NEWS

Kia Stinger GT420: "animale" da pista

Pubblicato 27 luglio 2019

Per ribadire che la Kia Stinger è un'auto tutta da guidare, la casa realizza questo esemplare unico con motore V6 portato a 422 CV e 150 kg di peso in meno.

Kia Stinger GT420: "animale" da pista

ESEMPLARE UNICO - Lunga 483 cm e pesante più di 1700 kg, la berlina Kia Stinger non ha certo il “phisique du role” dell’auto da pista. Questo però non secondo la casa coreana, che ha realizzato l’esemplare unico denominato Kia Stinger GT420, una vettura dimostrativa che ha fatto il suo esordio mercoledì 24 luglio sulla pista inglese di Silverstone. La Kia Stinger GT420 è stata realizzata sulla base di una fra le prime Stinger giunte nel Regno Unito, apparsa anche nel celebre show The Grand Tour: aveva percorso circa 16.000 km ed era un’auto di pre-produzione, quindi non poteva essere rimessa in vendita. 

ASSETTO RIVISTO - L’auto è dotata del motore a benzina biturbo V6 3.3, rivisto dagli esperti della Kia al fine di modificarlo per l’utilizzo in pista: è stato rivisto nell’elettronica, ha un nuovo sistema di scarico (privo di catalizzatore) e adotta un filtro per l’aria di tipo sportivo. Questi interventi hanno fatto salire la potenza da 366 a 422 CV, mentre la coppia è passata da 510 a 560 Nm. Il cambio automatico ad 8 marce non ha solo una logica di funzionamento più sportiva, ma è in grado di dissipare meglio il calore per non surriscaldarsi nella guida più decisa. La Kia Stinger GT420 è dotata inoltre di ruote alleggerite di 19”, di freni anteriori maggiorati (quelli posteriori non sono stati modificati), di una nuova barra anti-rollio posteriore e di molle ribassate, per rendere l’auto più manovrabile quando si guida in pista, dove il pilota può anche escludere i controlli di trazione e stabilità. A tal proposito contribuisce anche la diversa inclinazione delle ruote.

DENTRO C'È IL ROLL BAR - La Kia ha effettuato anche un profondo lavoro di alleggerimento, eliminando il divano, le cinture di sicurezza posteriori, l’impianto audio, le tappezzerie interne e gli alzavetro posteriori (i vetri posteriori sono stati incollati). La Kia Stinger GT420 non ha inoltre i sensori di distanza, la copertura del motore e il tetto apribile, sostituito con un pannello di metallo, oltre ad equipaggiamenti di sicurezza ritenuti “sacrificabili” come le barre anti-intrusione posteriori. Il peso è diminuito di circa 150 kg, nonostante la presenza della gabbia di sicurezza, dell’estintore e dei sedili anteriori a guscio, che prendono il posto di quelli in pelle con regolazioni elettriche. La batteria per l’avviamento del motore è sostituita da una più leggera.

Kia Stinger
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
81
51
26
14
13
VOTO MEDIO
3,9
3.935135
185


Aggiungi un commento
Ritratto di Andre_a
27 luglio 2019 - 23:47
Interni a parte, la Kia ha fatto ciò che farebbe la maggior parte dei possessori di auto sportive se il tuning fosse legale. Alla faccia dell’esemplare unico...
Ritratto di HomerSimpson
28 luglio 2019 - 09:07
Beh in America il tuning è molto più legale. In Italia i problemi sono, il 3.3 litri da 370 cv è improponibile, il 2.2 da 200 cv andrebbe meglio ma si è mai sentito di un tuning sul diesel??? Non penso, ci vorrebbe anche in Italia il 2.0 litri da 255 cv, ma non viene importato.
Ritratto di Andre_a
28 luglio 2019 - 10:17
Non intendevo la Kia Stinger in generale, ma questo esemplare unico “il mio falegname con 20000 lire lo faceva meglio”. Ps: il tuning sul diesel esiste eccome!
Ritratto di ilpellegrino
29 luglio 2019 - 09:18
@Andre_a ma dici sul serio?
Ritratto di Andre_a
29 luglio 2019 - 09:57
Certo! Le modifiche, stando all'articolo, sono: scarico, filtro dell'aria e riprogrammazione delle centraline per la bellezza di 56 cv extra, quello che in gergo si chiama soft-tuning. Continuiamo con nuovi cerchi da 19, freni anteriori, barra antirollio e molle ribassate: qui il mio falegname con 20000 lire no, ma il mio tuner con 20000 euro almeno i freni dietro e degli ammortizzatori regolabili te li mette sicuramente. Anche dentro oltre al roll-bar e alla rimozione del tetto apribile (che sicuramente non é stato un lavoro facile) troviamo sedili Sparco e cinture OMP che puoi acquistare da qualsiasi rivenditore, poi hanno tolto tutto quel che potevano, incollato i vetri posteriori (quando le auto da corsa li sostituiscono col piú leggero plexiglas) e cambiato la batteria. La vettura di base é ottima e il tuning é stato fatto con gusto, ma da qui a definirla "esemplare unico" e "animale da pista" c'é una bella differenza. A meno che non vogliamo chiamare esemplare unico anche la mia prima macchina dopo che le misi il pomello del cambio rosso comprato all'Ipercoop :D
Ritratto di GeorgeN
28 luglio 2019 - 08:42
E sta facendo la barba, tutti i giorni, all' Alfa Romeo Giulia in USA...
Ritratto di Gwent
28 luglio 2019 - 11:32
2
Cioè vende più della Giulia negli USA? Io vorrei rendermi conto di com'è quest'auto ma ancora non ne ho mai vista una dal vero, probabilmente dovrò andare dal concessionario Kia per capire. Questo naturalmente imho e con rispetto parlando. Un saluto. Il Gwent.
Ritratto di GeorgeN
28 luglio 2019 - 15:38
L'ho vista dal vivo: è bellissima! Poi ovvio che la Stinger venda di più della Giulia visto che la Kia-Hyundai-Genesis occupano i primi 3 posti della classifica di affidabilità mentre l' AR non è manco pervenuta nella classifica. Di certo è che l' AR ha superato la triade tedesca nell' affidabilità ma il marchio è molto legato al gruppo fca ove fiat è sempre all' ultimo posto (31°); jeep 17°; ram 9°, dodge 19°...
Ritratto di Gwent
28 luglio 2019 - 22:17
2
Veramente la clasdifica 2019 di J.D. Power "Dependability Study" dice che le cose siano andate un po' diversamente: Problems per 100 cars, al numero 1) Lexus 106 su 100, 2) Porsche e Toyota aex equo 108 su 100, 3) Chevrolet 115 su 100, 4)Buick 118 su 100, 5) Mini 119 su 100, 6) BMW 122 su 100, 7) Audi aex equo con Hyundai 124 su 100, 8) Kia 126 su 100, 9) Infiniti 128 su 100, 10) VW 131 su 100, 11) Mercedes 134 su 100, 12) Subaru 136 su 100. Average Industry 136. Sotto l'average non ho più letto.
Ritratto di GeorgeN
29 luglio 2019 - 08:55
Mi riferisco alla classifica JD power 2018. Il 2019 non è ancora chiuso e aspetto di vedere dati definitivi verso la fine 2019. Di certo è che la triade koreana occupa i primi 3 posti dell'affidabilità, da anni, nel mercato americano.
Pagine