NEWS

La FCA disposta a riprendere i colloqui con la Renault

Pubblicato 05 agosto 2019

L’ad della FCA conferma l’interesse, mentre la Renault prova a risolvere la situazione di tensione con l'alleata Nissan.

La FCA disposta a riprendere i colloqui con la Renault

DA MANLEY UN’APERTURA - Sembra non sia ancora tramontata l’ipotesi di una fusione paritetica fra la FCA e il Gruppo Renault, proposta dalla FCA, ma poi dalla stessa ritirata dopo pochi giorni, a seguito delle numerose difficoltà (qui per saperne di più). Dell’accordo è tornato a parlare Mike Manley (nella foto), ceo del costruttore italo-statunitense, che ha dichiarato al quotidiano Financial Times di essere ancora disponile a riavviare i colloqui, perché la “logica industriale non è cambiata”. Manley si riferisce in particolare alle sinergie ottenibili con una fusione, che consentono di “spalmare” i costi per lo sviluppo di motori, pianali, componenti e fabbriche su molti più modelli. 

QUESTIONE DI QUOTE - L’apertura di Manley segue di poche ore le indiscrezioni del quotidiano Wall Street Journal, che sembrano poter aprire una fase nuova nei difficili rapporti fra Renault e Nissan, legate da uno scambio azionario: la Renault infatti detiene il 43,4% della Nissan, ma la Nissan, pur essendo una società più grande, controlla solo il 15% della Renault. Questa situazione era tenuta sotto controllo finché a capo dell’alleanza c’era Carlos Ghosn, ma il suo arresto ha aperto una frattura. Stando alle indiscrezioni del quotidiano americano, i due costruttori avrebbero iniziato colloqui finalizzati a ridurre la quota della Renault nell’azionariato della Nissan, contraria all’accordo FCA-Renault, perché farebbe diminuire il suo peso nell’Alleanza Renault Nissan Mitsubishi di cui avrebbe solo il 7,5% delle azioni.





Aggiungi un commento
Ritratto di Sprint105
5 agosto 2019 - 16:47
Sulla carta questo mega gruppo potrebbe funzionare perché in molte cose i marchi si completano a vicenda. Di fatto, però, penso che sia difficile soprattutto perché in Renault comanda il governo francese, che sbilancia tutti i rapporti di forza. Con lui non si possono avere rapporti paritetici, perché a dettare la linea è la politica. Un aspetto, questo, che mi fa preoccupare specialmente per l'occupazione in Italia.
Ritratto di impala
5 agosto 2019 - 22:28
... ma sono pazzi in casa FCA !!!!!!! dopo i problemi di affidabilita del motore renault 1.2 TCE con 400 000 possibili motori coinvolti per rottura motore, il giornale francese "auto plus" ha anche denunciato caso di rottura motore sull nuovo 1.3 TCE e anche problemi di affidabilita per il cambio automatico EDC
Ritratto di GeorgeN
5 agosto 2019 - 17:01
Come la fidanzatina disposta a ritornare dal suo ex, riprendendo la melma.... :)))))))) Senza dignità e senza attributi. E' il risultato della folle strategia delle 0 novità.
Ritratto di Blueyes
5 agosto 2019 - 17:12
1
Concordo pienamente.
Ritratto di BioHazard
5 agosto 2019 - 17:12
A dire il vero è molto più interessata Renault che insieme a Nissan stanno vedendo i profitti in caduta libera. È inutile pensare all'Europa, per FCA è un mercato marginale e attraverso piani di ristrutturazione può tranquillamente rinunciare anche a metà delle sue vendite tornando a macinare utili anche in questo mercato stagnante.
Ritratto di GeorgeN
6 agosto 2019 - 07:38
Semmai è più interessata la fca a scaricare l'onere d'investimento e di produzione ad un altro costruttore che faccia tutto anche per la fca... Sfaticataggine e tircheria....
Ritratto di marcoveneto
5 agosto 2019 - 17:10
Spero che accordo o non accordo, fca porti avanti lo sviluppo dei modelli che si era prefissata, tonale in primis.
Ritratto di GeorgeN
5 agosto 2019 - 17:15
Parliamone della nuova Toyota Yaris 2020 che di questa nullità di costruttore...
Ritratto di Al Volant
5 agosto 2019 - 17:17
In effetti difficile pensare ad una chiusura di uno solo dei 4 stabilimenti renault in francia. Sicuramente l'talia rischierebbe la perdita di uno stabilimento, anche se non mi pare che ci siano queste intenzioni ( i modelli da produrre ci sarebbero). Se proprio dovessi indovinare, credo che verrebbe "sacrificato" lo stabilimento in spagna che attualmente produce megane/kadjar mi pare. Tuttavia se Nissan dovesse uscirne, dovrebbe rimpiazzare la produzione di micra attualmente in francia, quindi..
Ritratto di tommy001
5 agosto 2019 - 17:32
2
questa mi suona come "una minestra riscaldata" un'alleanza che, secondo il mio parere, gioverebbe più alla renault che alla fca.... la fca si troverebbe la nissan e il governo francese che cercherebbero di mettere il bastone fra le ruote continuamente, a mio avviso (se proprio vogliono un partner francese) gli converrebbe puntare su PSA che dopo l'acquisto di opel sembra molto aperta alle nuove alleanze, la fca porterebbe in dote "il mercato americano" che manca alla psa e potrebbe approfittare dell'alleanza PSA-Dongfeng Motor Group per il mercato cinese che manca a FCA
Pagine