NEWS

BMW Serie 5: primi avvistamenti della prossima generazione

Pubblicato 08 luglio 2021

Dovrebbe debuttare nel 2023 la nuova BMW Serie 5, che sarà offerta con motori ibridi ma anche in versione elettrica pura.

BMW Serie 5: primi avvistamenti della prossima generazione

La BMW Serie 5 attuale nasce nel 2016 ed è stata ristilizzata nel 2020, ma la casa tedesca è già al lavoro sulla prossima generazione, che dovrebbe arrivare nel 2023. Di questo nuovo modello sono circolate nei giorni scorsi le foto spia ad opera di Carscoops, che ritraggono i prototipi camuffati in avanzato stato di sviluppo. 

L’ottava generazione della BMW Serie 5, nome in codice G60, sarà offerta con una vasta scelta di motori a benzina, diesel, ibridi plug-in e, per la prima volta, in una variante completamente elettrica. Quest'ultima dovrebbe chiamarsi i5, seguendo così la strategia intrapresa con i4 e iX3. La BMW i5, che andrà a rivaleggiare con Tesla Model S, Mercedes-Benz EQE e Audi A6 e-tron (previste anch’esse nei prossimi anni), come la i4 dovrebbe essere dotata di un motore elettrico posizionato nella parte posteriore, ma è prevista una variante sportiva M con doppio motore. La BMW i5 potrebbe essere proposta con due diversi pacchi batteria, uno da 70 kWh e uno da 100 kWh, in grado di garantire più di 400 km di autonomia. 

Osservando le prime immagini spia, la BMW Serie 5 del 2023 sembra caratterizzata dalle stesse classiche proporzioni del modello attuale, anche se appare più lunga e imponente. Il design, però, dovrebbe essere del tutto nuovo anche se non dovrebbero mancare gli elementi tipici della marca, come il cofano lungo, i muscolosi passaruota e il classico taglio del finestrino posteriore. Il frontale appare caratterizzato da due fari dal design molto aggressivo posizionati sotto la linea del cofano e divisi dalla grande mascherina a “doppio rene”.





Aggiungi un commento
Ritratto di Alfiere
8 luglio 2021 - 19:54
1
Ho una paura inimmaginabile
Ritratto di Check_mate
8 luglio 2021 - 20:22
Sembrerebbe, e dico sembrerebbe, che non abbia nessuna castorazione. Quanto lo spero.
Ritratto di Rav
9 luglio 2021 - 09:28
3
Parrebbe anche a me, ma c'è sempre l'M5
Ritratto di marcoestra
9 luglio 2021 - 14:33
Convengo con te sulle paure e timori. Leggo anche altri contributi e vedo - con piacere - che siamo allineati sul fatto che i maxi reni (o castori) non siano piaciuti. Sugli interni (@Pintum) sono anch'io d'accordo che mi auguro una scelta diversa e non di rincorsa a Mercedes di cui assolutamente non gradisco i maxi iPad poggiati sulla plancia. Mi convinco sempre più che qualcosa di analogico e tradizionale debba esserci o restare senza però tralasciare il contemporaneo (ci mancherebbe) che potremmo trovarlo in qualche head-up evoluto.
Ritratto di Alfiere
9 luglio 2021 - 14:57
1
Che poi il castoro è l'ultimo dei problemi perchè il design fuori dal famoso gomito non ha alcun punto di distintività, sembrano lexus o qualsiasi altra cosa. Concordo su maxischermi, non so come riescano ad usarli con le normali condizioni delle strade e le vibrazioni, il comando fisico è sempre usabile senza guardare.
Ritratto di Pintun
8 luglio 2021 - 20:30
Per fortuna il frontale non sembra possa essere rovinato dai reni giganti. Si spera non rovinino gli interni per fare a gara con Mercedes a chi li da più brutti
Ritratto di Ale94
8 luglio 2021 - 20:45
La generazione attuale non è per nulla superata e gira già il muletto della nuova.
Ritratto di vize84
8 luglio 2021 - 20:45
Il doppio rene sembra tanto quello della nuova Serie 2 appena presentata..
Ritratto di Arreis88
8 luglio 2021 - 20:49
Se, come sembra, non ci sarà spazio per il gigarene, complimenti a Bmw per essere tornata sui propri passi con la 2 e questa. Peccato sia troppo tardi la serie di mezzo.
Ritratto di katayama
8 luglio 2021 - 21:11
"...sarà offerta con motori ibridi ma anche in versione elettrica pura." Ma anche, appunto, e poi c'è l'offerta di bev native. O ti puoi permettere i due binari, o t'attacchi al tram. Penso si sia già capito chi dominerà il mercato in futuro. Stellantis entro il 2030 al 70% in Europa? Come no.
Pagine