotti vicinissimi ad audi e cadillac, ma non altrettanto sportivi.
Ritratto di luperk
20 settembre 2016 - 22:21
ovviamente io mi riferisco al concetto "sport sedan" nella sua forma migliore, ossia cerchi da 19', motore 4 cilindri turbo da 250-300 cv e trazione integrale e sportiva. Perchè è troppo facile giudicare "sportivamente" una A4 sw (o meglio chiamarla, versione cassa da morto) col tdi base da 120 cv e la trazione anteriore e dire "ecco, l'audi non sarà mai a livello di bmw perchè ha la trazione dalla parte sbagliata" Mele a mele, pere a pere.
Ritratto di luperk
20 settembre 2016 - 22:23
p.s. trazione integrale o posteriore* motore 4 cilindri turbo a benzina*
Pagine