NEWS

Kia Ceed: la parola al designer Guillaume

16 febbraio 2018

Il responsabile europeo del design della Kia ci ha raccontato di com’è cambiata la nuova Ceed.

Kia Ceed: la parola al designer Guillaume

STILE PIÙ DECISO - La terza edizione della berlina compatta Kia Ceed sembrerà ai meno esperti un “semplice” aggiornamento di quella in vendita dal 2012. Del resto mantiene dettagli come ad esempio i fari allungati sui passaruota o la sottile mascherina anteriore, che secondo gli stilisti della Kia ricorda il naso di una tigre. In realtà la Kia Ceed 2018 cambia profondamente a livello meccanico (la base costruttiva è nuova) e di stile, non soltanto perché assume un look più slanciato e ha linee orizzontali che la rendono più scolpita, quando la vecchia edizione era morbida e tondeggiante. “Vogliamo catturare l’attenzione e andare oltre lo stile poco emozionale delle vecchie Ceed - ci ha raccontato Gregory Guillaume (foto qui sopra), a capo del centro stile europeo della Kia -. È per questo che abbiamo cambiato le proporzioni e disegnato una sagoma laterale del tutto inedita”.

MONTANTE ARRETRATO - La nuova meccanica di base ha concesso maggiori libertà agli stilisti della casa coreana, che sono intervenuti prima di tutto sulle proporzioni: la Kia Ceed 2018 è più bassa di 2,3 cm rispetto alla vecchia edizione e ha un’estremità anteriore più raccolta (-2 cm). Sembrano dettagli, ma dal vivo la berlina appare raccolta. Quello che cambia maggiormente però è la posizione del montante anteriore. “Lo abbiamo spostato indietro di 7 cm per arretrare la cabina di guida e far sembrare il cofano più lungo, come sulle sportive” ci ha spiegato Guillaume, mostrandoci come l’incremento della larghezza e le linee orizzontali del fascione anteriore e del portellone facciano sembrare la berlina meglio “piazzata” e più imponente di quella che sostituisce. Gli stilisti insomma non hanno cambiato quei dettagli che hanno reso la Kia Ceed un modello fortunato (è la seconda Kia più venduta in Europa), ma sono intervenuti per farla sembrare più ricercata.

L’ISPIRAZIONE E’ LA STINGER - Nella sua storia il costruttore non ha mai privilegiato le linee decise e personali, scegliendo invece uno stile più rassicurante e sobrio che rispecchia meglio le sua caratteristiche di affidabilità e concretezza. La Kia però ha cambiato approccio con la berlina Stinger, una cinque porte lunga 483 cm che si discosta dalla tradizione del marchio, in quanto è dotata della trazione posteriore e di potenti motori a 6 cilindri. “Nessuno è rimasto sorpreso da una vettura come la Stinger, nonostante sia un genere di auto fuori dalle nostre corde - è il pensiero di Guillaume - ciò fa capire quanto è cambiata la Kia negli ultimi anni. Siamo un marchio in evoluzione e per farlo stiamo puntando su vetture più appariscenti come la Stinger e la nuova Ceed”. Lo stilista ha anticipato inoltre che la Kia Ceed riceverà l’allestimento in chiave sportiva GT Line, la variante ad alte prestazioni GT e la carrozzeria wagon, che verrà mostrata al Salone di Ginevra (8-18 marzo).

Kia Ceed
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
10
11
17
7
3
VOTO MEDIO
3,4
3.375
48


Aggiungi un commento
Ritratto di Doraemon
16 febbraio 2018 - 11:35
Davanti assomiglia alla Ford Focus, lateralmente è una Hyundai i30 e il posteriore sembra un'Alfa Stelvio. Non spicca per originalità, sicuramente è una buona/ottima auto ma sul piano del design è banale.
Ritratto di steff69
16 febbraio 2018 - 12:10
Se guardi bene ha anche il vano motore dell'Astra e la stecca dell'olio molto simile alla Peugeot 308. Solo per questo non la comprerei mai.
Ritratto di hulk74
16 febbraio 2018 - 20:47
Le luci dei fari sono della Porsche... E sono serio
Ritratto di Bacca
19 febbraio 2018 - 03:24
Per vederci la focus davanti ci vuole una fantasia enorme
Ritratto di M93
16 febbraio 2018 - 11:55
Rispetto alle edizioni precedenti, di nota maggiormente la “condivisione” con la i30. Pur non dispiacendomi e trovandola comunque equilibrata nel design, non mi convince il taglio (o meglio, l'angolo) della portiera posteriore e del relativo terzo finestrino in zona montante C. Per quel che attiene l’abitacolo mi sembra ben fatto, ancorché molto ordinario: come sempre (ma la tendenza è questa) non mi piace il tablet posticcio per l'infotainment, ma sono gusti.
Ritratto di steff69
16 febbraio 2018 - 12:15
Scusami eh...come fai a dire che il tablet è "posticcio"? Potrei capirti se fosse montato after market oppure immesso su una "seconda serie" dove sul modello originale non fosse stato neppure predisposto, ma notando il contorno che addirittura si unisce alle bocchette della climatizzazione non è proprio posticcio! Semmai puoi dire che non apprezzi il montaggio "a sbalzo" (così come Mercedes classe B e tante altre, che non piace neppure a me...).
Ritratto di Agl75
17 febbraio 2018 - 14:02
Il tablet è antiestetico per definizione. Fosse a scomparsa, sarebbe almeno un po’ differente.
Ritratto di ELAN
16 febbraio 2018 - 12:18
1
Guglielmo ha iniziato bene, ma quando doveva disegnare la fiancata era già l'ora di pranzo e non ne aveva voglia, mentre quando era il momento del posteriore dell'auto... era già a tavola! Buon appetito.
Ritratto di dreamerofcars
16 febbraio 2018 - 12:48
ha un'estremita' anteriore più' raccolta...sembra la focus, o e' la focus che sembra la ceed
Ritratto di dreamerofcars
16 febbraio 2018 - 12:50
idea: ma perche' non fanno una bella fusione tutti i costruttori e poi in virtù delle ottimizzazioni abbassano il prezzo del 70%
Pagine