NEWS

Carlos Ghosn è fuggito in Libano

Pubblicato 31 dicembre 2019

L’ex presidente della Nissan, in libertà vigilata a Tokyo, ha lasciato il Giappone dopo l’arresto del 2018.

Carlos Ghosn è fuggito in Libano

ANNO DIFFICILE - Dopo essere stato arrestato il 19 novembre 2018 con l’accusa di irregolarità finanziarie mentre si trovava in Giappone, Carlos Ghosn (qui sopra in una foto di repertorio) è decaduto come presidente della Nissan e ha dovuto fare i conti con il severo sistema giudiziario e detentivo giapponese, al quale si è opposto fuggendo in Libano. La notizia della fuga è stata confermata lunedì 30 dicembre dallo stesso Ghosn, che dopo l’arrivo nel paese dove ha la cittadinanza (insieme a quella brasiliana) ha diffuso un comunicato stampa, nel quale sostiene di non essere più ostaggio di un sistema giudiziario falsato e di essere fuggito dall’ingiustizia e dalla persecuzione politica. 

IN LIBERTÀ VIGILATA - Ghosn si trovava in libertà vigilata dopo aver versato una cauzione da 1,5 miliardi di yen, pari a circa 12 milioni di euro, ma doveva rispettare una serie di obblighi, come quello di non allontanarsi da Tokyo, non recarsi all’estero e nemmeno navigare su internet o leggere le email. L’ex presidente della Nissan ha dovuto inoltre consegnare il passaporto all’avvocato, quindi non è chiaro come abbia fatto a lasciare il Giappone: secondo la Reuters, pare che Carlos Ghosn abbia raggiunto il Libano tramite un volo aereo privato e sotto falso nome. Il Libano non prevede accordi di estradizione con il Giappone. 

LA CADUTA - Al momento dell’arresto Ghosn era uno dei manager più potenti e rispettati nel mondo dell’auto, tanto da essere contemporaneamente presidente e amministratore delegato dell'Alleanza Renault Nissan Mitsubishi; presidente e amministratore delegato del Gruppo Renault, presidente di Nissan e Mitsubishi. 





Aggiungi un commento
Ritratto di ciurbis
31 dicembre 2019 - 11:19
mica scemo...
Ritratto di impala
31 dicembre 2019 - 22:28
renault : un marchio da ladri con il scandalo delle rotture motore DCI, 1.2 TCE, 1.3 TCE, e tutti gli altri guai, hanno rubati migliaia di Francesi con le loro pessime auto ... ma hanno anche una direzione di mafiosi
Ritratto di impala
31 dicembre 2019 - 22:39
.... non dimenticare che questo ladro ha rubato millioni di euro .... altro che un povero innocente vittima di un "ingiustizia e dalla persecuzione politica".
Ritratto di impala
31 dicembre 2019 - 22:55
questa "povera vittima innocente" ha rubato 140 millioni di dollari che sono 127 millioni di euro. a una persona del genere non si trova delle scuse.
Ritratto di Andrea Zorzan
31 dicembre 2019 - 11:34
Il fatto che sia molto probabilmente colpevole non toglie le sue grandi capacità di manager.
Ritratto di otttoz
31 dicembre 2019 - 15:00
giusto! anzi le rafforza e le condivide con gli altri AD!
Ritratto di Gianni.ark
31 dicembre 2019 - 12:26
Se è fuggito vuol dire che la coscenza tanto pulita non ce l'ha...
Ritratto di 82BOB
31 dicembre 2019 - 12:43
2
Triste epilogo...
Ritratto di Ronbo
31 dicembre 2019 - 12:57
Se aveste seguito l'intera vicenda, sapreste che il suo arresto è stato quantomeno strano. Pare che la sua sia la vicenda di un potente decaduto e per questo, diciamo "incastrato" e messo in condizione di non comandare più il colosso Renault-Nissan. E' rimasto agli arresti per più di un anno e, francamente, non lo biasimo per essere fuggito. In Italia non succede nulla o quasi a chi compie reati simili. Non lo biasimo ad una condizione: se, cioè, deciderà di presentarsi davanti a un tribunale di una giustizia meno particolare di quella giapponese. Se è innocente (per quanto l'innocenza del bambino sia impossibile a questi livelli), ha il dovere di dimostrarlo, tanto più ora che la sua carriera è comunque compromessa. https://www.ilsole24ore.com/art/ghosn--video-contro-me-complotto-e-giochi-sporchi-AB4WGhmB
Ritratto di impala
31 dicembre 2019 - 22:36
ma per favore non prendere la difesa di una pessima persona comè ghosn ... sia sicuro, che anche in francia, lui avrebbe potuto dormire tranquillo. Se la giustizia in francia, o in italia sarebbe la stessa di quella giapponese, forse si vedrebbe meno mafiosi in giro.
Pagine