Country Tourer: l’Opel Insignia campagnola

13 settembre 2013

La wagon dell'ammiraglia Opel è stata allestita in veste country, e non solo nel nome.

Country Tourer: l’Opel Insignia campagnola
QUASI SUV CON CLASSE -  C’è anche qualcosa di “rustico” sullo stand Opel di Francoforte: è la Opel Insignia Country Tourer, che come lascia intuire il nome è un allestimento in chiave suv della versione wagon. Si fa notare e riconoscere per le dotazioni particolari, come la protezione sotto il vano motore o la griglia più larga e rifinita in modo specifico con ampie cromature, ma anche (anzi soprattutto) per i 2 centimetri in più nell’altezza da terra rispetto alla Insignia Sport Tourer, cioè la station wagon. L’immagine particolare è comunque anche frutto dell’impiego di materiali e colori dedicati che contribuiscono all’immagine country, appunto, della vettura.
 
VERSATILITÀ 4WD o 1WD - Ma la Opel Insignia Country Tourer non è solo un nome diverso con al massimo un po’ di finiture da suv. “Sotto” c’è della sostanza. Anzitutto la trazione integrale grazie al sistema Advanced Opel AWD, che gestisce la distribuzione della coppia trasferendola da un asse all’altro e da una ruota all’altra a seconda dell’aderenza incontrata. Il risultato concreto è che la Insignia Country Tourer riesce a procedere anche se si trova con una sola ruota in condizioni di aderenza. Il sistema è costituito da una frizione di tipo Haldex e dall’eLSD, differenziale a slittamento limitato gestito elettronicamente. 
 
 
TRE MOTORI: 163, 195 e 250 CV - Per il motore della Insignia Country Tourer l’Opel ha predisposto una gamma di tre unità, tutte di buona potenza. C’è il benzina 2.0 SIDI a iniezione diretta da 250 CV e 400 Nm di coppia, e due turbodiesel: il 2.0 CDTi biTurbo da 195 CV e anch’esso 400 Nm, e il 2.0 CDTi da 163 CV, con 350 Nm. Il “benzina” e il turbodiesel da 163 CV saranno subito proposti sia con cambio manuale e automatico, entrambi a 6 rapporti. Il 2.0 CDTi biTurbo sarà disponibile più avanti.
 
NOVITÀ PER BERLINA E SPORTS TOURER - Oltre alla novità della Insignia Country Tourer l’Opel a Francoforte ha esposto anche l’Insignia rinnovata. Nella presentazione della nuova Insignia berlina, che la casa ha presentato mettendo l’accento sui nuovi motori e sulla dotazione di servizi e infotainement di cui sono dotate le due varianti, berlina e Sport Tourer. In realtà anche l’esterno presenta delle novità.
 
UN PO’ PIÙ GRINTOSA - A cambiare è soprattutto la parte anteriore, con modifiche che allargano e abbassano l’insieme, facendo guadagnare grinta e dinamicità all’immagine del modello. Elemento importante della nuova personalità Insignia sono anche le abbondanti cromature. Aggiornato è stato anche l’elemento orizzontale che sorregge il marchio Opel, all’interno della mascherina, così come rinnovati sono stati i gruppi ottici, arricchiti da elementi cromati.
 
 
AMPIA SCELTA DI MOTORI - Ampia e articolata è la proposta di motori, che spaziano da 110 a 325 CV. Tra questi il turbodiesel da 120 o 140 CV, entrambi capaci di segnare un consumo medio di 3,7 l/100 km ed emissioni di CO2 di 99 g/km (3,9 l/100 km sulla Sports Tourer). Ciò nell’allestimento con cambio manuale a 6 marce e dispositivo Stop&Start. L’offerta in tema di motori per la Insignia comprende anche le versioni a gpl. Il motore a benzina di minor potenza è l’1.4 da 140 CV con consumo medio di 5,1 l/100 km ed emissioni di CO2 pari a 123 g/km (con cambio a 6 marce e Stop&Start). 
 
SEMPLICITÀ - Non mancano novità neanche nell’abitacolo, dove la console centrale è stata ridisegnata e il pannello di controllo è stato notevolmente semplificato per renderne l’uso più intuitivo. La plancia comprende lo schermo touchscreen, da 8 pollici.

 

VIDEO
Opel Insignia Country Tourer
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
18
6
7
3
3
VOTO MEDIO
3,9
3.89189
37
Aggiungi un commento
Ritratto di M93
13 settembre 2013 - 12:18
Molto accattivante in questa livrea "simil Suv", anche se non del tutto inedita, in quanto già qualche tempo fa nei listini ufficiali Opel di alcuni paesi esteri, come la Spagna, figurava già una versione sui generis realizzata in collaborazione con la Irmscher, se nn erro ;)
Ritratto di Lampo
13 settembre 2013 - 12:57
Veramente bella!
Ritratto di cris25
13 settembre 2013 - 14:44
1
questa versione country, anche se la preferirei di colore scuro!
Ritratto di Rav
14 settembre 2013 - 14:33
2
Continuo a non capirle queste versioni country di auto normali alle quali viene messa un po' di plastica in più e a volte, almeno per fortuna, la trazione integrale. Mi fanno ridere perchè per anni e anni sono state criticate TUTTE le auto che presentavano i paraurti in plastica grezza, poi uno se ne esce con "ma non è un'auto normale, è country, è all road" e allora va tutto bene, diventa bella e non si critica più. Un po' quello che succede oggi con le leve del freno a mano (che fino a 3 anni fa non davano alcun fastidio invece oggi su ogni giornale si legge di quanto siano brutte e scomode) o con tanti sistemi e soluzioni stilistiche che prima non avevano un certo nome, coniato da brava gente del marketing, ed erano criticate o ignorate e oggi invece sono un vanto. A me l'Insignia piace, quella "normale" di colore nero.
Ritratto di Ale'96
14 settembre 2013 - 20:07
Sono d'accordo (ad eccezione dell'ultima frase). Gli unici due casi in cui l'estetica non viene peggiorata, ma anzi migliorata, sono quelli della Dacia Sandero Stepway e del Peugeot Partner Outdoor.