NEWS

Alfa Romeo Tonale: in vendita all'inizio del 2022

Pubblicato 05 gennaio 2021

La suv Alfa Romeo Tonale sarà presentata a settembre di quest'anno per essere nelle concessionarie all’inizio del 2022, anche in versione ibrida plug-in.

Alfa Romeo Tonale: in vendita all'inizio del 2022

TANTE RIVALI - Suv e crossover fanno la parte del leone nell’attuale mercato dell’auto e così, per andare in contro alle richieste dei clienti, le case automobilistiche stanno sfornando sempre più modelli, di tutte le taglie. È il caso dell’Alfa Romeo Tonale, svelata sotto forma di prototipo a marzo 2019. Questa nuova suv lunga circa 450 cm andrà a posizionarsi in una fascia di mercato assai importante, la medesima di BMW X1 e X2, Audi Q3 e Q3 Sportback e Mercedes GLA, senza dimenticare le Nissan Qasqhai e Volkswagen T-Roc. 

ANCHE IBRIDA - Ora sappiamo che l’Alfa Romeo Tonale dovrebbe essere svelata a settembre 2021 e arrivare sul mercato all’inizio del 2022. Sono quasi tre anni dalla presentazione del prototipo, un tempo piuttosto lungo, ma bisogna considerare che la FCA (il gruppo del quale fa parte l’Alfa Romeo) ha dovuto nel frattempo rinnovare l’impianto produttivo di Pomigliano d’Arco, dove sarà costruita, che ha ricevuto interventi per 1 miliardo di euro proprio in vista del suo arrivo. La Tonale condivide la meccanica con la Jeep Compass, anch’essa prodotta a Pomigliano, quindi sarà disponibile in versione ibrida plug-in con 240 CV. Non mancheranno i classici motori a benzina e diesel, la trazione anteriore o 4x4.

LINEA SPORTIVA - Come dimostrano le immagini di questa pagina, che ne svelano l'aspetto definitivo (sono state scattate nell'ottobre 2019 presumibilmente durante un test di gradimento segreto e poi trapelate online sul forum AutoPareri), l’Alfa Romeo Tonale è una suv dal look dinamico, in linea con la vocazione del marchio. Non manca il classico scudetto nel frontale, affiancato da sottili fari alla base del cofano, e fiancate segnate da pronunciati passaruota che donano dinamismo all’insieme. Al posteriore, i fanali a sviluppo orizzontale sono collegati una striscia luminosa, come vuole la moda del momento. All'interno, l'alloggiamento della strumentazione riprende la classica forma tondeggiante delle Alfa Romeo, ma al suo interno non ci sono più gli strumenti a lancetta, bensì un moderno schermo Lcd. Al centro l'ormai immancabile display del sistema multimediale posizionato a sbalzo.

Alfa Romeo Tonale
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
140
35
43
38
41
VOTO MEDIO
3,7
3.656565
297




Aggiungi un commento
Ritratto di BioHazard
5 gennaio 2021 - 15:19
Ovviamente quelle foto non sono del modello definitivo, per cui si astengano i criticoni delle plastiche e dei fari. Il modello definitivo sarà presentato a settembre.
Ritratto di desmo3
5 gennaio 2021 - 15:25
6
In un recente video di automoto.it si diceva che quelle foto sono relative al modello base. Quando sarà presentato ufficialmente dovrebbe avere delle sembianze più attraenti.
Ritratto di BioHazard
5 gennaio 2021 - 16:49
Non sono del modello base, è un modello statico che non ha neanche le ottiche dei fari. Se ci fai caso i fari anteriori sono vuoti. E gli interni sono super posticci
Ritratto di desmo3
5 gennaio 2021 - 17:04
6
Certo che ci ho fatto caso, ho solo riportato quanto detto da Matteo Valenti nel video, giusto o sbagliato che sia.
Ritratto di katayama
5 gennaio 2021 - 17:17
Sì, ma un problema del "trifaro" di 159 e Brera erano i flussi aerodinamici. Il cx ne risultava abbastanza penalizzato (accadeva la stessa cosa alla Chevrolet Aveo). La carenatura, quindi, ci vuole. Le ottiche interne dovranno definire la futura firma luminosa di Alfa. Stessero attenti... Meglio tre faretti tondi, tipo "angel eyes bmw" o un profilo simile, dei tre denti di sеga del prototipo, visivamente ruvidi e che poco s'accordano con le linee morbide della carrozzeria. I gruppi ottici tripartiti dovrebbero diventare un tratto distintivo di tutti i modelli Alfa (dalla SZ, su base 75), così come il lato interno angolato e accigliato (dalla 75, l'ultima "vera").
Ritratto di desmo3
5 gennaio 2021 - 17:22
6
va detto che la firma luminosa Alfa, con i ritmi di una novità ogni decennio, praticamente cambia a ogni modello... neanche per Giulia e Stelvio è uguale, quindi non la vedo una cosa così identitaria... è il solito mischione all'italiana appreso da FIAT (family feeling zero)
Ritratto di katayama
5 gennaio 2021 - 17:34
In realtà dovrebbero cominciare già col restyling di Giulia e Stelvio di quest'anno. E spero che siano stati abbastanza lungimiranti. La Brennero dovrà però essere riconoscibilissima, quindi la definizione dello stile Alfa, in ogni dettaglio, parte da questo modello. Devono cambiare corso per forza, perché di caratteristiche identitarie ce ne saranno sempre meno.
Ritratto di desmo3
5 gennaio 2021 - 17:37
6
sono d'accordissimo, ma il problema è che quando diluisci queste novità/restyling nell'arco di un decennio poi è inevitabile che quell'impronta stilistica nel frattempo sia già superata e quindi bisogna inventarsene una nuova per provare a vendere qualcosa
Ritratto di rollotommasi
6 gennaio 2021 - 11:35
Senza riuscirci
Ritratto di Andre_a
5 gennaio 2021 - 17:53
9
Io sapevo che il problema del trifaro è che non è omologabili negli Stati Uniti
Pagine