NEWS

In due video ecco come funziona il Multiair

9 settembre 2009

Gli ingegneri della Fiat Powertrain spiegano in dettaglio il funzionamento della tecnologia Multiar, il sistema montato per la prima volta sull'Alfa Romeo MiTo, che promette consumi ridotti e una maggiore prontezza del motore.

GLI INGEGNERI SPIEGANO IL MULTIAIR - La tecnologia Multiair che da pochi giorni equipaggia l'Alfa Romeo MiTo e che sempre più vedremo su diversi modelli Fiat, è sicuramente una delle novità più interessanti degli ultimi tempi. Secondo Fiat Powertrain, la divisione di ricerca del Gruppo torinese che l'ha sviluppata, il Multiair è un'innovazione della stessa portata di quello che fu il Multijet per i diesel. Ecco perchè Fiat ha diffuso due video che spiegano in modo dettagliato il funzionamento di questo sistema.


Sopra, l'ingegner Damiano Micelli del centro Fiat Powertrain di Orbassano (To) spiega come funziona il sistema Multiair.
 

I motori dotati del MultiAir hanno un innovativo sistema di regolazione delle valvole: a seconda di quanto si preme sul "gas”, le valvole di aspirazione (non più la farfalla) decidono quanta aria serve ai cilindri aprendosi e chiudendosi per un tempo variabile. In questo modo i consumi si abbassano e la coppia e la potenza crescono.

 


Sopra, il responsabile del centro Fiat Powertrain di Pomigliano d'Arco (Na), Franco Cazzolato, spiega come è nata la tecnologia Multiair.

Alfa Romeo MiTo
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
213
117
105
90
94
VOTO MEDIO
3,4
3.42811
619
Aggiungi un commento
Ritratto di suppa sandro
9 settembre 2009 - 11:44
io ora nn vorrei criticare, anche perchè ho una gpunto e credo moltissimo in fiat, però la storia del motore che va come una palla da schioppo e consuma poco l'ho già sentita troppe volte e nn è mai vero niente....tipo il motore della mia il 1400t-jet che consuma uno sproposito...ma dicevano che con il downsizing beveva poco....a mio avviso l'unico sistema nn per bere poco, ma x bere il giusto serebbe abolire euro 5-4-3 ecc...proviamo a lasciare un po liberi sti motori....
Ritratto di ricky74
9 settembre 2009 - 12:07
Se c'è una cosa che le norme sull'inquinamento non hanno fatto è far salire in consumi, anzi... Semmai hanno ridotto le prestazioni, soprattutto la coppia a basso numero di giri (le case mappano le centraline apposta per superare i test di omologazione sulle emissioni). non si può pretendere che un motore vada forte e beva poco allo stesso tempo. però un motore 1.4 turbo da 120 cavalli può avere le prestazioni di un 1.8 (se lo si spreme), tenendo i consumi di un 1.4 quando si va tranquilli
Ritratto di suppa sandro
9 settembre 2009 - 15:12
nn voglio fare il bastian contrario, ma tappando di più il motore noi che guidiamo siamo costretti a fars forzare di più il motore per raggiungere prestazioni che con un auto non catalitica richiederebbero molti meno cavalli...in oltre t posso assicurare che nel caso della mia punto i consumi in città sono veramente da suicidio....in oltre già con l'avvento delle euro 1 l'80% dei gas inquinanti veniva tagliato, ora che siamo arrivati all'euro 5 saremo saliti al max al 86% telo posso garantire....i costruttori oggi fanno il gioco dei petrolieri, inventano auto sempre più pesanti adducendo a dispositivi di sicurezza e mettono 2 catalizzatori o filtri assurdi che c fanno sgasare e sfrizionare per muoverci...belli i tempi della alfa 33 1.3 da 90cv e 200 allora di velocità di punta...
Ritratto di sofylove
9 settembre 2009 - 12:16
La tecnologia della FTP appare di alto livello, ma come al solito tra il dire ed il fare... Aspetto di vedere nell'applicazione quotidiana come renderà questo motore sopratutto per quanto concerne la voce affidabilità. Una cosa non mi convince: dal primo video si evince che sarà lo stesso olio motore ad attivare il sistema a pistoncino di controllo valvole, percui il tradizionale olio motore oltre ai fondamentali compiti di lubrificazione e dissipazione del calore acquisirà una nuova funzione, per tale motivo ipotizzo una minore durata dello stesso e comunque l'uso di olii di qualità migliori...quindi, riepilogando: prestazioni in rialzo, consumi ed emissioni in ribasso, a fronte solo di un minimo aumento di listino....però (probabilmente) tagliandi più onerosi...ripeto: l'equilibrio sarà il suo mestiere? Ps: Qualcuno è a conoscenza di che tipo di iniezione parliamo per il multiair? I T-Jet non avevano la diretta, questo invece?
Ritratto di Tony83
9 settembre 2009 - 17:02
6
Nè il t-jet nè il multiair hanno l'iniezione diretta di Benzina. Chissà se sarà compatibile col multiair, ci sarebbe ulteriori indubbi vantaggi sia in termini di prestazioni che di consumi
Ritratto di giob
10 settembre 2009 - 14:50
Commento rimosso perché l'utente ha richiesto la cancellazione del profilo. La redazione.
Ritratto di Andre 88
18 settembre 2009 - 11:26
ma ragazzi premettendo che se uno vuole consumare poco non deve prendere un motore benzina e sopratutto turbo perchè è impossibile che consumi poco...quindi andate sui diesel..perchè anche io che ho una yaris dicono tanto che consuma poco ma io dico la minchia il diesel nn il benza...e cmq il multiair non fà consumare di più anzi come spiega il tipo nel video è un sistema per ottimizzare le prestazioni nei confronti dei consumi quindi il motore và più liscio con meno gas e quindi meno consumi...e se nn darà dei problemi è un ottimo sistema..
Ritratto di Francesco T
13 ottobre 2009 - 14:46
Ottimo sistema spero ke il brevetto nn lo vendano a nessuno cosi tedeschi e company rimangono dietro....