NEWS

Fiat 500L: restyling in vista

24 ottobre 2016

La monovolume, introdotta nel 2012, dovrebbe subire alcune modifiche ispirate all'ultima edizione dalla 500.

Fiat 500L: restyling in vista

IL FRONTALE CAMBIA DI PIÙ - L'aggiornamento introdotto sulla 500 ha fatto da preludio a quello che la Fiat lancerà fra pochi mesi sulla monovolume Fiat  500L, in vendita da fine 2012 e attesa dal tradizionale restyling di metà carriera, studiato per mantenerla competitiva anche di fronte ad avversarie più recenti: nella stessa categoria si trovano ad esempio le Citroën C3 Picasso (che il prossimo anno vedrà l'arrivo di una nuova generazione), Ford B-Max e Kia Soul, tutte lunghe circa 420 cm e con un vano bagagli molto capace in relazione alle dimensioni esterne. Un esemplare camuffato della Fiat 500L del 2017 è visibile nelle fotografie pubblicate dal sito Autoevolution. L'auto è mascherata da pellicole protettive, ma sembra evidente che i tecnici della Fiat concentreranno le proprie attenzioni sul frontale, così da avvicinarlo a quanto visto sull’utilitaria.

CAMBIA ANCHE LA PLANCIA? - Nel frontale della Fiat 500L dovrebbero cambiare la mascherina, il fascione paraurti ed i fari, in maniera analoga alla 500, che potrebbe ispirare anche il disegno a led delle luci diurne: la monovolume, grazie a questi interventi, otterrà un aspetto più tecnologico e accattivante. Le modifiche al posteriore riguarderanno anche in questo caso la fanaleria ed il fascione. Gli scatti non permettono di valutare quali modifiche ha in serbo la Fiat per l'abitacolo, dove possiamo supporre che verranno introdotte migliorie nella plancia e nei suoi materiali. A livello tecnico non sono previsti cambiamenti: restano quindi i motori 0.9 benzina e 1.3 e 1.6 diesel, in alternativa alle varianti con alimentazione a gpl e metano. Il restyling verrà introdotto anche sulla 500L Living, più lunga di 20 cm (da 415 a 435 cm), che offre un abitacolo maggiorato.

Fiat 500L
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
210
138
96
93
205
VOTO MEDIO
3,1
3.074125
742
Aggiungi un commento
Ritratto di Davelosthighway
24 ottobre 2016 - 20:09
Mai sentito parlare di indotto? L azienda Ia ITALIANA che produce le viti per la 500L ha sede a Monfalcone , paga le tasse in Italia è da 2011 grazie a quell auto ha visto impennarsi fatturato e margini operativi . 150 milioni di euro all anno di fatturato di viti e bulloni.
Ritratto di iroko
24 ottobre 2016 - 20:21
il problema dell'indotto vale in entrambi i sensi se le viti sono fatte in Italia le centraline no, i motori in polonia e bho vai a sapere cosa. Quando un'azienda di auto ha sede all'estero e l'auto è prodotta all'estero anch'essa, mi spiace anche se c'è scritto fiat è come se fosse una seat... Grazie per il supporto al PIL che FIAT non da più all'Itali (come sede amministrativa non come fabbrichette "cacciavite" sul territorio)...
Ritratto di iroko
24 ottobre 2016 - 20:25
Inoltre hanno comprato i marchi americani regno dei pick-up e l'unico pick-up col marchio fiat è un mitsubishi dal primo all'ultimo bullone, fabbrica che tra l'altro è controllata ora da Renault storico rivale di FIAT). Se voglio una mitsu, compro una mitsu non una mitsu marchiata fiat, paracci!!! (PS se a qualcuno fosse sfuggito il discorso vale anche per il talento)
Ritratto di Davelosthighway
24 ottobre 2016 - 21:13
Scusami se ti dico che il tuo ragionamento é di scarso livello. Seguendo il tuo pensiero in Germania non venderanno più neanche un q5 perché é prodotto in Messico ? Ti dico che il tuo ragionamento é scarso perché non stai assolutamente considerando gli Asset del gruppo, il Know-how aziendale, il Centro Stile, la Ricerva e Sviluppo, gli Uffici tecnici che contano veramente . Stai guardando tutto dalla prospettiva sbagliata concentrandoti esclusivamente su un aspetto e anche se non proprio elegante da dire da ignorante in materia.
Ritratto di Davelosthighway
25 ottobre 2016 - 07:48
Ah già perché sono delle grandi menti i concorrenti tedeschi ? Vw senza i vari Giugiaro e da silva , designer comprati da vw per le auto più di successo non sarebbe mai arrivata dove é ora. il Made in italy spicca proprio nella fase progettuale , in quella esecutiva sta migliorando molto. Lo dimostra il fatto che sulle auto utilitarie , auto dove una vite in più in distinta base comporta guadagno o perdita Fiat é la numero uno. Questo é saper progettare e innovarsi, altro che fanfare del premium o non premium.
Ritratto di Antonio Gasbarro
31 ottobre 2016 - 15:31
Io sono perfettamente d'accordo con te,molte macchine di qualsiasi casa, sono costruite altrove tutte per risparmiare.Ricordo che in Italia ci sono 11 stabilimenti FCA,che lavorano e se continuano ad esserci bisogna ringraziare a tutto il gruppo,sperando sempre che va bene,ma alcuni italiani questo non lo capiscono,capiscono solo che paga le tasse fuori,che non e' vero perchè la maggiorparte delle tasse le paga in Italia,e i dipendenti le pagano tutte.
Ritratto di truthorno
24 ottobre 2016 - 22:46
....Ha lo stesso di quelle con marchio tedesco prodotte in Slovacchia, per la cronaca Audi, ma visto il marchio nulla da ecepire immagino.
Ritratto di truthorno
24 ottobre 2016 - 22:48
,,, magari qualcuno senza argomenti mi dirà; eccepire con 2 c
Ritratto di gilrabbit
25 ottobre 2016 - 11:18
Che senso ha comprare una Mercedes se è fatta in Ungheria o una Renault se fatta in Romania o una Ford se fatta in Spagna? Perchè un americano dovrebbe comprare una Jeep fatta in Italia?
Ritratto di Chapman
25 ottobre 2016 - 13:19
La Fiat chiude stabilimenti in Italia per trasferire la produzione all'estero! Le altre case automobilistiche non chiudono gli stabilimenti nei propri paesi e creano ricchezza all'estero!!!
Pagine