NEWS

Biasion e Fisichella testimonial della Giornata per la Consapevolezza sull’Autismo

Pubblicato 01 aprile 2021

Diversi personaggi dello sport e dello spettacolo sono protagonisti di un video per sensibilizare su un problema che affligge molti ragazzi.

Biasion e Fisichella testimonial della Giornata per la Consapevolezza sull’Autismo

UN VIDEO PER SENSIBILIZZARE - Il 2 aprile si celebra la “Giornata Mondiale per la Consapevolezza sull’Autismo”, istituita nel 2007 dall’Assemblea Generale dell’ONU con l’obiettivo di richiamare l’attenzione sui diritti delle persone con sindrome dello spettro autistico e delle loro famiglie. Sensibilizzare su un problema che coinvolge tantissimi ragazzi e chi sta loro vicino è fondamentale, soprattutto in questo periodo delicato che sta vivendo il nostro Paese, sul piano sanitario e non solo. E sono diversi i personaggi famosi che hanno deciso di fare da testimonial in un video (qui sotto) per sottolineare quanto sia importante non dimenticare né lasciare solo chi si trova in difficoltà. 

LE TESTIMONIANZE DI BIASION E FISICHELLA - Ad aderire al progetto ci sono anche due ex piloti amatissimi dagli appassionati di motori. Si tratta di Miki Biasion, due volte campione del mondo di Rally nel 1988 e nel 1989, che aveva esordito nel Campionato Italiano Rally al volante di una Opel Kadett GT/E nel 1979. Non sono mancati i successi anche recentemente: nel 2011 ha infatti vinto il Rally di Monaco su Iveco, affiancato da Giorgio Albiero e Livio Diamante. L’anno successivo ha poi partecipato nuovamente al Rally Dakar conquistando tre pappe e concludendo al sesto posto s camion Iveco. Ad affiancarlo in questo progetto c’è un collega che ha militato per anni in Formula 1, Giancarlo Fisichella, che ha esordito nel Circus nel 1996, uno dei talenti di casa Minardi. In carriera il romano può vantare 231 Gran Premi, con 275 punti conquistati e quattro pole position. Il pilota ha scritto anche un libro per raccontare l’esperienza e le emozioni vissute in pista, “Il profumo dell’asfalto”, avvalendosi della collaborazione di Carlo Baffi. 

VIDEO




Aggiungi un commento