NEWS

Honda HR-V: diffuso il listino prezzi

3 luglio 2015

Sarà nelle concessionarie Honda a settembre ma si può già ordinare. I prezzi partono da 20.350 euro. Due motori e tre livelli di allestimento.

Honda HR-V: diffuso il listino prezzi
IN TUTTO 11 VERSIONI - A un paio di mesi dal lancio commerciale del modello, la Honda ha comunicato la gamma con relativi prezzi della nuova crossover Honda HR-V. L’offerta è sostanzialmente semplice, con la gamma motori costituita da due unità, una a benzina e una turbodiesel, mentre tre sono gli allestimenti. Il tutto per 11 versioni, che cominciano con quello d’ingresso Comfort a cui si affiancano l’Elegance e l’Executive. Per le Honda HR-V a benzina c’è la possibilità di scelta tra cambio manuale 6 marce e la trasmissione CVT. I motori disponibili sono il 4 cilindri a benzina 1.5 i-VTEC da 130 CV e il 4 cilindri turbodiesel 1.6 i-DTEC da 120 CV. Entrambi offrono livelli molto contenuti di consumi ed emissioni di CO2. In materia il risultato più brillante è ottenuto dalla Honda HR-V turbodiesel 1.6 da 120 CV, con il consumo medio dichiarato di 25 km/l ed emissioni di CO2 pari a 104 g/km. E questo pur consentendo uno scatto 0-100 km/h in 10,1 secondi, più rapido di quello consentito dalla Honda HR-V i-DTEC da 130 CV con cambio manuale (10,3 secondi) e con il CVT (10,8 secondi).
 
VERSIONI COMFORT - Per quanto concerne l’equipaggiamento, la Honda HR-V si propone ben attrezzata anche nella sua versione base, la Comfort. L’elenco della dotazione comprende airbag frontali, laterali e a tendina, dispositivo di assistenza per le partenze in salita, servosterzo elettrico, sistema di assistenza nelle frenate di emergenza, sistema di frenata automatica in città, schermo del sistema multimediale, stop&start con Eco Assist, climatizzatore automatico, cruise control con limitatore di velocità, sensore crepuscolare per accensione automatica dei fari all’imbrunire, sedili anteriori riscaldati, vano bagagliaio sotto il pianale, impianto hi-fi con radio e lettori CD/Mp3 con Aux-in e Usb, con comandi al volante, vivavoce Bluetooth. Infine, le versioni Comfort possono essere arricchite con gli optional del navigatore satellitare Garmin, la radio digitale Dab, il doppio adattatore Usb e HDMI nonché dall’impianto di riproduzione dotato di 6 altoparlanti. A questo allestimento base già nutrito le versioni Elegance ed Executive aggiungono parecchio.
 
 
VERSIONI ELEGANCE - Scegliendo l’allestimento Elegance, che è quello intermedio, si ha la Honda HR-V che oltre a quanto previsto sulla Comfort prevede: allarme di pericolo di  collisione frontale, riconoscimento segnaletica stradale e riproduzione nel display in plancia, Cruise Control intelligente ISA, sistema che avvisa se ci si allontana dalla corsia, accensione automatica delle luci abbaglianti, fendinebbia, volante e pomello del cambio rivestiti in pelle,  climatizzatore automatico bizona, accensione automatica del tergicristalli in caso di pioggia, sensori di parcheggio anteriori e posteriori, Honda Connect con radio e lettore di CD, il doppio adattatore Usb e HDMI. Impianto hifi completo di 6 altoparlanti di serie. Gli optional per le versioni Elegance sono il  navigatore Garmin e la radio digitale Dab. Il pacchetto di dispositivi di assistenza alla guida prende il nome di ADAS (Advanced Driver Assist System) che contraddistingue le versioni nel listino.
 
VERSIONI EXECUTIVE - Infine, al top della gamma ci sono le versioni Executive che a tutto ciò che è sulla Elegance aggiunge: tetto panoramico apribile in vetro, mancorrenti, proiettori Led, Smart Key e pulsante di accensione, interni in tessuto/pelle, specchietto fotocromatico, retrocamera, navigatore Garmin di serie, radio Dab di serie, vetri posteriori oscurati, cerchi in lega 17". 
 
I prezzi della Honda HR-V
 
Versioni Prezzi
Honda HR-V 1.5 Comfort 20.350
Honda HR-V 1.5 Elegance Connect ADAS 22.350
Honda HR-V 1.5 1.5 Elegance Navi ADAS 23.100
Honda HR-V 1.5 1.5 Executive Navi ADAS 25.050
Honda HR-V 1.5 1.5 Elegance Connect ADAS CVT  23.850
Honda HR-V 1.5 1.5 Elegance Navi ADAS CVT  24.600
Honda HR-V 1.5 1.5 Executive Navi ADAS CVT 26.550
Honda HR-V 1.6 Comfort  22.550
Honda HR-V 1.6 Elegance Connect ADAS 24.550
Honda HR-V 1.6 Elegance Navi ADAS  25.300
Honda HR-V 1.6 Executive Navi ADAS1 27.250

 

Honda HR-V
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
90
67
40
20
21
VOTO MEDIO
3,8
3.77731
238
Aggiungi un commento
Ritratto di fanzel
3 luglio 2015 - 12:15
Non discuto sulla bontà del prodotto ma è assolutamente fuori mercato, come listini. Honda insiste su questo posizionamento in fascia alta ma diciamo che anche se sopra tecnicamente le Honda sono indiscutibili, si tratta pur sempre di costruttore generalista che non viene percepito come qualcosa di esclusivo (perlomeno lo era negli anni 80 ora no)
Ritratto di Bear Boss
3 luglio 2015 - 15:04
Perché negli anni 80 si e adesso no???
Ritratto di fanzel
3 luglio 2015 - 15:18
perchè negli anni 80 si notava una maggiore differenza alla produzione occidentale, maggior cura e tecnologie avanzate, oltre che una gamma variegata e articolata con berline, compatta aguerritissima (la portabandiera Civic è un pò sottotono ed è diventata ordinaria e non straordinaria come deve essere) un ammiraglia che almeno superava di gran lunga le tedesche, una lunga serie di coupè alla portatat di tutti ma che su strada erano fenomenali come l'indimentaca Prelude o Accord 2doors, e una supercar (inizio anni 90), si percepiva un maggiore gap rispetto i concorrenti secondo me e se dicevi "ho un Honda ti guardavno con ammirazione", adesso a parer mio siamo sempre su livelli eccellenti ma la concorrenza è li eh, non siamo più distanti, l'unica differenza è che Honda è considerata "esotica" quanto una Subaru, un marchio di nicchia ormai, mentre a livello extra Europeo è da grandi numeri
Ritratto di Bear Boss
4 luglio 2015 - 15:05
Con si potrebbe mai definire la Civic "ordinaria"? Piaccia o no ha un design spaziale che la differenzia enormemente dalle rivali rendendola allo stesso tempo assai più esotica anche di una rivale nipponica come la bella Auris o la anonima Pulsar. E anche il resto della gamma come anche tu fai notare, e' rimasto su livelli d'eccellenza (chi ti da un suv 1.6 diesel da 160 cv?), l'unico vero problema secondo me e' la testa della gente, negli anni 80 il Giappone era assai più mitizzato di oggi ed aveva un immagine prestigiosa nelle auto alla pari dei tedeschi seppur in ambiti diversi. Le riviste poi ricordo bene, elogiavano da morire le giapponesi, ricordo bene la prova della Civic 1.6 V-Tec su Quattroruote di marzo 92, ne scrissero con toni cosi entusiastici da non trovare riscontro oggi, non perché le Honda o le giapponesi siano peggiorate o non si siano sapute evolvere (ci mancherebbe!) ma solo perché oggi in Europa si tende ad essere molto protezionisti con i marchi europei spesso elogiati pure quando danno da mangiare alle galline e di contro, si è divenuti assai avari nei giudizi verso le auto giapponesi, mettiamo nel 95 c'era una rubrica su Auto Oggi che si chiamava "cosa ne pensano all'estero" e pubblicarono uno stralcio di una rivista francese che aveva testato l'allora da poco presentata Maserati Quattroporte scrivendo "l'ingegner Alzati ha il suo bel daffare nel rimarcare che i clienti Maserati non vogliono una Lexus 400", per giustificare l'artigianalità di certe finiture presumo...ecco oggi quando si leggerà mai una cosa simile in Europa? Le Giapponesi un tempo prese come metro di paragone oggi sono spesso deliberatamente ignorate: Quando trovi il post di una Lexus subito leggi "se la dovrà vedere con bmw e Mercedes" ma quante volte leggi nel post di una bmw o Mercedes "se la dovrà vedere con Lexus, Jaguar e volvo?".
Ritratto di alan61
27 ottobre 2015 - 09:54
Honda è l'eccellenza nella meccanica, specialmente nei motori di fascia media e piccola cilindrata (è il più grande produttore mondiale di motori). La grande differenza è che dalla fine degli anni 90 la produzione di auto non viene più dal giappone per questioni di dazi e scelte aziendali. Oggi sono auto prodotte (per la quasi totalità) da Honda Europe che monta componentistiche europee, le migliori ma lontane da quelle giapponesi. Dal 90 in poi ho avuto 4 honda e la differenza si sente! I motori tecnologicamente più sofisticati sono importati ancor oggi dal giappone. Quindi oggi compri un progetto meccanicamente molto curato e valido ma il resto è quello che trovi sulle migliori auto europee di categoria...
Ritratto di studio75
3 luglio 2015 - 12:21
5
due motori in croce e cambio cvt...è il solito punto debole di Honda. Mi spiace perchè quanto a spazio offerto a bordo sono imbattibili.
Ritratto di Sepp0
3 luglio 2015 - 12:30
...sono un po' dubbioso sul CVT, soprattutto se comparato al DCT di 500x, ma nelle rece di HR-V che ho letto all'estero, pare che sia davvero un ottimo CVT. Se riesco a starci comodo, potrebbe anche battere 500x sul filo di lana, per quanto mi riguarda, il plus del bagagliaio molto capiente è molto importante per me. Poi, vabbè, mio suocero meccanico mi ha detto che le giapponesi in generale sono dei muletti impressionanti e non danno quasi mai noie, ma lo immaginavo.
Ritratto di Bear Boss
3 luglio 2015 - 15:10
E al contrario di altri automatici o elettroattuati non invecchiano mai, funzionano sempre come fossero nuovi e necessitano di zero manutenzione. Anche io comunque ho letto che si tratta di un ottimo cvt che coi cvt del passato ha ben poco con cui spartire.
Ritratto di AlexTurbo90
4 luglio 2015 - 00:08
necessitano di zero manutenzione perché praticamente non hanno la frizione, ma se sono abbinati a dei powertrain "tradizionali" con trasmissioni altrettanto tradizionali che necessitano per forza di una frizione, manutenzione si deve fare eccome! Comunque, personalmente, i CVT li posso concepire solo sulle ibride Toyota/Lexus, perché lì sono pure la soluzione migliore per sfruttare al meglio i 2 motori garantendo un' elevata efficienza.
Ritratto di Sepp0
4 luglio 2015 - 12:05
...mi sa che la notizia dell'esistenza dei doppia frizione non sia ancora arrivata in Giappone, non può essere un caso che TUTTI i costruttori Jappi (a parte forse Mazda) propongano il CVT, a parte certe motorizzazioni/modelli particolari.
Pagine