NEWS

BMW M2 CS: per la strada e la pista

Pubblicato 06 novembre 2019

Derivata dalla M2 Competition, ha il 3.0 potenziato a 450 CV e sarà prodotta in 2.200 esemplari.

BMW M2 CS: per la strada e la pista

DA USARE O COLLEZIONARE? - CS sono due lettere “magiche” per i fan della BMW, che in questa sigla vedono automobili a tiratura limitata con cui divertirsi su strada e soprattutto in pista. Non fa eccezione la BMW M2 CS, il cui debutto è previsto al Salone dell’auto di Los Angeles (dal 22 novembre), serie speciale di 2.200 esemplari in produzione da marzo 2020 che rappresenta un ulteriore miglioramento della M2 Competition, fra le coupé compatte ad alte prestazioni più divertenti sul mercato, grazie al peso ridotto e alla trazione posteriore. Il prezzo della M2 CS è di circa 100.000 euro.

40 CV IN PIÙ - Il reparto sportivo della casa tedesca, il celebre BMW M, ha concentrato le attenzioni sul motore della BMW M2 CS, lo stesso 6 cilindri biturbo 3.0 della M2 Competition (nome in codice S55): ha un sistema di lubrificazione studiato per la guida in pista e guadagna 40 CV, per un totale di 450 CV, mentre la coppia rimane di 550 Nm. L’incremento delle prestazioni ha portato la BMW M a migliorare il raffreddamento del motore, che riceve un maggiorato flusso di aria fresca grazie all’inedita apertura nel cofano.

MANUALE O ROBOTIZZATO - Al 3.0 si abbina il cambio manuale a 6 rapporti, dotato della funzionalità per ottimizzare i cambi marcia nella guida al limite. Si paga a parte invece il robotizzato doppia frizione DCT con 7 rapporti, che prevede la palette al volante per cambiare marcia manualmente e le modalità Efficient, Sport e Sport+, utili al guidatore per scegliere fra cambiate meno secche (per la guida di tutti i giorni) o in stile GP. La velocità massima dichiarata della BMW M2 CS è di 280 km/h, il tempo per lo 0-100 km/h varia in funzione del cambio: la M2 CS DCT ha bisogno di 4,0 secondi, la manuale di 4,2 secondi. 

RACING IN TUTTO - Per migliorare le doti su strada della BMW M2 CS sono presenti di serie le sospensioni a controllo elettronico Adaptive M, utili per far cambiare carattere all’auto in funzione dello stile di guida: in Comfort smorzano meglio le asperità, in Sport diventano più dirette e in Sport+ aiutano il pilota a “dipingere” traiettorie più precise fra una curva e l'altra. Non mancano poi il differenziale posteriore Active M Differential, per gestire al meglio la trazione fra le ruote posteriori, e l’impianto frenante sportivo con dischi da 40 cm di diametro per l’asse anteriore e da 38 cm per quello posteriore. Optional i freni in materiale composito.

TANTO CARBONIO - Il look corsaiolo della BMW M2 CS è messo in evidenza da particolari in fibra di carbonio per la carrozzeria, come il labbro con funzione aerodinamica nel fascione anteriore, il cofano anteriore, il tetto, l’estrattore d’aria e lo spoiler posteriore. Sono distintivi anche i cerchi di 19” (optional con vernice oro) e la tinta esterna blu Misano, un classico delle BMW M. All’interno spiccano invece i sedili sportivi a guscio in Alcantara, un tessuto dal gusto racing più leggero della pelle, e il volante sportivo con cuciture a contrasto.

BMW Serie 2 Coupé
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
158
85
47
25
52
VOTO MEDIO
3,7
3.741145
367


Aggiungi un commento
Ritratto di 6 in linea
6 novembre 2019 - 11:18
C@zz@ SI!
Ritratto di Gwent
6 novembre 2019 - 11:27
2
Per me a questo punto conviene prendere la Supra la quale è, imho, assai più bella, e da quanto ho letto è stata affinata con cura da Gazoo Racing nella messa a punto dell'handling. Ha 110 hp in meno ma le prestazioni sono li per li nello 0-100 (4,3 per la Supra) e in mezzo ci ballano ben 33.000€ di meno cioè una segmento C premium non esattamente basic. Però questo naturalmente imho e con rispetto parlando. Un saluto. Il Gwent.
Ritratto di Pavogear
6 novembre 2019 - 13:09
Si, la Supra è esteticamente più bella. I 110 cavalli in meno si percepiranno sicuramente, perché lo 0-100km/h non è indice di prestazione assoluta. Ma ti direi che anche 340 cavalli, per 30000 euro in meno, bastano e avanzano. I problemi della Supra, a mio avviso, sono due: il primo è il cambio, che è disponibile solo robotizzato e non c'è il manuale (cosa non da poco in questo genere di auto); il secondo è l'orribile sistema di controllo che da delle piccole pinzate ai freni in percorrenza di curva, che è una delle peggiori cose che si possano fare visto che in questo modo si rischia di non avere la stessa stabilità garantita da altri tipi di controllo della velocità ed inoltre a lungo andare distruggere dischi e pastiglie. Per il resto, ad avere la disponibilità economica, sarebbe una bella scelta
Ritratto di Andre_a
6 novembre 2019 - 13:40
Questa é una versione a tiratura limitata, la M2 "normale" costa qualche centinaio di euro in meno della Supra.
Ritratto di neuro
6 novembre 2019 - 22:42
@Andre_a: ed ha 70cv in più!
Ritratto di remor
6 novembre 2019 - 13:55
100 mila iniziano ad essere veramente tanti e ci si inciampa col segmento superiore dove ad esempio con una Giulia Q vai come la tedesca (presumo), ci risparmi anche qualcosa, è più fruibile in termini di abitabilità, bella direi non meno, e soprattutto in ottica della specificità della versione CS viste poi quante ne piazzeranno nel complesso di Giulia Q è come se avessi una macchina anche lei a tiràtura limitata ;/ Comunque presumibilmente il canto del cigno per una macchina, la M2, sempre piaciuta personalmente come concepita (come tutte le 2er attuali, fra l'altro)
Ritratto di ForzaItalia
6 novembre 2019 - 15:29
Che bei ragionamenti da poveri che leggo, chi guarda un M2CS di certo non deve scegliere "la maniera più giusta ed equilibrata" per spendere i suoi 100k... E SOPRATUTTO NON GUARDERà LE TROYOTA AHAHAHAHA
Ritratto di tramsi
6 novembre 2019 - 17:02
Al limite, una Z4, essendo la Supra una Z4!
Ritratto di Ale767
6 novembre 2019 - 20:01
1
Alessio Straforini sempre più disperato, farebbe di tutto per attirare l'attenzione.
Ritratto di Gwent
6 novembre 2019 - 21:33
2
E ci riesco a quanto pare :-) Un saluto. Il Gwent. Da "Spazio: 1999".
Pagine