NEWS

Anche sulla Ford Fiesta il sistema che frena da solo

05 novembre 2012

Dopo le Ford Focus, la C-Max e la B-Max, anche la Fiesta ha adottato l’Active City Stop che controlla in continuazione che cosa succede davanti alla macchina e se necessario frena automaticamente.

PER FRENATE AUTOMATICHE - Sistemi che fino a ieri parevano appannaggio esclusivo della fascia alta del mercato, oggi arrivano sui modelli di più grande diffusione. Lo testimonia La Ford che ha appena lanciato la Fiesta con l’Active City Stop, il sistema che quando si procede a bassa velocità, nel caso rilevi un probabile impatto, interviene e ferma la vettura. 

UN PO’ RADAR E UN PO’ TELECAMERA - Il sistema ha il suo elemento nevralgico in un sensore collocato frontalmente. Il dispositivo controlla in continuazione la situazione tramite rapidissimi rilevamenti, sulla base di cui misura la distanza tra la stessa vettura e gli ostacoli che si vanno a incontrare. Nel momento che l’elaboratore rilevi che si va verso l’impatto, il sistema è in grado di "inchiodare" la macchina evitando la collisione. Il funzionamento può avvenire a velocità sino a 15 km/h. Da 15 a 30 km/h c’è comunque un intervento che riduce le conseguenze dell’urto. 
 

Fiesta active-city stop 3


VELOCISSIMO
- Il principio di funzionamento del sensore dell'Active City Stop della Fiesta è simile a quello del radar. Si basa sul calcolo del tempo impiegato dalla luce a riflettersi sulle superfici che incontra. Il dispositivo compie questa sorta di misurazione molto rapidamente, tanto da avere cinquanta rilevamenti al secondo (una telecamera normalmente realizza 24 immagini al secondo). I dati-immagini vengono inviati alla centralina elettronica che li elabora sulla base della velocità a cui si sta procedendo, e se constata che il rischio collisione è sicuro, interviene sul sistema frenante. Dapprima porta in pressione il circuito dei freni per rendere più efficace la frenata del conducente; se quest’ultimo non frena e non sterza, allora è lo stesso sistema a farlo, mentre contemporaneamente interviene sul motore riducendo la coppia motrice. 

SICUREZZA PER TUTTI -  Il sistema Active City Stop, che l’anno scorso ha ricevuto il riconoscimento Advanced Reward assegnato ogni anno dall’EuroNCAP, è già stato adottato sulla nuova Focus, sulla C-Max, anche a sette posti, e sulla B-Max.

Ford Fiesta
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
102
124
78
32
32
VOTO MEDIO
3,6
3.630435
368


Aggiungi un commento
Ritratto di Limousine
5 novembre 2012 - 16:55
Quando leggo di questi - ed altri, ovviamente - nuovi dispositivi per migliorare la sicurezza pure sulle berline di seg. B, plaudo sempre l'iniziativa. Peccato, però, che Ford "dimentichi" (pure sulle versioni TOP di gamma) alcune dotazioni che, forse, non contribuiscono granchè alla sicurezza di guida, ma tornano SEMPRE utili al momento del bisogno, come le maniglie ai lati del padiglione per tutti i passeggeri, le luci di cortesia pure per chi sta dietro o il bracciolo centrale al divano post. (lacune presenti, ad es., pure sulla nuova Peugeot 208). O, ancor peggio, l'ingiustificata assenza del termometro liquido refrigerante. Bene le nuove dotazioni inerenti la sicurezza, ma non scadiamo poi su simili, non secondari, "dettagli"!!!
Ritratto di mjmarvin95
5 novembre 2012 - 17:07
Hai ragione!! Ma non solo dimenticanze riguardanti la sicurezza, ma anche quelle che tu chiami (e che sono) secondarie. Come ad esempio le luci di cortesia nel bagagliaio: se non sbaglio si sono dimenticati di metterle sulla nuova Mercedes ML...
Ritratto di Limousine
5 novembre 2012 - 20:19
E' proprio vero ciò che dici! Spesso, infatti, non solo tali (fastidiose) "dimenticanze" sono patrimonio delle Case generaliste (Citroen, Chevrolet, Fiat, Ford, Hyundai, Kia, Honda, Mazda, Opel, Peugeot, Renault, ecc. ecc.), ma pure di quelle cosiddette "premium" (Audi, BMW, Jaguar, Mercedes, Volvo) e, se mi consenti, ciò fa girare non poco le scatole. Non capisco, infatti, cosa costi - a livello industriale - aggiungere un paio di luci di cortesia in più, o le maniglie d'appiglio per i passeggeri, o il cassetto portaoggetti con serratura (davvero rarissimo!!!), ecc. ecc. ecc. Non è micragnando su queste piccolezze che le Case "risparmiano", ma riorganizzandosi meglio i processi produttivi per ottimizzarne i costi.
Ritratto di mjmarvin95
5 novembre 2012 - 20:25
Hai ragione!!! Non credo questi tipi di scelte siano determinate dal bisogno di risparmiare, indipendentemente dal tipo di auto. Ed è vero che 'sta cosa fa girare le scatole!
Ritratto di H-ROSSA無限
6 novembre 2012 - 17:18
1
Ciao, mi ritrovo sempre con un grande punto interrogativo quando commenti, questa volta riguarda le case "generaliste" (come le chiami tu) e i marchi "premium". La domanda é questa, cosa intendi? Audi non mi sembra un marchio "premium", Volvo idem, ok su BMW e Mercedes, ok Jaguar...
Ritratto di mjmarvin95
6 novembre 2012 - 17:33
Scusa se mi intrometto... ma io non riesco a capire perché Audi non sia considerabile un marco "Premium". Non guardate soltanto agli estimatori ripieganti di Lexus e Infiniti. Come se fossero fatte di plastica le Audi. Sono un marchio Premium. Poi è un altro discorso andare a vedere chi tra Mercedes, Audi, BMW, Lexus, Infiniti ecc. abbia più qualità. Ma secondo me, ci sono zone più curate e zone meno curate. Per ognuna di queste auto.
Ritratto di H-ROSSA無限
6 novembre 2012 - 18:20
1
Perche le Audi sono auto del tutto normali a cui si sta dando troppa importanza, sono delle Volkswagen per chi vuole spendere qualche quattrino in piú, ma ben lontane dal prestigio di BMW e Mercedes
Ritratto di Limousine
6 novembre 2012 - 18:29
Premesso che, per pura convenzione, si considerano "generalisti" quei Marchi che producono prodotti a larga diffusione (come citycar, utilitarie, medie, ecc.) con costi medio - bassi e "premium" quelli che si rivolgono ad un pubblico disposto a spendere qualcosa in più (medie-superiori, ammiraglie, supersportive, ecc.), l'Audi e la Volvo (tanto quanto BMW, Jaguar e Mercedes o, se vuoi, pure Lexus e Infiniti) - indipendentemente se tu le reputi tali o meno - realizzano vetture con contenuti di maggior pregio. E' pur vero, però, che negli ultimi anni i cosiddetti "generalisti", hanno sensibilmente migliorato pure loro contenuti e qualità dei propri modelli, al punto da non farli più percepire come prodotti di "serie B", rispetto quelli - a torto o ragione - unanimemente classificati di "serie A". Spero d'averti chiarito ogni dubbio. Ciao!
Ritratto di H-ROSSA無限
6 novembre 2012 - 18:33
1
Si ma Audi produce la A1 ed ha anche prodotto la A2 , anni orsono. Non sono certo auto nobili
Ritratto di Limousine
6 novembre 2012 - 19:25
Se, come al sottoscritto, ti piace un po' la Storia, saprai bene che - diciamo "talvolta" - i titoli nobiliari non sempre si ereditavano per diritto di discendenza, ma pure per "altro". L'Audi, forse, non sarà "arciduchessa" di nascita, ma - grazie a Volkswagen - ne ha acquisito il titolo. Comunque, bella o brutta che sia, oggi un'Audi è costruita davvero con cura certosina e materiali d'alta qualità. E, se ciononostante non dovesse ancora piacerti, guardati pure in giro tranquillamente, che di "nobildonne" ne incontri a piacimento. http://fr.academic.ru/pictures/frwiki/75/Karoline_Auguste_von_Bayern.jpg
Pagine