Ferrari F8 Tributo: la 488 ha un’erede

28 febbraio 2019

Evoluzione della 488, la F8 Tributo ha un aspetto più grintoso, nuove soluzioni aerodinamiche e un V8 3.9 con 50 CV in più.

Ferrari F8 Tributo: la 488 ha un’erede

NESSUNO COME LUI - Il motore V8 3.9 delle Ferrari 488 GTB, 488 Spider e 488 Pista è considerato fra i migliori mai progettati a Maranello. È normale quindi che il Cavallino voglia utilizzarlo ancora a lungo, seppur dopo averlo debitamente aggiornato in occasione dell’arrivo di un nuovo modello: il 3.9 si trova infatti sotto alla carrozzeria della Ferrari F8 Tributo, la sportiva attesa al Salone dell’automobile di Ginevra 2019 (7-17 marzo) che prende il posto della 488. Il V8 3.9 guadagna 50 CV rispetto al modello in via di “pensionamento” e raggiunge i 720 CV, sempre erogati a 8.000 giri, mentre la coppia aumenta da 760 Nm a 770 Nm. Il V8 della Ferrari F8 Tributo diventa così il più potente motore a otto cilindri mai sviluppato per una Rossa non in serie speciale, vale a dire gli allestimenti in chiave sportiva 360 Challenge Stradale, 430 Scuderia, 458 Speciale e 488 Pista (dove il 3.9 eroga proprio 720 CV).

PARENTI STRETTE - La Ferrari F8 Tributo non è un modello sviluppato da zero, ma rappresenta  un aggiornamento della 488: lo si nota chiaramente da alcuni particolari, come i fari allungati, la lunghezza (invariata a 461 cm) ed i convogliatori dell’aria in prossimità delle ruote posteriori. Gli stilisti del Centro Stile della Ferrari, guidati da Flavio Manzoni, sono riusciti però a regalare una personalità diversa a questo modello, che appare più grintoso di quello che sostituisce: merito del fascione anteriore, più armonico, e dei nuovi fanali posteriori a led, circolari come sulla più grande e costosa 812 Superfast. La F8 Tributo cambia inoltre nella zona del cofano anteriore (ha scanalature più profonde) e del lunotto, dotato di feritoie per far defluire l’aria calda dal motore. Come su tutte le Ferrari anche qui l’aerodinamica è ai massimi livelli, perché la Ferrari F8 Tributo ha luci anteriori a led più compatte (c’è più spazio per le prese di raffreddamento dei freni) e l’S-Duct nel frontale, un’ala ispirata alle monoposto di Formula 1 che fa aumentare del 15% il carico aerodinamico sulla parte anteriore: la F8 Tributo si fa più stabile e precisa da guidare.

PIÙ LEGGERA, PIÙ VELOCE - Anche l’interno della Ferrari F8 Tributo è stato rivisitato, pur conservando l’impostazione della 488 con i comandi vicini allo sterzo: le bocchette sono rotonde, il volante ha un “corpo” centrale più snello ed è presente un nuovo schermo di 7” davanti al guidatore, che può osservare dati come la velocità massima o il tempo sul giro in pista senza volgere lo sguardo verso il cruscotto. Sul volante è presente il manettino per le modalità di guida, compresa la più estrema Race, ora abbinata al sistema Ferrari Dynamic Enhancer (FDE) per rendere l'auto più controllabile e intuitiva nelle curve. La F8 Tributo insomma diventa più facile da gestire anche per i piloti meno esperti, che si divertiranno sapendo che l’auto pesa 1.330 kg, 40 in meno della 488 GTB, e ha prestazioni ancora migliori: per lo “0-100” bastano 2,8 secondi, lo “0-200” viene portato a termine in 7,8 secondi e si raggiunge la velocità massima di 340 km/h.

VIDEO
Ferrari F8 Tributo
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
113
5
4
2
6
VOTO MEDIO
4,7
4.66923
130


Aggiungi un commento
Ritratto di Demon_v8
28 febbraio 2019 - 10:27
Capolavoro assoluto. Che sia di buon auspicio per il mondiale di Vettel e Leclerc
Ritratto di 6 in linea
28 febbraio 2019 - 10:34
Unico neo, la posizione delle maniglie. Nella vista di tre quarti posteriore sbalzano troppo. Per tutto il resto ineccepibile, arte su ruote.
Ritratto di Fr4ncesco
28 febbraio 2019 - 10:46
2
Hanno una funzione aerodinamica, servono a convogliare il flusso nella presa dietro, per questo sembrano una pinna.
Ritratto di 6 in linea
28 febbraio 2019 - 10:51
Ottima idea in tal caso, forse però sarebbe stato meglio renderle a scomparsa, almeno per quando è ferma. Forse avrebbero potuto utilizzare l'attacco degli specchietti retrovisori per ottenere un effetto aerodinamico simile. Ad ogni modo è magnifica!
Ritratto di Fr4ncesco
28 febbraio 2019 - 12:53
2
Vero, però evidentemente il meccanismo avrebbe aggiunto peso e qui sono andati al risparmio del grammo. Arrivare a 1330kg è stato davvero incredibile.
Ritratto di 6 in linea
28 febbraio 2019 - 19:41
Assolutamente d'accordo. Certo è da valutare se riuscirà a battere la 720S, che peraltro adoro. Ma credo che possano farcela!
Ritratto di simone_rossi
28 febbraio 2019 - 10:37
Magnifica, non le si trova un difetto che sia uno
Ritratto di marcoveneto
28 febbraio 2019 - 10:52
Finalmente ritorna il doppio fanale posteriore come da tradizione Ferrari...il singolo, come nella 458 e 488, "stonava" un attimino.
Ritratto di ziobell0
28 febbraio 2019 - 10:56
vero, il doppio fanale posteriore circolare è fantastico
Ritratto di Gwent
28 febbraio 2019 - 13:26
2
È la prima cosa che ho notato. Capolavoro irraggiungibile da qualunque marchio rivale. Ferrari è la regina delle super/hypercar. Questo naturalmente imho e con rispetto parlando per gli altri marchi. Un saluto, Gwent.
Pagine