Ferrari

Ferrari
488

da 296.000

Lungh./Largh./Alt.

460/198/121 cm

Numero posti

2

Bagagliaio

170 litri

Garanzia (anni/km)

3/illimitati

In sintesi

Berlinetta a due posti dalla linea mozzafiato, la Ferrari 488 sviluppa ed evolve profondamente i concetti della 458 Italia, modello del quale riprende alcuni spunti di stile e ricalca le dimensioni: è più lunga di un paio di centimetri e più larga di uno  (rispettivamente, le misure totali sono 459 e 195 cm), mentre l’altezza è la medesima (121 cm). Raffinatissima l’aerodinamica, che è di tipo attivo: grazie a elementi mobili, a seconda delle condizioni di guida viene privilegiato il coefficiente di penetrazione puro (così da ottenere le massime prestazioni velocistiche) oppure il carico aerodinamico (che favorisce l’aderenza): la guida è esaltante nei percorsi tortuosi e assolutamente precisa sul “veloce”, con un'aderenza infinirta. Vero elemento di svolta è il motore, un 3.9 V8 turbocompresso, che rompe la tradizione delle unità aspirate e innalza notevolmente l’asticella della potenza massima: al solito montato in posizione centrale (cioè alle spalle dell’abitacolo biposto), scarica sulle ruote posteriori ben 721 CV a 8000 giri. Complice il rapidissimo cambio robotizzato DCT a doppia frizione e sette marce, le prestazioni della Ferrari 488 Pista sono da supercar: “0-100” in 2,85 secondi, “0-200” in 7,6 e 340 km/h di punta. Nel raffinato abitacolo (i rivestimenti in pelle sono di serie) spicca il volante multifunzione, con paddle per la selezione sequenziale delle marce e i principali comandi nelle razze: fra questi, anche il manettino che consente di variare la taratura dell’elettronica di controllo.

 

Versione consigliata

La Ferrari 488 Pista  può essere “tagliata” sui gusti del cliente come un vestito di alta sartoria: la scelta di accessori è ampia, come lo sono le possibilità di personalizzazione estetica.

Perché sì

Dinamica di guida Fulminea e precisa nei cambi di direzione, l’auto “sente” le regolazioni del manettino nel volante; presente pure il controllo dell’assetto per essere più veloci in uscita di curva.

Motore Il 3.9 ha i numeri, il carattere e la “voce” per far dimenticare i leggendari antenati aspirati.

Contenuti tecnici Differenziale elettronico E-diff, controllo di trazione F1-trac, sospensioni attive, aerodinamica variabile, freni carboceramici: dietro la 488 Pista c’è il mondo delle competizioni.

Linea Quasi banale dirlo, ma poche altre supercar riescono a unire con altrettanta efficacia stile, personalità ed esigenze aerodinamiche.

 

Perché no

Listino Il prezzo è quantomeno impegnativo, ma non sono escluse integrazioni della dotazione, anzi.

Comandi Sono nel volante anche quelli di tergicristallo, luci e indicatori di direzione: utilizzarli richiede abitudine.

Facilità di guida Paradossalmente l’elettronica rende questa supercar “intuitiva”, ma per esplorarne i limiti serve esperienza e, soprattutto, una pista.

Praticità La 488 non è una GT per tutti i giorni: nell’abitacolo occorre “calarsi”, e lo spazio per i bagagli è ridotto al lumicino.

 

Ferrari 488
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
353
29
9
6
9
VOTO MEDIO
4,8
4.75123
406

Photogallery