NEWS

Maserati, il V6 Nettuno nasce così

Pubblicato 09 febbraio 2021

La Maserati torna a produrre motori, e lo fa con un rivoluzionario V6 da 630 CV. Vediamo come viene realizzato. 

Maserati, il V6 Nettuno nasce così

NUOVO, MA CON UNA LUNGA STORIA ALLE SPALLE - La supercar Maserati MC20 (di cui parliamo diffusamente qui) è il modello che riporta la casa italiana nel settore delle supercar, e lo fa riconducendo la produzione negli storici stabilimenti di Modena (la Maserati ha la sua sede qui sin dalla fine degli anni 30). In via Ciro Menotti viene montato anche l’innovativo 3.0 V6 biturbo chiamato Nettuno, che è un’esclusiva del costruttore emiliano, vanta un sistema di combustione brevettato e costituirà la base per i motori dei modelli a venire della casa del Tridente: la suv Grecale e le nuove GranTurismo e GranCabrio. Questo avviene dopo due decenni in cui i motori a benzina delle Maserati sono stati prodotti dalla Ferrari. Il nuovo comparto dove prendono vita i sei cilindri si chiama Engine Lab: grazie al responsabile Jonata Azzali e a Matteo Valentini, capo della progettazione, abbiamo potuto effettuare una visita (seppur virtuale), per capire le tante attenzioni necessarie per garantire prestazioni e affidabilità. 

DUE INIETTORI E DUE CANDELE PER CILINDRO - Ricordiamo che il V6 di 90° è un 3.0 con le caratteristiche tipiche dei motori più sportivi: ognuna delle due bancate di cilindri è supportata da un turbo e la lubrificazione è carter secco, senza coppa dell’olio: così si garantisce il perfetto funzionamento anche nelle curve affrontate alla massima velocità (nel sistema tradizionale il liquido sarebbe centrifugato sulle pareti, creando problemi di pescaggio) e si abbassa il baricentro della vettura, a vantaggio della dinamica di guida. Ma è anche il primo motore a benzina omologato per l’uso stradale a sfruttare una particolare tecnologia, sviluppata precedentemente per la Formula 1. Il sistema, brevettato e denominato Maserati Twin Combustion, prevede due iniettori per cilindro: uno spruzza direttamente nel cilindro (iniezione diretta) e uno nel condotto di aspirazione (indiretta). Ma la vera particolarità è che la miscela aria-benzina è accesa da una candela posta all’interno di una precamera (un piccolo volume aggiuntivo collegato alla camera di combustione da sottili canali); c’è poi un’altra candela, laterale, che completa la combustione. Questo sistema, gestito da una sofisticata elettronica, consente di bruciare più rapidamente il carburante, ottenendo ben 210 CV/litro (630 in totale) pur con consumi ed emissioni proporzionalmente contenuti.

SPECIALISTI ALL’OPERA - Il nuovo Engine Lab nasce nella stessa area dove in passato si realizzavano i motori Maserati e si può assimilare a un vero e proprio laboratorio: l’interno è mantenuto a una pressione leggermente superiore a quella dell’ambiente esterno, così da impedire l’ingresso anche delle più piccole particelle di polvere. Questa pulizia “estrema” è abbinata a un assemblaggio manuale, ma che sfrutta la tecnologia per garantire la precisione del processo: indispensabile per ottenere affidabilità e cavalli da un motore così raffinato. Il montaggio è effettuato da poche persone, che lavorano in sei postazioni successive seguendo passo dopo passo le istruzioni riportate su degli schermi; servono 24 ore in tutto per completare un V6 Nettuno, e ogni operatore dedica quattro ore al suo compito. A oggi, escono dai quattro ai sei motori al giorno, ma con la possibilità di arrivare a dieci. 

MONITORAGGIO CONTINUO - Il lavoro è di responsabilità, ma ci sono gli strumenti per evitare ogni tipo di errore. Per esempio, la correttezza del montaggio delle guarnizioni fra le canne dei cilindri e il basamento (prodotto a Termoli) è verificato tramite una telecamera, mentre l’accoppiamento dei cuscinetti di banco e di biella e dei pistoni è effettuata tramite codice a barre, che fornisce solo i componenti della misura corretta. Complesso il montaggio delle teste, che oltre alle valvole prevedono la precamera; alla fine, le camere di combustione sono messe in pressione, così che si possano rilevare eventuali trafilaggi. La coppia di serraggio di tutte le viti è monitorata elettronicamente e registrata, con una particolare attenzione è riservata ai collettori di scarico: nell’uso più esasperato, questi componenti possono arrivare a quasi 1000 °C, con stress termici molto elevati. Per evitare perdite e fessurazioni, la procedura di fissaggio deve essere molto precisa, e quindi una telecamera abbinata all’avvitatore segue l’ordine con cui sono bloccate le viti, avvisando l’operatore in caso di errore nella sequenza. L’impianto di iniezione è infine controllato in 21 punti diversi per verificare l’assenza di perdite (cosa importante, anche considerando che l’impianto di iniezione diretta lavora fino a 350 bar); invece della benzina viene immesso dell’elio (gas inerte, che non causa problemi ai materiali di cui è composto il motore), i cui eventuali trafilaggi sono rilevati da un sensore.

LI PROVANO TUTTI - Prima di passare nell’edificio a fianco, dove sarà montato in una Maserati MC20, ogni motore passa dalla sala prove: è un vanto della Maserati, quello di verificare ogni singolo propulsore. Si tratta di 40 minuti di test, con misurazione dei valori di potenza e coppia e il controllo di un centinaio di parametri. In più, una volta al mese, un motore preso a campione è sottoposto a una prova di quattro ore, così da consentire un’analisi statistica dei vari lotti di produzione. 

Maserati MC20
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
161
28
11
5
6
VOTO MEDIO
4,6
4.5782
211




Aggiungi un commento
Ritratto di Giuliopedrali
9 febbraio 2021 - 18:19
Precisando che a me piacciono le Maserati tutte a parte la Levante, guardando quanto grande e costoso è lo stabilimento di Mirafiori per produrre le Maserati di Serie: le berline e la SUV, cioè sprecare popò di stabilimento per costruire 400 auto al mese, cioè qualche decina al giorno, chissà che si torni come per questo motore Nettuno allo storico stabilimento di via Ciro Menotti a Modena, secondo me molto più adatto a costruire Maserati come si deve, cioè in serie ma non in grande serie come qualunque berlina BMW o Audi anche perchè a quanto pare Maserati ad inseguire quei numeri non ce la fa proprio: mi pareva che il rapporto tra Maserati Ghibli e BMW Serie 5 (per fare un esempio) stia attorno a 1/100...
Ritratto di alex_rm
9 febbraio 2021 - 18:54
Solo la levante é fatta a mirafiori,ghibli e quattro porte sono fatte a grugliasco negli stabilimenti ex bertone,lo stabilimento Maserati di Modena é in centro città é piccolo e non può essere ampliato per accoglie linee di montaggio moderne,infatti ci costruivano auto come alfa 4c.bisogna fare auto che fanno numeri
Ritratto di AndyCapitan
9 febbraio 2021 - 19:02
1
...io non capisco pero' perche' queste auto italiane di gran classe stentano in affidabilita'.....eppure dovremmo saperle progettare....boooo...un mio paesano ha la levante ma e' sempre in officina....e la usa poco.....ha l'avantreno che non sta apposto....problemi a componenti del motore e freni a disco gia' ovalizzati dopo 25 mila km....ma perche'.....booo.....e' un auto davvero bella ma purtroppo non brilla!....
Ritratto di Giuliopedrali
9 febbraio 2021 - 19:20
Nooooo che dici solo le MG tra quelle ormai in vendita in Italia sono difettose, anzi hanno tutti i difetti del mondo scusa sono cinesi non vorrai mica che non esplodano no?! Il mio vicino di casa aveva una Fiat Doblò e al lavoro tra l'altro andava in bici, comprata nuova o usata freschissima: giuro tutti i giorni ma tutti i giorni aveva qualcosa ma tutti i giorni che la usava, il mio Maggiolino mai avuto niente e la 33 quasi zero e aveva ormai 20 anni tenuta da cani ormai, è staat anche sommersa da un alluvione, andata in moto al primo colpo e viaggiato poi fino all'Ungheria ed era quasi d'epoca, era italiana anche quella ma più austro napoletana.
Ritratto di Giuliopedrali
9 febbraio 2021 - 19:23
Cioè scusate ma che nel mondo pensino che le cinesi siano inaffidabili (che poi può anche essere): mai sentite prima, detto dagli italiani o francesi o inglesi, le cui auto negli anni hanno allontanato la clientela internazionale proprio perchè Fix IT Again Tom: Fissala ancora Tom: Fiat...
Ritratto di Luzo
9 febbraio 2021 - 19:22
cioè un tuo paesano ha una maserati con l'avantreno che non sta apposto....e tutte le auto italiane di gran classe stentano in affidabilità........
Ritratto di Giuliopedrali
9 febbraio 2021 - 19:30
Sai se voglio un'auto super affidabile non so se scegliere una Toyota o quasi quasi una Maserati...
Ritratto di alphia
10 febbraio 2021 - 08:46
Non ci sono le classifiche di affidabilità fatte appositamente ? Coreane e Giapponesi sono le migliori in questo contesto, le Italiane non brillano come le Inglesi e in verità neanche le Francesi, invece Tedeschi a volte su come Porsche in altri casi non sempre all'altezza del nome, le Cinesi non ci sono mai in queste classifiche per ora perché poco presenti nei mercati in cui si sondaggia, o sbaglio ?
Ritratto di Giuliopedrali
10 febbraio 2021 - 15:59
Giaaponesi hanno inventato il concetto di affidabilità, e oggi di solito affidabili anche le tedesche, le italiane e americane di solito tra le peggiori, anche se ci sono state eccezioni, inglesi di solito piuttosto inaffidabili, ma almeno nel passato er adifficile trovare tra le inglesi auto di grande serie, cinesi da verificare anche se penso ci saranno sorprese abbastanza positive in futuro.
Ritratto di Giuliopedrali
9 febbraio 2021 - 19:07
Ghibli mi sembra a Mirafiori, ho visto anche un documentario. Con sta cosa dei numeri: in Maserati hanno fatto modelli sinceramente splendidi (le due berline) eppure numeri proprio zero, la Ghibli mi pare 1/100 circa di BMW Serie 5 in europa e Quattroporte una delle auto più esclusive e misteriose di oggi penso non ne abiano fatte più della Quattroporte anni 80, quella del 1979 che aveva anche Pertini, che purtroppo dagli americani è anche giudicata male: dicono sembri una loro Impala degli anni 80... Cioè sto correre dietro ai numeri negli ultimi anni ha prodotti auto splendide ma i numeri chissà quando arriveranno...
Pagine