NEWS

In Germania le stazioni di servizio dovranno avere la ricarica per le elettriche

Pubblicato 06 giugno 2020

Il provvedimento del Governo contribuirà alla diffusione delle auto elettriche.

In Germania le stazioni di servizio dovranno avere la ricarica per le elettriche

SI FARÀ PER LEGGE - La Germania sta preparando il terreno per diventare leader dei veicoli a batteria. Al fine di consentire la ripresa del settore dell’auto, che ha dovuto affrontare la crisi causata dalla pandemia, il Governo tedesco ha infatti previsto fino a 9.000 euro di incentivo per l’acquisto di auto elettriche e ibride entro una soglia di costo di 40.000 euro (qui per saperne di più).

ANSIA DA AUTONOMIA - Congiuntamente a questa misura, e al fine di garantire una diffusione con criterio dell’auto elettrica, il governo tedesco ha dichiarato che obbligherà tutte le stazioni di servizio a installare colonnine di ricarica al fine di consentire anche ai possessori di auto a batteria di “fare il pieno”. Questa misura dovrebbe contribuire a scongiurare l’ansia da autonomia, che spesso ha contribuito in maniera determinante a tenere lontani i più scettici. I legislatori inoltre pensano che possa essere un’occasione per incrementare la quota di mercato delle EV e delle ibride, che lo scorso anno era rispettivamente pari all’1,8 e al 6,6%.

MASSA CRITICA - Secondo la BDEW, l'associazione tedesca per l'industria dell'energia e dell'acqua, a marzo 2020 la Germania disponeva di 27.730 stazioni di ricarica per le auto elettriche. Sempre secondo l’associazione, al fine di far diventare le elettriche di massa, sono necessarie almeno 70.000 stazioni di ricarica, di cui 7.000 di tipo rapido.





Aggiungi un commento
Ritratto di Elix69
6 giugno 2020 - 19:21
Come si suol dire: "fare sul serio". In Italia? Soldi nel calderone di fca per costruire motozappe.
Ritratto di treassi
6 giugno 2020 - 20:03
Il problema è che si passa da un eccesso all'altro... basterebbe stare nel mezzo, eliminando il diesel e usare il sistema ibrido Toyota che riduce consumi e emissioni... poi puoi avere tutte le nicchie che vuoi, elettriche, plug-in o benzina super sportive... non è che tutti hanno lo smartphone da 700 euro o tutti quello da 100... buttare miliardi di euro in qualcosa che nessuno vuole in questo momento mi sembra solo un un'azzardo...
Ritratto di Elix69
7 giugno 2020 - 01:33
Non entro nel merito di quello che poi sarà il risultato finale ma la Francia vuole diventare leader dell'elettrico (parola di Macron) la Germania obbligherà le aeree di servizio ad istallare colonnine e in Italia? Prestiti ad fca per cosa? Voi lo avete capito? Io no, o meglio si ma.....poi se lo dico che questi signori sono come la banda bassotti viene giù il mondo. Tutti i tremor, i napolitan, i pavoni, i piccoli mari che vanno in giro con quelle zattere diluviane di fiat diversamente italiane sono pronti a s-parlare in nome di un presunto patriottismo da pizzicheria (che adesso va tanto di moda) per cui qualsiasi cosa ha ordinato prima il maglionne e poi el-can è scolpito sulle tavole greche e non è criticabile. Una visione prospettica del futuro, giusta o sbagliata che sia qualcuno in questo paese di italioti la offre?! No! Ne la fiat diversamente italiana ne tantomeno l'establishment governativo. Hasta luego italianos y buena suerte.
Ritratto di treassi
7 giugno 2020 - 08:44
Lo sai che su FCA la penso uguale, sfondi una porta aperta... se non fosse per i fiattari e lo stato italiano sarebbe già sparita da 30 anni... un po come Alitalia... pozzi senza fondo... dico solo che adesso propinano l'elettrico come 20 anni fa facevano con il diesel... tutto molto bello basta non guardare dietro... a fine anni '90 Toyota veniva derisa per l'ibrido eppure ne ha dimostrato la validità e si è creato una propria fetta di mercato... uguale Tesla 20 anni dopo si è creata una propria nicchia credendo nell'elettrico quando tutti dicevano che era impossibile... oggi magicamente tutti credono nell'elettrico solo perché costretti e solo perché costerà un botto, tanto pagheranno i clientie contribuenti, logicamente però facendo lauti guadagni nel frattempo... ma non si faceva prima a usare la tecnologia Toyota e sviluppare l'idrogeno piano piano e tra 20 anni avere qualcosa di innovativo magari ad un costo minore???
Ritratto di Elix69
7 giugno 2020 - 10:08
Probabilmente si ma come ben dimostrato anche in passato le logiche delle scelte economiche ed industriali non sempre sono collegate al reale beneficio della comunità....basta guardare alla logica della fiat diversamente italiana con il metano ed il gpl.
Ritratto di Sepp0
9 giugno 2020 - 10:54
Tesla si è creata una nicchia solo perchè è americana. In nessun altro paese al mondo un'azienda che produce solo perdite sarebbe rimasta in piedi così a lungo. Peraltro a far ele elettriche prezzandole a 50k son capaci tutti (difatti sono arrivati anche gli altri), il manic0 vero sta nel prezzarle quanto le concorrenti termiche senza rimetterci.
Ritratto di Miti
29 agosto 2020 - 14:19
1
Si poteva assolutamente. Ma il gusto dei soldini che entravano nelle tasche dei costruttori era meglio. Dobbiamo capire che nemmeno il Covid non cambierà ...o non ancora. E comunque non prendervi con la Stellantos. Stellantos Stellaqualcosa la. Adesso hanno ibride ed elettriche. Tante tante.
Ritratto di Oxygenerator
8 giugno 2020 - 08:28
@ Elix69 e treassi Concordo pienamente con i vostri ragionamenti. Noi italiani, invece di criticare chiunque e specialmente i tedeschi a c....o, dovremmo imparare da loro, sia come si migliora un’azienda, sia come progettare un futuro. Con la proverbiale furbizia che ci contraddistingue e lentamente ci uccide, noi non proponiamo mai niente, perchè le “nostre” aziende non rischiano mai. Lasciano agli altri lo sviluppo di una tecnologia, per poi eventialmente comprarla. Non a caso le aziende che progettano un futuro, più o meno condivisibile che sia, sono ( tedesche e giapponesi ) molto forti anche nelle vendite dei loro prodotti. Ovviamente qui sul blog, si da il merito di tutto ció alla pubblicitá, e non alla capacità industriale, perchè ovviamente abituati a dare tutte le responsabilià agli altri e a non esporci mai progettualmente, abbiamo perso sia la spinta che la capacità critica verso le aziende “ italiane “, che non progettano più niente oltre a non immaginare più un futuro. Per ció che riguarda l’elettrico, a mio avviso, la spinta considerevole datagli ultimamente, è perchè, tra poco più di 50 anni, andranno a diminuire fortemente le riserve degli attuali “ idrocarburi” naturali. Quindi si cerca una soluzione alternativa. Credo che il “beneficio” all’ambiente, se vi sarà, sarà solo un benefit collaterale, non la principale causa del cambiamento epocale delle nostre abitudini di vita.
Ritratto di nsx
7 giugno 2020 - 15:10
Treassi sei un grande
Ritratto di treassi
7 giugno 2020 - 16:19
:))
Pagine