NEWS

Auto ibride: il Ministero le classifica in tre fasce

Pubblicato 23 dicembre 2019

La diversa classificazione delle ibride in base alle emissioni di CO2 potrebbe preludere all'introduzione di benefici differenziati.

Auto ibride: il Ministero le classifica in tre fasce

NON SONO TUTTE UGUALI - Al motore termico, le auto ibride ne affiancano uno elettrico. Nel caso delle ibride cosiddette mild, o ibride leggere, si tratta di un motore a bassa potenza che interviene per lo più nello spunto e nelle frenate. Le ibride full hanno motori elettrici più potenti (e batterie più capienti), che sono in grado di spingere l'auto fino ad una certa velocità ed aiutare il motore termico aumentandone il brio. Le ibride plug-in sono ibride full con batterie ricaricabili da una sorgente esterna e quindi consentono di percorrere anche decine di chilometri con la sola propulsione elettrica. Queste tre tipologie di auto, sebbene diverse, sono talvolta considerate allo stesso livello per quel che riguarda agevolazioni sul bollo, parcheggi sulle strisce blu, accesso alle Ztl e permessi di circolazione. Questa situazione potrebbe cambiare, stando ad una recente circolare del Ministero dei Trasporti. 

TRE FASCE - Il Mit ha deciso infatti di suddividere le ibride in tre fasce di emissione, in base alle emissioni di anidride carbonica (CO2) fatte registrare in fase di omologazione (secondo il ciclo Nedc) e riportare al rigo V.7 della carta di circolazione. Nel Gruppo 1 ci sono quelle vetture che emettono fino a 60 g/km (attualmente presidiato dalle ibride plug-in), nel Gruppo 2 quelle tra i 61 e i 95 g/km (dove ricadono le ibride full, quelle non ricaricabili dall’esterno) e nel Gruppo 3 quelle oltre i 95 g/km (dove attualmente troviamo le ibride mild). Scopri qui sotto i modelli nelle varie fasce di emissioni:

> Le auto che emettono fino a 60 g/km
> Le auto che emettono da 61 a 95 g/km
> Le auto che emettono oltre 95 g/km

Appare evidente, per quanto il Ministero non lo abbia dichiarato, che questa suddivisione potrebbe servire in futuro per concedere differenti benefici in funzione della CO2 emessa.





Aggiungi un commento
Ritratto di 82BOB
23 dicembre 2019 - 19:33
Mi sembra giusto!
Ritratto di desmo3
24 dicembre 2019 - 08:25
6
sacrosanta e aggiungerei "finalmente!"
Ritratto di Mamg
23 dicembre 2019 - 19:33
Mi sembra corretto.. le mild hybrid sono una presa in giro.. molto più simili ad auto tradizionali che ibride..
Ritratto di 82BOB
23 dicembre 2019 - 20:05
Credo che la presa in giro sia stata considerarli al pari di un ibrido plug-in! In realtà è un sistema efficiente che aiuta a ridurre le emissioni di CO2 e io lo metterei d'obbligo in tutte le vetture, ma è giusto incentivarle! Trovo meno vantaggiose le full, una via di mezzo per costi e pesi... ma è giusto che visto che fanno meno CO2 abbiano diritto ad un incentivo!
Ritratto di 82BOB
23 dicembre 2019 - 20:06
"...ma NON è giusto..." sorry!
Ritratto di v8sound
23 dicembre 2019 - 22:39
Cioè siccome fanno meno CO2 non è giusto siano incentivate?
Ritratto di 82BOB
24 dicembre 2019 - 05:40
Se ho scritto che lo metterei obbligatorio, perché dovrei incentivarlo a quel punto?
Ritratto di v8sound
24 dicembre 2019 - 14:56
A leggere il tuo post, sembrava riferito alle full hybrid più che alle mild.
Ritratto di 82BOB
24 dicembre 2019 - 15:27
Probabile ho scritto male... l'ibrido leggero lo metterei d'obbligo perché consente di recuperare energia che altrimenti andrebbe sprecata, riduce un poco la CO2 e non aggravia il peso della vettura più di tanto... a quel punto toglierei ovviamente ogni incentivo! Il plug-in, come le elettriche con range extender, li ritengo soluzioni idonee per l'attuale rete di ricarica, mentre le full, anche se comunque ecologiche, mi sembrano un sistema né carne né p3sce, però merita l'incentivo!
Ritratto di Jumputer
24 dicembre 2019 - 18:23
Secondo me queste fasce serviranno sicuramente per "sistemare" le auto nel loro giusto posizionamento . Si rischia che con un motorino elettrico da 15 Cv (le mild-hybrid) e con emissioni CO2 percentualmente decine di volte superiori alle Full-Hybrid diventino magicamente "ibride" perchè soprattutto la KBA tedesca le ha omologate come tali anche mostri da 2T. Pensate che , magari, non pagano la ecotassa (quella per auto sopra il 160g/km di Co2) perchè "ibride" con una % di elettrico ridicola rispetto al termico. Una ibrida Full l'elettrico come CV può raggiungere il termico o quasi (CHR 99 CV termico 72 Cv elettrico) Yaris (75 Cv termico 61Cv Elettrico) Audi S8 Mild Hybrid (571Cv termico elettrico non lo scrivono per evidente "barzelletta" ) ed è omologata come ibrida . Forse, anche in Italia, dopo il dieselgate, quello che fa la KBA non è preso per oro colato...
Pagine