NEWS

Maserati MC20: un nome, tanti significati

Pubblicato 21 febbraio 2020

Svelato il nome della supercar che verrà presentata a maggio 2020: è un omaggio alle MC12 e Tipo 26.

Maserati MC20: un nome, tanti significati

VUOTO TEMPORANEO - Dopo l’uscita di scena di GranTurismo e GranCabrio, avvenuta a novembre, la Maserati è rimasta senza auto sportive. Ma questo vuoto è solo temporaneo e premessa di un grande cambiamento, perché la casa modenese ha in programma l’arrivo di nuovi modelli ad alte prestazioni, per la prima volta anche ibridi ed elettrici (qui per saperne di più). Uno di questi sarà svelato a fine maggio e prenderà il nome Maserati MC20 (nelle foto un esemplare camuffato in fase di collaudo).

TORNA ALLE CORSE - MC20 (qui sopra il logo) è un nome ricco di significati, non soltanto per la Maserati ma per tutti i fan delle sportive. MC sta per Maserati Corse (la squadra racing del Tridente) e rende omaggio alla hypercar Maserati MC12 del 2004, quasi imbattibile nelle gare di durata fra il 2004 e il 2010. Il numero 20 è l’anno di produzione, messo in evidenza anche dalla Maserati Tipo 26, che fu la prima auto da corsa del Tridente. Questi richiami alle gare non sono casuali, perché dalla MC20 sarà derivata una versione da pista, con la quale la Maserati tornerà alle corse.

ANCHE ELETTRICA - La Maserati MC20 verrà prodotta nella storica fabbrica di Modena, rinnovata per l’occasione, e sarà una supercar dalla raffinata tecnica, a partire dal telaio in fibra di carbonio con il motore termico disposto in posizione centrale-posteriore (qui per saperne di più): secondo indiscrezioni, dovrebbe essere un 6 cilindri biturbo, il primo della nuova famiglia di motori sviluppati dalla casa modenese, al quale si affiancherà un motore elettrico a comporre il sistema ibrido. Non prima del 2022 arriverà la versione elettrica.





Aggiungi un commento
Ritratto di remor
21 febbraio 2020 - 09:32
Va riconosciuto che nel mix a scalare Ferrari-Maserati-Alfa di potenziale a proporre auto iconiche già solo nell'idea a monte e poi anche di fatto straordinarie nella pratica (da definire di caso in caso a quale brand affibbiare) ce n'è veramente all'infinito. Speriamo i Francesi ne prendano coscienza nell'approcciare le strategie del neo-gruppo. Cioè basti la frase """quasi imbattibile nelle gare di durata fra il 2004 e il 2010""" per far capire di cosa si sta parlando
Ritratto di Gianluigi74
21 febbraio 2020 - 09:42
Francesi? a me risulta che il futuro presidente e azionista di maggioranza sarà John Elkann (alias nipode dell'avvocato) francesissimo erede degli Agnelli .... così tanto per riportare i fatti non le fantasie complottistiche tipiche degli italiani.
Ritratto di Alfiere
21 febbraio 2020 - 09:55
Non credo si riferisse alla proprietà ma al ruolo di alcuni francesi, in particolare Tavares al comando, che ha già dimostrato di avere una reale conoscenza del mondo dell'auto e una certa propensione a saper gestire il branding (posizionamento del prodotto) cosa che in famiglia agnelli manca, avvocato compreso.
Ritratto di lucios
22 febbraio 2020 - 08:30
4
Chi deciderà è Tavares!
Ritratto di Pavogear
21 febbraio 2020 - 12:34
Speriamo bene, e in particolare mi auguro che venga rispettata l'identità sportiva di Alfa Romeo e Maserati e che continuino ad essere utilizzati gli splendidi pianali già in loro possesso tipo il Giorgio anziché quelli del gruppo PSA che nulla hanno a che vedere con le caratteristiche che deve avere un pianale per auto di questo tipo
Ritratto di lucios
22 febbraio 2020 - 08:31
4
Il basso di gamma Alfa avrà telai PSA, e con quelli farà i numeri.
Ritratto di IloveDR
21 febbraio 2020 - 09:34
4
MA VERAMENTE!!! mo fanno l'evento per presentare il nome di un'auto, che poi è di una banalità sconvolgente, sembra il nome di un tosaerba, di una pomp per il pozzo, di un motore elettrico per cancelli automatici...potevano partorire un 4C-MC20, più logico
Ritratto di remor
21 febbraio 2020 - 09:47
Questo fatto dei nomi devo essere onesto non l'ho mai capito. Cioè magari non piacciono Stelvio piuttosto MC20 o F40 ed invece poi passano, per dire un filone dei tanti effettivamente esistenti (e fra l'altro anche di successo!), nomi di sport come che ne so non oserei immaginare una Fiat Pallavolo o una Lancia Basket. Bah...
Ritratto di Pavogear
21 febbraio 2020 - 12:38
Almeno il gruppo FCA dà anche dei nomi veri. La triade tedesca usa solamente sigle alfanumeriche per le proprie auto, e la Dr che tanto ti piace usa solamente i numeri dallo zero al 6. La Hyundai usa una i seguita da un multiplo di 10 per la maggior parte dei suoi modelli, la Lexus usa nomi con due lettere buttate a caso. E il problema sarebbe la mancanza di fantasia di FCA?
Ritratto di Blablabla
21 febbraio 2020 - 16:23
Ma come non lo sai???? Il problema è sempre cosa fa FCA.
Pagine