NEWS

BMW: maxi richiamo nel Regno Unito

21 maggio 2018

La casa tedesca ha aumentato il numero di auto da richiamare a 390.000 a causa del possibile spegnimento improvviso del motore.

BMW: maxi richiamo nel Regno Unito

PROBLEMA ELETTRICO - Si allargano le proporzioni del richiamo in cui sono coinvolti quattro diversi modelli di BMW, che potrebbero accusare un malfunzionamento al sistema elettrico destinato nei casi più gravi a sancire l’improvviso spegnimento dell’auto. La casa tedesca infatti aveva individuato l’anno scorso 36.000 automobili a benzina da richiamare in officina, tutte vendute nel Regno Unito, ma il bilancio è salito poi a 300.000 e infine al totale di 390.000. I modelli coinvolti sono le Serie 1, Serie 3, Z4 e X1 alimentate a benzina e gasolio costruite fra marzo 2007 e agosto 2011, stando al sito internet del quotidiano The Guardian.

FERMA DI COLPO - La gravità del problema è venuta alla luce dopo un’inchiesta del programma Watchdog Live della BBC, in cui l’autore scopriva che alcuni modelli potevano spegnersi all’improvviso anche in movimento a causa di un guasto all'impianto elettrico. Lo staff della trasmissione stava indagando sull’incidente del 25 dicembre 2016 in cui perse la vita Narayan Gurung, che al volante della sua Ford Fiesta andò a sbattere contro un albero per evitare una Serie 3 ferma in strada dopo un improvviso spegnimento. Il proprietario della BMW rivelò alla BBC che l’auto si spense improvvisamente mentre la stava guidando.

SOSTITUITI I CABLAGGI - L’origine del malfunzionamento è diventata più chiara nei giorni scorsi, quando la BMW ha richiamato in officina 88.000 esemplari della Serie 3, annunciando di voler sostituire il connettore della batteria ed i cablaggi del regolatore della ventola di raffreddamento. I proprietari delle auto coinvolti sono stati avvertiti per mezzo di una raccomandata.

Aggiungi un commento
Ritratto di IloveDR
21 maggio 2018 - 18:20
4
naturalmente nei modelli dove il volante è posto dalla parte giusta tutti questi problemi non sussistono...è anche colpa della chiusura mentale tipicamente britannica...
Ritratto di Thresher3253
21 maggio 2018 - 19:30
Difficile rivoluzionare completamente la viabilità britannica ormai, oltre a cambiare le abitudini della gente bisognerebbe spendere miliardi per l'adeguamento di tutto il paese. Guidano dalla parte sbagliata e se la devono tenere adesso.
Ritratto di Agl75
21 maggio 2018 - 20:55
@IloveDR Seguendo la non logica del post, chi come in UK, Giappone, Indonesia, India, Australia, Nuova Zelanda, circa un quarto dell’Africa, un po’ di Sud America, ecc... (il che equivale a dire qualche miliardo di individui, cioè oltre il 30% dell’umanità) devono avere seri problemi all’auto? IloveDR: non sono loro che hanno chiusura mentale...
Ritratto di Zot27
21 maggio 2018 - 21:52
In effetti sono molte le nazioni con il posto guida a destra
Ritratto di Giuliopedrali
21 maggio 2018 - 22:43
Non sono molte le nazioni dove si guida a destra, cioè in Europa, USA, Cina si guida a sinistra, quindi credo sia già un 90% dove si guida dalla parte giusta.
Ritratto di Giuliopedrali
21 maggio 2018 - 22:45
In Svezia nel 1967 si cambio la guida da destra a sinistra, fu una cosa complicatissima, preceduta da un decennio di prove, lezioni scolastiche ecc ecc, oggi probabilmente sarebbe impossibile.
Ritratto di Agl75
21 maggio 2018 - 23:14
@giulio: invece di credere, vai su internet e in 3 secondi controlli. Comunque i Paesi che “guidano al contrario” sono una 60-ina scarsa. Tra i quali spiccano India, Pakistan e Indonesia (cioè un paio di miliardi di persone) e tutto il Continente Australe.
Ritratto di IloveDR
22 maggio 2018 - 09:21
4
Agi75 il mio post assume una logica ironica se uno ha l'apertura mentale di seguire il programma motoristico Top Gear della BBC...I'm sorry
Ritratto di MAXTONE
22 maggio 2018 - 02:11
Quindi, paradossalmente, tutti i marchi automobilistici di paesi con guida a dx (Tutti i giapponesi ad esempio) dovrebbero, di riflesso, soffrire degli stessi problemi nel momento in cui vengono prodotti con guida a sx?
Ritratto di Eccomi
21 maggio 2018 - 20:38
Fosse accaduto ad altre marche non teutoniche, specie se italiane, leggeremmo la notizia in ogni dove, compresa la carta igienica...
Pagine