NEWS

Contro la crisi delle auto a gas esenzione triennale dal bollo?

03 dicembre 2015

L’associazione delle aziende che operano nel settore sollecita il governo ad adottare misure che favoriscono i veicoli a gpl e metano.

Contro la crisi delle auto a gas esenzione triennale dal bollo?
IN SENSIBILE CALO - I dati di mercato di novembre hanno messo in evidenza una sensibile contrazione delle immatricolazioni delle auto a metano e a Gpl. Durante il mese di novembre delle prime ne sono state immatricolate 4.447 e delle seconde 9.020, il che significa che c’ è stato un calo rispettivamente del 31,8% e del 20,8%. L’associazione Ecogas, che riunisce gli operatori del settore gas da auto trazione, ha diffuso un comunicato con cui sottolinea gli aspetti negativi per l’ambiente di questa tendenza. Ecogas sottolinea come le auto a metano e gpl siano più ecocompatibili e come una loro maggiore diffusione porterebbe benefici agli equilibri ambientali. Per fare in modo che questa diffusione possa avvenire, secondo l’Ecogas sarebbe necessario che alle auto a metano e gol venisse accordata un'estensione triennale dal “bollo”. In particolare l’Ecogas sollecita il governo a recepire due emendamenti presentati in sede parlamentare alla legge di stabilità.
 
PER LE NUOVE E PER LE “TRASFORMATE” - Si tratta di due proposte che riguardano le auto nate già con l’alimentazione a gas e quelle “trasformate” a gas. In sostanza gli emendamenti puntano ad avere l’esenzione per le autovetture nuove a trazione ibrida, a doppia alimentazione benzina/gpl o benzina/metano, così come per quelle a biometano, a biocombustibili e a idrogeno, con emissioni di anidride carbonica (CO2) non superiori a 120 g/km, nuove di fabbrica e immatricolate in Italia dal 1 gennaio 2016 al 31 dicembre 2018, così come per quelle immatricolate come euro 4, 5 e 6, su cui è installato un sistema di alimentazione a gpl o a metano, collaudato tra il 1° gennaio 2016 e il 31 dicembre 2018.


Aggiungi un commento
Ritratto di SINISTRO
3 dicembre 2015 - 15:50
3
Strano si preferiscano quelle Diesel, che costa di più. Forse cronica carenza di colonnine?
Ritratto di Porsche
3 dicembre 2015 - 15:57
la gente ha paura di 220 bar di pressione.... follia....
Ritratto di SINISTRO
3 dicembre 2015 - 16:05
3
In effetti, secondo una legge fisica, un'auto quasi a secco è più pericolosa di una col pieno, visto l'accumulo di gas. Comunque credo sia una flessione come naturale conseguenza della crisi in generale, oltre al fatto che non c'è, a tutt'oggi, una capillare ed uniforme distribuzione di colonnine di rifornimento sul territorio. Ricordo quando mio padre fece installare l'impianto a gas su un'alfetta 1.6.
Ritratto di Porsche
3 dicembre 2015 - 16:08
conosco di gente che ha scelto gpl pur passando davanti al distributore di metano. Mi hanno risposto testualmente che hanno paura. Poi non so, magari sono casi singoli, ma tutti mi chiedono, non hai paura ? Sempre la stessa domanda....
Ritratto di truffoli
3 dicembre 2015 - 19:01
Io ho il metano a 40 metri (letteralmente) da casa, ma ho fatto un'auto a gpl più che altro per le "prestazioni" differenti, tanto una bombola vale l'altra ahaha
Ritratto di Stefano Gallotta
13 dicembre 2015 - 19:50
Se sapessero che è molto più pericoloso il GPL...
Ritratto di Porsche
3 dicembre 2015 - 16:04
nooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo per pochi giorni !!!!!!! NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO DANNAZIONE !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Ritratto di SINISTRO
3 dicembre 2015 - 16:08
3
vabbè, vediamo prima se passano ste proposte di modifica, così come sono. Poi magari cambiano anche in tuo favore, chissà.
Ritratto di Porsche
3 dicembre 2015 - 16:21
non sono mai retroattive, anche perchè non ha senso logico. Se devo incentivare lo faccio per il futuro non per il passato.
Ritratto di SINISTRO
3 dicembre 2015 - 16:30
3
Anche questo è vero.
Pagine