NEWS

Nella fabbrica FCA di Melfi 1.500 nuovi posti di lavoro

12 gennaio 2015

Il successo di Jeep Renegade e Fiat 500X permette alla Fiat Chrysler di assumere nuovi addetti presso la Sata di Melfi.

Nella fabbrica FCA di Melfi 1.500 nuovi posti di lavoro
CREANO OCCUPAZIONE - Le “gemelle diverse” Jeep Renegade e Fiat 500X permetteranno di creare nell'immediato futuro 1.500 posti di lavoro nello stabilimento di Melfi (in provincia di Potenza) in cui le due auto sono prodotte su un pianale comune, in virtù di un investimento di un miliardo di euro.
 
NUOVA FORMA - Stando alla Fiat Chrysler, una volta stabilizzati i volumi produttivi (dopo averli tarati sulla base della domanda e dei risultati conseguiti sui mercati in cui Renegade e 500X vengono vendute), sarà possibile proporre alle persone inizialmente inserite con contratto interinale il nuovo contratto a tutele crescenti, quello, per capirci, che costituisce uno dei nodi del jobs act. È un contratto a tempo indeterminato, ma lascia al datore di lavoro la facoltà di interrompere il rapporto nei primi tre anni, in qualsiasi momento e senza motivazione, pagando solamente il preavviso: riguarderà più di 1.000 lavoratori.
 
QUESTIONE DI NUMERI - Oltre a questi, se ne aggiungeranno altre 350 trasferite temporaneamente dagli stabilimenti di Cassino e Pomigliano d’Arco, rendendo possibile la saturazione delle potenzialità produttive dell’impianto. Già dalla prossima settimana saranno inseriti circa 300 nuovi lavoratori, ai quali si aggiungeranno subito circa cento persone provenienti dallo stabilimento di Cassino. C'è quindi da sottolineare come i 1.500 posti di lavoro paventati, ragionando solo in termini di nuove assunzioni, siano in realtà ridotti delle 350 unità appena citate, già impiegate in altri stabilimenti del Gruppo. L'orizzonte temporale dell'operazione è breve: tre mesi.
 
SINDACATI: TUTTO OK - Contestualmente, FCA ha reintegrato nell'attività lavorativa ordinaria tutti i 5.418 dipendenti dello stabilimento di Melfi, chiudendo la cassa integrazione straordinaria: una notizia accolta, assieme alla creazione di nuovi posti, molto positivamente dalle maggiori organizzazioni sindacali, dalla IM-CISL alla UILM.




Aggiungi un commento
Ritratto di Mattia Bertero
12 gennaio 2015 - 17:00
3
Chi genera lavoro in Italia è più che benvenuto, anche se per poco tempo. Vedo già troppa gente che non riesce più ad andare avanti per colpa di questa crisi.
Ritratto di TheStig_97
12 gennaio 2015 - 17:36
Perfettamente d'accordo con te.
Ritratto di PongoII
13 gennaio 2015 - 20:10
7
Questo è un inizio. Speriamo per un rilancio. Più che gli auguri non possiamo far altro...
Ritratto di romeo64
12 gennaio 2015 - 17:10
se la sta cavando egregiamente Marchionne, se le previsioni vanno per il verso giusto, saranno 280.000 auto prodotte in più in italia con buon impatto sul PIL, lavoro in più è stato detto, adesso aspettiamo l'Alfa a cassino, dopo VM motori, Maserati, Melfi, e pure mettiamoci Pomigliano, mi sembra che Fiat non si stia tirando indietro come qualcuno dice....
Ritratto di SaverioS
13 gennaio 2015 - 13:48
Perché non lo proponi come il nuovo presidente della Repubblica, Marpionne...
Ritratto di lucios
12 gennaio 2015 - 17:31
4
...a me non piace molto la renegade mentre la 500x mi alletta abbastanza. Queste però devono vendere bene in europa.
Ritratto di M93
12 gennaio 2015 - 17:41
Un'ottima notizia, visto l'attuale mercato del lavoro.
Ritratto di MatteFonta92
12 gennaio 2015 - 18:07
3
Quando c'è qualcosa (qualunque cosa) che crea anche un minimo di lavoro, considerato il periodo di crisi nera del nostro paese, è sempre un'ottima notizia. Speriamo che i 1.500 nuovi assunti di Melfi possano continuare a lavorare il più possibile.
Ritratto di Montreal70
12 gennaio 2015 - 18:31
Brutta botta per landini, che spera nel silenzio della stampa.
Ritratto di Gianluigi74
12 gennaio 2015 - 18:56
Articolo incompleto come d'abitudine AlVolante quando si parla di FIAT. Oltre ai 1500 nuovi lavoratori di Melfi, che tra l'altro grazie al tanto vituperato Job's ACT entreranno da maggio in pianta stabile FCA con nuovo contratto a tutele crescenti, vi segnalo che Marchionne ha annunciato la fine della cassa integrazione di tutti gli oltre 5000 lavoratori dello stabilimento SATA! Landini e Camusso dovrebbero sotterrarsi e non farsi mai più vedere in giro. Quello che sta facendo Marchionne, tenuto conto di come siamo noi italiani e di quale è la situazione attuale del nostro sistema socio-economico, ha dell'eroico.
Pagine