NEWS

"K-cars", un fenomeno tutto giapponese

24 giugno 2011

La notizia che Nissan e Mitsubishi uniranno le forze per sviluppare una nuova generazione di microcar, ci dà lo spunto per ricordare quali sono state le migliori interpreti di un genere molto in voga in Giappone.

GRANDE FUTURO - NMKV è la nuova società che nasce dalla joint venture tra Nissan e Mitsubishi. L’azienda è operativa dal 1° giugno scorso ed ha sede a Takanawa. Le due case giapponesi svilupperanno in sinergia le cosiddette K-cars (che sta per keijidosha, auto leggere in giapponese) le "micro car" tanto popolari nella terra del Sol Levante. L’accordo è nato non solo per risparmiare sui costi di sviluppo e della componentistica, ma anche per far fronte alla prevista espansione di questo tipo di auto nei prossimi anni legata all’aumento dei prezzi dei carburanti. 

UN FENOMENO LOCALE - Le K-cars sono una realtà affermata nella terra del Sol Levante, perché consentono ai proprietari di godere di agevolazioni fiscali ed assicurative. Tuttavia, sono obbligatorie per coloro che non possiedono il garage personale. In questa categoria possono rientrare solo i veicoli lunghi al massimo 343 cm, mentre il motore dev’essere non superiore ai 660 centimetri cubi di cilindrata ed erogare al massimo 64 CV di potenza. Vediamo alcune delle K-cars più "famose", premesso che quese auto sono una realtà prevalentemente giapponese e che raramente hanno varcato i confini nazionali, come nel caso della Daihatsu Copen e della Mitsubishi i-MiEV.


MAZDA AUTOZAM AZ-1

Mazda autozam az 1 02 

La Autozam AZ-1 era una piccola sportiva della Mazda, venduta anche come Suzuki Cara. Le caratteristiche tecniche principali di questa vettura erano le porte ad ali di gabbiano e la carrozzeria in vetroresina che permise di contenere il peso della vettura poco sopra i 700 kg. La AZ-1 era lunga solo 3,3 metri ed era equipaggiata con il motore 657 turbo 12V a 3 cilindri da 64 CV, collocato in posizione centrale-posteriore. Fu prodotta tra il 1992 e il 1994 in soli 4.392 esemplari, solo per mercato giapponese.
 

DAIHATSU COPEN

Daihatsu copen 2007

La Daihatsu Copen è la piccola spider con capote elettrica in metallo, reclinabile in 20 secondi. È stata commercializzata anche in Europa dapprima solo con il volante a destra e con il motore 660 turbo da 68 CV, mentre nel 2006 ha debuttato la versione "High Grade" con guida a sinistra e il motore 1.3 a 4 cilindri da 87 CV di potenza; è uscita di scena solo lo scorso anno.
 

HONDA BEAT

Honda-beat-roadster-1007

La Honda Beat è stata l’ultima vettura approvata dal patron Soichiro Honda. Era una K-car con carrozzeria spider e motore 660 aspirato da 64 CV collocato in posizione centrale-posteriore. L’auto fu disegnata da Pininfarina e, nonostante l’aspetto da sportiva, raggiungeva la modesta velocità massima di 135 km/h. È stata prodotta dal 1991 al 1996 in circa 33.600 esemplari, solo con guida a destra.


MITSUBISHI i

Mitsubishi i 2011

La Mitsubishi i è la moderna micro car della casa giapponese, conosciuta anche in Europa, dove è venduta nella versione elettrica denominata i-MiEV, da cui derivano le gemelle francesi Citroën C-Zero e Peugeot iOn. In Giappone, la Mitsubishi i è disponibile con il motore 660 da 64 CV di potenza.
 

SUZUKI CAPPUCCINO

Suzuki cappuccino 91-97 30-original

La Suzuki Cappuccino era la diretta rivale della Honda Beat e fu prodotta dal 1991 al 1997. La Cappuccino utilizzava un motore 660 a tre cilindri da 64 CV abbinato a un cambio manuale a quattro marce. Dotata di impianto frenante con quattro dischi, le ultime versioni erano dotate anche di servosterzo elettrico e sospensioni a doppi triangolo in alluminio.

Aggiungi un commento
Ritratto di Mister Grr
24 giugno 2011 - 19:06
le conosce!
Ritratto di Zack TS
24 giugno 2011 - 19:16
1
esatto! ce l'avevo nel garage di GT4 la cappuccino...ovviamente elaborata, me pare che l'avevo turbizzata
Ritratto di bigshaft
24 giugno 2011 - 19:47
Anche se la Honda Beat era povera di cavalli, portarla a 9.000 giri dava gran belle emozioni :)
Ritratto di m1a2
24 giugno 2011 - 20:16
Quel gioco è pieno di auto giapponesi, anche diverse varianti della stessa auto (addirittura in GT5 c'è una GT-R prototipo black mask con i paraurti camuffati! http://goo.gl/nBP4n ) e purtroppo poche europee e americane... Jeremy Clarkson dice infatti che la GT-R deve la sua fama alla PlayStation. Così come della Subaru scrive che non erano nessuno 15 ani fa, ma Colin McRae cambiò le cose insieme all'aiuto di PlayStation e GranTurismo... La Copen comunque, al contrario della Cappuccino, non riesco proprio a sopportarla.
Ritratto di Zack TS
24 giugno 2011 - 20:41
1
beh insomma, GTR e subaru devono la loro fama alla meccanica eccezionale che c'è alla base di queste vetture.....è un po riduttivo dire che sia solo merito del videogioco!
Ritratto di m1a2
24 giugno 2011 - 20:49
Beh, si, sono le solite esagerazioni ironiche di Top Gear. Sottolineano comunque il legame tra GT e le case giapponesi e la pubblicità che il videogioco fa alle loro auto.
Ritratto di Zack TS
24 giugno 2011 - 21:45
1
si è vero, però in gt4 c'era di tutto dalle alfa alle audi, dalle peugeot alle citroen.....diciamo che le giapponesi sono tante perché ci sono moltissimi modelli sportivi giapponesi (molti non importati da noi), ed essendo un gioco racing........abbondano
Ritratto di m1a2
24 giugno 2011 - 21:55
In GT5 si nota di più la differenza... Mentre i modelli giapponesi sono di più e ci sono anche auto inutili, utilitarie anche poco note e in più varianti, le auto occidentali sono di meno e di alcune case ci sono solo modelli vecchi. Ad esempio la Golf V ma non la Golf VI, Alfa Romeo vecchie (perché prese dal 4) ecc.. Se ci fosse la stessa varietà di auto anche per le auto eurpee ad esempio, ci sarebbero anche la Grande Punto o la Panda. Magari anche l'Isetta... Mi sembra giusto comunque che privilegino le auto della loro nazione, per quanto mi spiaccia non poter vedere in quel bellissimo gioco tutte le mie auto preferite.
Ritratto di Baf
25 giugno 2011 - 08:52
Anche io sono un fan della serie Gran Turismo ed è vero che è incentrata soprattutto a valorizzare le auto nazionali e, giustamente, a vedere le nostre auto, quelle europee (tipo le Alfa, le Audi...), come auto "esotiche". In ogni caso la Panda c'era in GT4, era possibile comprarla solo usata, così come la 156 e la 166.
Ritratto di akabuster
26 giugno 2011 - 09:26
Clarkson non capisce nulla di auto, le giudica solo in base a due cose: il nome che portano e il tempo che fanno in pista. In pratica discorsi da bar. Per lui se non sono ferrari o lamborghini non vanno bene, prova ne e'il fatto che ha disprezzato la LFA quando un collaudatore tester molto famoso l'ha definita la migliore esotica che abbia mai avuto modo di guidare. Ora sara'anche esagerata st'affermazione ma di certo quando si parla di LFA si sta'prendendo l'eccellenza automobilistica (Lexus) applicata all'auto esotica. Clarkson riprenditi che stai un po'acido.
Pagine