NEWS

Blocchi del traffico per le diesel Euro 6: inutili e dannosi

Pubblicato 21 gennaio 2020

Gaetano Thorel, direttore generale di PSA Italia, interviene sul provvedimento del Comune di Roma.

Blocchi del traffico per le diesel Euro 6: inutili e dannosi

LA SCINTILLA - I recenti blocchi alla circolazione previsti anche per i moderni diesel Euro 6 dalla giunta comunale di Roma non potevano non provocare polemiche e prese di posizione. La decisione della Raggi ha innescato la giusta scintilla della protesta. Tra gli automobilisti e tra gli addetti ai lavori. Come nel caso del recente comunicato di Gaetano Thorel, direttore generale di PSA Italia (nella foto), che stigmatizza senza mezze misure la scelta della giunta capitolina. Perché, sostiene appunto Thorel “la lotta all’inquinamento nelle nostre città deve essere affrontata in maniera seria e non con provvedimenti locali estemporanei che oltre ad essere inefficaci creano parecchia confusione nei cittadini, nei clienti e anche nelle nostre aziende”.

ZERO EMISSIONI - Ma non basta: Thorel rincara la dose affermando, giustamente, che “i diesel di ultima generazione hanno emissioni di particolato e di ossidi di azoto uguali ai veicoli benzina e prossimi allo zero e non devono essere penalizzati in alcun modo. Al contrario di molte vecchie auto a benzina, come le Euro 3, spesso erroneamente confuse come ecologiche”. Uno sfogo passionale ma rigoroso che peraltro non si limita alla pura e semplice difesa delle diesel Euro 6 perché: “ in maniera altrettanto chiara, dobbiamo spiegare ai cittadini come gli unici veicoli in grado di garantire una mobilità a zero emissioni sono i 100% elettrici o gli ibridi plug-in ricaricabili, ovvero “con la spina”. Più chiaro di così…
 



Aggiungi un commento
Ritratto di Road Runner Superbird
21 gennaio 2020 - 15:29
È chiaro che sono provvedimenti scritti da ignoranti in materia e mossi solo da questioni ideologiche, per scaricare tutte le responsabilità sulle auto. Ogni volta viene verificato che questi blocchi non servono a niente e ogni volta li ripropongono. O sono scemi loro o ci prendono per scemi a noi.
Ritratto di Angi0203
22 gennaio 2020 - 11:49
purtroppo dopo quello che ha fatto VAG (un grazie a tutti quelli che continuano ad acquistare vetture del suddetto gruppo), un discorso basato sui fatti (soprattutto se proveniente dall'industria automobilistica) è diventato difficile ... molto difficile
Ritratto di Er sentenza
22 gennaio 2020 - 13:11
Prego, caro angi0203, visto che io ne ho una, anche se a benzina.Poi ci spiegherai cosa hanno di diverso i motori Vag dagli altri, se inquinano di piu' e perche'. Prima di dare dell'ignorante agli altri forse e' meglio verificare se si conosce almeno la tabellina del due.PS un grazie a tutti gli ultras anglo-franco-olandesi che continuano ad insultare a casaccio i marchi tedeschi rendendo stimolante il dibattito. Comprati una Lancia...opss non ne fanno piu'....
Ritratto di supermax63
22 gennaio 2020 - 20:51
Il Dieselgate è scoppaito grazie al Gruppo Volkswagen
Ritratto di Angi0203
25 gennaio 2020 - 14:05
non posso che ripetermi: un discorso sul tema basato su fatti e numeri è diventato quasi impossibile dopo il fattaccio VAG. Tutto il resto lo ha aggiunto lei e non mi sembra pertinente al mio posting. Mi viene poi difficile capire come Il fatto di prendere atto che VAG ha truffato sia una offesa ai marchi tedeschi.
Ritratto di Oxygenerator
22 gennaio 2020 - 13:58
@ Angi0203 Prego. Mi scusi ma i provvedimenti sul traffico, coi vari blocchi auto sono iniziati anni prima del diesel gate. Tanti anni prima. Le domeniche a piedi. Negli anni 90. Non è che adesso, per qualsiasi cosa, è colpa di Wag.
Ritratto di Angi0203
25 gennaio 2020 - 14:18
diciamo che 25 o 30 anni fà i vari blocchi avevano avevano cause diverse (crisi petrolifera ecc.). Con l'introduzione delle classi EUROx dal 1993 l'intenzione è chiaramente quella di ridurre le emissioni nocive ed in questo il caso VAG purtroppo è dannoso nel discorso pubblico. Se poi l'obiezione giusta viene, come in questo caso, dall'industria automobilistica, la reazione della maggioranza (quella che ignora) è subito negativa.
Ritratto di ALAIN PROST
22 gennaio 2020 - 14:51
I politici sono mediamente impreparati, arroganti, supponenti etc. etc. e di conseguenza quando sono chiamati a prendere delle decisioni diventano anche dannosi, in quanto prendono le decisioni sbagliate; vuoi perché non sono all'altezza della situazione ma vuoi anche perché prendono le decisioni più comode per loro, ovvero scaricano i problemi sulle spalle dei cittadini e si fanno belli perché possono vantarsi di aver fatto "qualcosa" per risolvere un problema. A fare il politico così son buoni tutti. Anzi no, sono capaci solo loro!
Ritratto di Mbutu
21 gennaio 2020 - 15:34
Adesso mi aspetto anche una ferma presa di posizione dal presidente della "Strutti ed Oli spa" su quanto sia salutare la cucina fritta. PS: e comunque se ci tengono si possono sempre bloccare anche i benzina euro 3.
Ritratto di Pavogear
21 gennaio 2020 - 19:47
Beh immagino capirai che un possessore di diesel euro 6 si può sentire preso in giro se si vede costretto a non poter utilizzare la sua macchina quando nella stessa città circolano autobus a gasolio euro 3 o inferiori. E sempre l'automobilista del veicolo euro 6, ma anche euro 4 o 5 se non inferiore se l'auto è a benzina, potrà un attimo sentirsi preso per in giro vedendosi costretto ad andare a piedi quando nella stessa città è pieno di edifici con impianti di riscaldamento inefficienti e vecchi di quarant'anni che inquinano come un centinaio di veicoli messi insieme. Perché se nessuno degli amministratori locali l'avesse ancora notato, stranamente i problemi del particolato vengono sempre fuori d'inverno e mai d'estate e guardacaso. Poi comunque, giusto per precisare, l'eccesso di grassi saturi fa tanto male quanto l'eccesso di vitamine o di proteine
Pagine