NEWS

FCA: con la Foxconn per le auto elettriche in Cina

Pubblicato 17 gennaio 2020

Il gruppo italo-americano sta lavorando ad una joint venture per elettriche e auto connesse.

FCA: con la Foxconn per le auto elettriche in Cina

ACCORDO IN DIRITTURA - L’elettrico, la guida autonoma ed i servizi connessi ad internet stanno cambiando faccia al mondo dell’auto, che deve reinventarsi e percorrere nuove strade. Una di queste sono le alleanze, anche con aziende extra settore, come ha deciso di fare la FCA per il mercato cinese: è delle scorse ore l’annuncio di una collaborazione mirata con la Hon Hai, azienda di Taiwan che possiede la Foxconn, colosso dell’elettronica che assemblea smartphone (compresi gli iPhone), consolle e lettori di libri digitali. Stando alle anticipazioni, l’intesa verrà definita entro i prossimi mesi e avrà forma di una joint venture controllata in modo paritario da FCA e Hon Hai. 

NUOVA INTESA - Lo scopo dell’alleanza è sviluppare e costruire una nuova generazione di auto elettriche, inizialmente per il mercato cinese e poi anche per quelli di esportazione, ma anche investire nelle auto connesse, ambiti dove la Hon Hai ha già maturato competenze. Per la FCA si tratterebbe di un nuovo importante accordo, dopo quello del 2017 per la guida autonoma: il gruppo italo-americano si è alleato con le BMW, Intel e Mobileye per lo sviluppo di una piattaforma dedicata.



Aggiungi un commento
Ritratto di remor
17 gennaio 2020 - 10:59
Si prevede un cortocircuito totale nei commenti: i Cinesi avanguardisti nell'elettrico (e nell'elettronica in generale) che avrebbero dovuto invaderci con l'arrivo in massa delle loro vetture (spazzando via gli anacronistici ns.marchi); ed ora invece Fca "andrebbe" a costruire elettriche (e orientate alla guida autonoma) da vendere in Cina.
Ritratto di alex_rm
17 gennaio 2020 - 11:22
La Cina è più avanti dell Europa e sono la seconda economia mondiale e investono tantissimo in ricerca e sviluppo e nuove tecnologie.Nell elettronica i cinesi sono già molto molto più avanti di tutta l’europa basta vedere gli smartphone che fanno che hanno invaso il nostro mercato huawei,xiaomi ed ecc ecc e la cinese foxconn produce tutti gli iPhone.E anche le reti di telecomunicazione europee sono tutte in mano a huawei e zte.e i cinesi stanno colonizzando tutta l’Africa e sud america dove si impadroniscono delle materie prime.
Ritratto di remor
17 gennaio 2020 - 11:30
Giusto. Ma, come per l'auto tradizionale abbiamo visto nell'articolo dell'altro giorno quanto sia intrisa la classifica di vendita cinese di auto marchiate Vw, analogamente è logico supporre che anche per auto più attualizzate comunque gli serva/servirebbe/servirà un appoggio in merito alla parte più "da autoveicolo" del progetto (ed Fca ha veramente competenza a 360° spaziando davvero tutti i segmenti, dalle citycar chic alle muscle car, dalle premium/luxury ai fuoristrada veri, dalle utilitarie-berline low cost alle hypercar)
Ritratto di alex_rm
17 gennaio 2020 - 11:39
uno Dei pochi terreni in cui l’Europa é più avanti e sulle auto tradizionali ma sono in via di sostituzione dalle auto elettriche dov’è sono più avanti i cinesi,gli serviranno delle collaborazioni su quello che rimane di meccanico(sospensioni,tenuta di strada,telaio ed ecc ecc)sulle auto elettriche.
Ritratto di Road Runner Superbird
17 gennaio 2020 - 12:33
Hanno un know how indubbiamente maggiore sull'elettronica, ma sulle automobili e messa in strada non basta quello. Quindi piuttosto che fare auto da soli, senza conoscenze di settore e senza appeal, è più logica una collaborazione tra produttori tradizionali (telaio, design, messa a punto stradale, linee di produzione, rete vendita) e di elettronica e batterie (sviluppo, produzione). PS attenzione che sono avanti su certo tipo di elettronica, su quella automobilistica ci sono colossi europei come Bosch o Magneti Marelli.
Ritratto di Er sentenza
17 gennaio 2020 - 12:45
Le auto tradizionali sono in via di sostituzione dalle auto elettriche? Davvero? Nel mondo reale? Chissa' perche' io tutte le auto nuove che vedo in giro sono benzina,diesel,metano e qualche ibrida. Di gente con l'utilitaria elettrica da 30k non ne vedo.
Ritratto di zero
17 gennaio 2020 - 12:51
11
Non in via di sostituzione, ma di affiancamento: piaccia o no, anche in futuro non si potrà prescindere dai termici e elettrico e termico si divideranno il mercato. Anche i costruttori che oggi stanno investendo di più sull'elettrico sono consapevoli di questo... E i loro uomini lo dichiarano sempre ad ogni intervista.
Ritratto di Andrea Ford
19 gennaio 2020 - 18:30
Dal 2030 (se non prima) le elettriche verranno a loro volta sostituite dalle FCEV. Più efficienti e funzionali su tutta la linea: la nuova Mirai ne è un fulgido esempio: ha 650-700 km di autonomia, si rifornisce nello stesso tempo di un auto a motore termico ed è realmente ecologica perché non richiede produzione di litio e altri materiali ad altissimo tasso di inquinamento. Questo naturalmente imho e con rispetto parlando. Un saluto. Il Gwent.
Ritratto di Giuliopedrali
17 gennaio 2020 - 14:49
remor di 3 cose che hai detto non ne hai imbroccata una. In realtà i cinesi avevano bisogno di essere affiancati dagli europei nell'automotive 10-15 anni fa e poi non si farebbero affiancare da Fiat o FCA che vende zero in Cina...
Ritratto di remor
17 gennaio 2020 - 15:13
Purtroppo (per loro) non è così. Il marchio specifico Vw, che neanche in feudi come Svizzera o Austria (dove magari si vendono più Octavia) o la stessa Italia (una volta la Golf stravendeva, ora l'alternativa straniera è più sulle Francesi, qui oramai) lo fa più, invece in Cina domina a livello vendite. Il resto è la stessa base logica dettata dalla news; altrimenti chissà quale deduzione fantasiosalternativa immaginarsi al contenuto dell'articolo in questione
Pagine