NEWS

I prezzi dell'Alfa Romeo Stelvio 2020

di Paolo Alberto Fina
Pubblicato 23 dicembre 2019

Il listino dell'Alfa Romeo Stelvio “model year” 2020, rinnovata soprattutto nella tecnologia elettronica, parte da 47.500 euro

I prezzi dell'Alfa Romeo Stelvio 2020

ANCHE A TRAZIONE POSTERIORE - Da gennaio 2020 sarà nelle concessionarie la versione aggiornata dell'Alfa Romeo Stelvio, quasi invariata nel look, ma dotata del sistema multimediale connesso alla rete e di nuovi aiuti alla guida (leggi qui il primo contatto). Il listino prezzi parte da 47.500 euro, riferiti al modello con trazione posteriore, motore turbodiesel 2.2 da 160 CV e allestimento base. La Stelvio Super, a parità di motore e trazione, costa 3.000 euro in più, mentre la Stelvio a benzina meno costosa ha un prezzo di 55.500 euro: è la 2.0 da 200 CV con trazione integrale. 

COSA OFFRE - L’Alfa Romeo Stelvio 2020 è disponibile in 7 allestimenti. Quello base prevede cerchi di 17”, due scarichi, volante in pelle, “clima” automatico, schermo a sfioramento di 8,8” nella consolle, frenata automatica e sistema contro l’involontario cambio di corsia, mentre la Super aggiunge i cerchi di 18”, i fari allo xeno e la compatibilità con Android Auto e Apple CarPlay per il sistema multimediale. A 1.000 euro in più c’è la Business: ha i cerchi di 17”, ma il regolatore di velocità adattativo e l’accesso a bordo senza chiave. La Sprint costa 3.000 euro in più della Super, e offre il volante sportivo in pelle, i cerchi di 19”, dettagli esterni neri, il regolatore di velocità adattativo ed i sensori di distanza anteriori. 

DI SERIE GLI AIUTI ALLA GUIDA - Più cara di 3.000 euro rispetto alla Business, l’Alfa Romeo Stelvio Executive ha i cerchi di 19”, il volante in pelle, il monitoraggio dell’angolo cieco negli specchietti, il sistema contro l’involontario cambio di corsia, il sistema che riproduce i cartelli stradali nel cruscotto e quello che monitora lo stato di affaticamento del guidatore, consigliandogli di effettuare una sosta se percepisce segni di assopimento. Al top ci sono le Ti e Veloce: la prima costa 4.500 euro in più della Executive, ma aggiunge le regolazioni elettriche per i sedili, il volante in pelle riscaldato, i cerchi di 19”, la ricarica senza filo per gli smartphone e il regolatore di velocità con funzione di arresto e ripartenza nel traffico a “singhiozzo”, mentre la Veloce (4.500 euro in più della Sprint) comprende i sedili in pelle, i cerchi di 20”, i paraurti in tinta con la carrozzeria e tutti i sistemi di assistenza alla guida.

I PREZZI

  PREZZI IN EURO
MOTORE BASE SUPER BUSINESS SPRINT EXECUTIVE VELOCE TI
2.0 AT8 Q4 200 CV     55.500  57.500 58.500    
2.0 AT8 Q4 280 CV           65.200 66.200
2.2 AT8 RWD 160 CV 47.500 50.500 51.500        
2.2 AT8 RWD 190 CV     54.000 56.000 57.000    
2.2 AT8 Q4 190 CV     56.700 58.700     64.200
2.2 AT8 Q4 210 CV           64.200 65.200
Alfa Romeo Stelvio
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
554
163
105
116
164
VOTO MEDIO
3,8
3.750455
1102




Aggiungi un commento
Ritratto di remor
23 dicembre 2019 - 20:15
E soprattutto ha ancora la trazione tendenzialmente posteriore quando invece il must in zona premium è sempre più sulla trazione anteriore ;
Ritratto di remor
23 dicembre 2019 - 20:42
Intanto, partendo dal basso dei segmenti ma un po' alla volta rosicchiando verso l'alto, i marchi premium tradizionali laddove trovano un minimo di motivazione vanno addirittura di sola di trazione anteriore. Una Stelvio trazione SOLO posteriore (come fra l'altro sottolineato appositamente dal grassettato del primo paragrafo) inizia a essere una certa rarità (ancor più se si pensa che trattasi di suv)
Ritratto di remor
23 dicembre 2019 - 21:02
None. I listini delle premium si stanno sempre più a riempire di sole trazioni anteriori; quelle 60/40 verranno presumibilmente a breve soppiantate dalle meno costose (ma tanto sempre premium restano perché hanno i led e i controlli disinseribili e vengono fatte in paesi non da terzo mondo tipo il nostro, ma bensì fatte in paesi tipo il Mexico piuttosto che Slovacchia o Cina, rinomate nazioni stroricamente costruttrici di auto fra l'altro) trazioni anteriori
Ritratto di remor
23 dicembre 2019 - 21:28
Non c'è niente da spiegare non esistendo alcun TUTTE 60-40: basta aprire un qualsiasi listino e appurare che tutte le varie A1 e Mini e A3 e (nuova)1er e A-Class più gettonate e vendute sono trazione anteriore. Già questo basta senza nemmeno andare poi a tiràre in ballo le varie più vendute X1 e X2 e Q2 e Q3 ecc.ecc.ecc. Che lo ripeto quindi a fare per l'ennesima volta che è una tendenza che sta man mano salendo di segmento (in verità penso addirittura la ammiraglia fra le sportive A7 già abbia anche lei almeno una versione a benzina e una diesel fra quelle a listino con la sola trazione anteriore: i soliti precursori dei tempi in Audi)
Ritratto di Vincenzo1973
24 dicembre 2019 - 13:22
Lascia stare remor, fosse stato una della triade ad essere solo Tp avrebbe detto il contrario.
Ritratto di neuropoli
26 dicembre 2019 - 00:25
@CVT8: sarei più propenso per un 55% post e 45% ant.
Ritratto di Alexmin
23 dicembre 2019 - 20:33
Non discuto sulle qualità tecniche ma vista è valutata per l’acquisto non regge il confronto con la concorrenza per quanto riguarda gli interni e gli accessori. È chiaro che dipenda da ciò che ognuno cerca, io non dovendo correre in pista preferisco altro.
Ritratto di remor
23 dicembre 2019 - 20:37
Top nel segmento in quanto ad opulenza penso sia la Velar (rispetto al panorama della concorrenza sembra quasi un mezzo segmento sopra); se il resto è da considerarsi premium all'inglese vista per strada le si darebbe più della luxury
Ritratto di remor
23 dicembre 2019 - 20:44
Improbabile, visto che in genere le piste hanno anche le curve. Più probabile forse in Autobahn
Ritratto di remor
23 dicembre 2019 - 21:31
E' indifferente. Ci vanno i tester professionisti nazionali e internazionali che poi riportano i risultati sulle varie riviste e sui siti tipo il presente su cui si sta a commentare
Pagine