NEWS

Il “benzinaio” delle auto elettriche

14 settembre 2018

È nata a Milano la società E-GAP pensata per offrire agli utenti di auto elettriche la possibilità di ricaricare le batterie ovunque.

Il “benzinaio” delle auto elettriche

RICARICA ON-DEMAND - È nata la E-GAP, società creata per operare nel settore della mobilità elettrica mettendo a disposizione la possibilità di ricaricare rapidamente le batterie praticamente ovunque. Il nuovo servizio, che E-GAP conta di lanciare a Milano per esportarlo poi anche in altre nove città europee. Il servizio si basa su dei furgoni appositamente allestiti che possono portare l’allaccio per la ricarica ovunque sia richiesto. Quindi una risposta veloce ed efficace per i veicoli elettrici che si troveranno in strada con la batteria scarica. Una eventualità che sicuramente è destinata a verificarsi con la diffusione della trazione elettrica.

DA MILANO VERSO IL MONDO - La E-GAP ha messo a punto una modalità di operare in cui l’automobilista che resta con le batterie scariche può chiedere l’intervento del mezzo di ricarica E-GAP. La richiesta andrà fatta attraverso la app appositamente creata dalla società, o attraverso il suo sito internet e-gap.com. Il servizio comincerà a essere disponibile dalla fine del 2018 a cominciare da Milano, dove saranno attivi dieci automezzi attrezzati per la ricarica, e da alcune zone di Roma. Nel 2019 il servizio sarà avviato anche a Parigi, Roma, Berlino, Londra, Stoccarda, Madrid, Amsterdam, Utrecht e Mosca. Va comunque sottolineato che la E-GAP è una realtà tutta italiana, ideata da un gruppo di manager e sviluppata da uno staff di una settantina di persone tra ingegneri e tecnici.



Aggiungi un commento
Ritratto di KEENONCARS
15 settembre 2018 - 12:35
La trovo un'ottima idea, devo dire che sono stati lungimiranti per prevedere un bisogno simile.
Ritratto di Giuliopedrali
15 settembre 2018 - 12:39
Con queste nuove auto elettriche all'inizio sarà come fare benzina a inizio 900 quando ci si ingegnava in tutti i modi, ci si portavano via taniche eccetera, la Nio ha già un servizio di furgoni in Cina che ricaricano ovunque.
Ritratto di Gordo88
15 settembre 2018 - 15:52
Con la differenza che per fare benzina serve 1 minuto mentre per caricare le batterie svariate ore
Ritratto di v8sound
15 settembre 2018 - 12:40
Si, talmente lungimiranti che i mezzi di ricarica saranno numericamente superiori alle auto elettriche...
Ritratto di Asburgico
15 settembre 2018 - 17:03
Usare e nuovere un mezzo elettrico o a benzina per caricare un altro mezzo elettrico. Mi sfugge qualcosa.
Ritratto di Mbutu
15 settembre 2018 - 19:34
In realtà il concetto è molto semplice: porto una colonnina di ricarica laddove non c'è.
Ritratto di Asburgico
16 settembre 2018 - 22:17
@mbutu non è che la porto e la installo. Ma la porto e poi la levo. E questo ha un costo (doppio). Queste soluzioni complicate dimostrano che i tempi non sono ancora maturi. E non c'è ancora una soluzione definitiva.
Ritratto di Mbutu
17 settembre 2018 - 00:04
Non ho detto sia una soluzione economica. Ne che sia qualcosa che tutti i possessori di elettriche finiranno con l'usare. Dico solo che non c'è nulla di complicato: mi fermo dove non c'è una colonnina? Chiamo e me la portano. Ad esempio può essere un'alternativa al carro attrezzi nel caso si rimanga "a secco".
Ritratto di neuro
15 settembre 2018 - 20:00
appunto ma questo mezzo che trazione ha?
Ritratto di Mbutu
16 settembre 2018 - 10:20
Visto che sopra c'è scritto" full Electric drive" ed "Electric veicle" mi sento di azzardare che vada a corrente.
Pagine